bann_case2.jpg

Percorsi

Poster Lettere al direttore
Dite la vostra
Poster Forum
Dialogo con i lettori
Poster La mia finlandia
Foto, racconti, memorie
Poster Fin Ciak
Video, clip, interviste
Poster Teatro Finlandese
Testi in traduzione italiana
Poster Guida
Indirizzi utili in italiano

Pubblicità

 

Corrivo

Image

Una App per mezzi pubblici, taxi e car sharing: a Helsinki non serve più l’auto

Le app per trovare la strada più veloce per arrivare in qualsiasi luogo, per cercare e pagare i mezzi pubblici o per usare un’auto del car sharing sono ormai di uso comune per moltissimi utenti di smartphone, anche nelle città italiane. Helsinki, ora, fa un’ulteriore passo avanti: la capitale finlandese è infatti la prima a integrare in un’unica app mappe, trasporti pubblici urbani, treni, taxi, car sharing e autonoleggio tradizionale, realizzando un vero esempio di mobilità integrata.
Lanciato in modalità test lo scorso ottobre per un numero limitato di utenti, il servizio Whim è stato realizzato dal Comune di Helsinki in collaborazione con l’Autorità regionale per i trasporti. Digitando una destinazione nell’app, si ricevono suggerimenti sul percorso ottimale per raggiungerla utilizzando un mix di sistemi di trasporto, con la possibilità di rielaborare la richiesta escludendo i mezzi che non si vogliono o non si possono utilizzare (ad esempio, il car sharing se non si ha la patente). E soprattutto, una volta selezionato il percorso preferito, Whim provvede automaticamente a pagare tutti i mezzi necessari: sui mezzi pubblici la stessa app avrà la funzione di biglietto.
Ogni utente, sulla base delle proprie esigenze di utilizzo del traporto pubblico e/o condiviso, può scegliere la modalità di pagamento preferita fra il “pay per use” (con addebito delle tariffe per i vari mezzi utilizzati) o un forfait mensile di 249 euro che offre accesso illimitato ai trasporti pubblici e 5.500 “punti Whim” per l’uso di taxi e car sharing, equivalenti a due giorni di noleggio di un’auto o otto corse di dieci chilometri in taxi. In base al test condotto in questi mesi sui primi 100 utenti, il pacchetto da 249 euro è sufficiente a coprire le necessità di trasporto della maggioranza degli utenti urbani. Ed è comunque più economico rispetto ai costi di proprietà e utilizzo di un’auto.
L’ambizione di Whim, oltre che di semplificare la vita agli attuali utenti dei mezzi pubblici, è infatti quella di offrire una reale alternativa all’auto privata, al punto da convincere molti abitanti di Helsinki a rinunciare a possederne una (lo slogan dell´iniziativa è "meglio che avere un´auto"). In futuro, con l’estensione a tutti i cittadini della possibilità di accedere al servizio, i responsabili di Whim assicurano che saranno disponibili anche altre opzioni, con pacchetti tariffari più contenuti o ancora più estesi (quindi con un numero maggiore di “punti Whim”) per soddisfare le esigenze del maggior numero possibile di utenti.
L’esperimento di Helsinki rappresenta un’esperienza importante alla quale guardano con interesse gli amministratori di molte grandi città europee e mondiali: in Italia, in particolare, il Comune e la Città metropolitana di Milano stanno lavorando da tempo a un progetto di mobilità integrata per molti aspetti simile a Whim, ma ancora non si hanno notizie sui possibili tempi di avvio di una fase sperimentale. (www.swzone.it, 23.12.16, Stefano Fossati)

 

La Rondine - RSS Feed

La Rondine

Rondine
La Rondine

Cari lettori, stiamo rinnovando il nostro sito. Pertanto nelle prossime settimane La Rondine non sarà sempre accessibile e potra' presentare delle anomalie grafiche o di funzionamento. Ci scusiamo per gli inconvenienti.

"Toscana": un libro di storie di cucina Stampa E-mail
di Nicola Rainò   
Indice articolo
"Toscana": un libro di storie di cucina
Pagina 2
Pagina 3

Image

Quanto sa di parmigiano il buon tempo antico di Toscana

“Una cucina da poveri che può stare sulla tavola di un re”, esclamò un importante uomo di stato al seguito di Vittorio Emanuele II, esaltando la scoperta della gastronomia toscana a un piemontese di gusti notoriamente "popolari". Ecco, eleganza senza fronzoli, il marchio di quella Toscana non a caso patria di Caterina de' Medici. Che, come è noto, portò alla corte francese i suoi cuochi dal Mugello i quali, secondo Pierre de Brantôme, “sapevano molto bene accoppiare le leccornie alla lubricità e a quanto e più la scienza medica conoscesse”.

Scienza e arte, come recita il gran libro della gastronomia italiana di Pellegrino Artusi, giustamente più volte citato in questo nuovo libro sulla gastronomia italiana, opera di un toscano, Vittorio Giannini (l'ispiratore), della moglie Marita Joutjärvi (la redattrice) e accompagnato da un abbondante repertorio fotografico a cura di Satu Nyström.

Image

I libri dedicati alla gastronomia italiana, in Finlandia, abbondano, ben più delle pubblicazioni di carattere scientifico e tecnologico e persino dei testi letterari: segno di un gusto e di un mercato che, nel tempo, hanno ridimensionato gli interessi dei finlandesi nei confronti del prodotto "Italia". Non che si faccia molto, per rilanciare quel prodotto. Quando si guardi in giro nelle librerie, nei Musei, al cinema e nelle rare mostre, non si ha dell'Italia un'immagine viva e produttiva, semmai, al contrario, quella di un angolo della memoria, del come eravamo belli e giovani, una volta. Del resto, quando dall'Italia, con un certo sforzo, importiamo i Presepi tradizionali coi pastori e le pecorelle, quando la mitica Vespa rimane un esempio dell'ingegno italico (la si tira fuori anche per pubblicizzare corsi di italiano), e Ramazzotti e Pausini impazzano in ogni locale che presenti e venda prodotti italiani, non ci si deve meravigliare che quanto di più tradizionale, la cucina e la gastronomia, resistano come un baluardo delle virtù italiche nell'epoca della globalizzazione. Che in Finlandia, come è noto, fa miracoli e sfracelli.Image

Anche questo libro nasce all'insegna della memoria e della nostalgia. Il fiorentino Giannini ha aperto lo scrigno dei ricordi e delle foto di famiglia, a cominciare dalla pizzicheria di nonno Giannini in Via Senese, passando per immagini della vita quotidiana, delle vacanze, delle gite fuori porta, della guerra. Il color seppia di queste vecchie foto piene di bambini, di uomini in divisa e nonne col gonnellone, racconta l'epopea del come si stava bene, e soprattutto come si mangiava bene, quando eravamo tutti più poveri, e più manuali che digitali. Il libro, dunque, non è un tradizionale manuale di cucina, nonostante abbia la sua bella dose di ricette, ma un racconto di come si viveva una volta, diviso per capitoli di storia famigliare ed epocale. La grafica volutamente si adegua alla scelta arcaicizzante, i caratteri e i finalini del testo riprendono quello stile Belle Epoque che (guarda la coincidenza) è diventato così di moda negli ultimi tempi, a cominciare dall'ultimo romanzo di Sofi Oksanen, "Norma". Roba da fin-de-siècle, o, dati i tempi, da "Ultimi giorni dell'umanità"?

Image

Detto della tendenza, torno al libro per segnalare una prima impressione poco gradevole: l'uso eccessivo dei filtri nella stampa a colore, che spalma su tutto il volume una tonalità rossiccia e acida che rende l'insieme piuttosto monotono, uno sforzo creativo a sé che finisce per coprire la varietà delle presentazioni. Che ne è di quella "asciuttezza" che tanta parte ha nel gusto toscano, non solo in cucina? Semplicità senza fronzoli: una traduzione difficile.


 
< Prec.   Pros. >

Pubblicità

Image

Viaggi frizzanti, assaggi inebrianti

 

Eventi

ROMA - Villa Lante al Gianicolo
Giovedì 4 maggio

Image

Musiche di Francesco Paolo Tosti

Giovedì 4 maggio, alle ore 20, a Villa Lante al Gianicolo, omaggio a Francesco Paolo Tosti (1846-1916) con tre artisti “ambasciatori tostiani” a livello internazionale, raffinati interpreti del genere musicale della romanza da salotto e membri dell’Istituto Nazionale Tostiano di Ortona: il soprano Donata D'Annunzio Lombardi, riconosciuta come una delle principali interpreti pucciniane, Leonardo Caimi, tenore apprezzato nei teatri di tutto il mondo, Isabella Crisante, affermata pianista e consulente artistico dell’Istituto Tostiano.
Il concerto è preceduto, alle ore 18, da una presentazione multimediale ed esposizione di materiali provenienti dal museo dell’Istituto Tostiano, a cura di Gianfranco Miscia, responsabile del museo e della biblioteca dell’Istituto stesso.

Image

info: 328.6294500
Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo

 

Pubblicità

 

Eventi

Università di Napoli - L'Orientale

12 maggio, ore 12.30 -14

Image

Markku Kaskela e il centenario della Finlandia


Lo scrittore e poeta finlandese terrà una conferenza su “Finlandia: 100 anni dall’indipendenza”.

Partecipano all'incontro la prof.ssa Pirjo Nummenaho e la dott.ssa Riikka Lindholm.

Dipartimento di Studi Letterari, Linguistici e Comparati

Palazzo Santa Maria Porta Coeli, via Duomo 219

Primo piano, aula 116.