bann_case2.jpg

Percorsi

Poster Lettere al direttore
Dite la vostra
Poster Forum
Dialogo con i lettori
Poster La mia finlandia
Foto, racconti, memorie
Poster Fin Ciak
Video, clip, interviste
Poster Teatro Finlandese
Testi in traduzione italiana
Poster Guida
Indirizzi utili in italiano

Pubblicità

 

Corrivo

Image

Una App per mezzi pubblici, taxi e car sharing: a Helsinki non serve più l’auto

Le app per trovare la strada più veloce per arrivare in qualsiasi luogo, per cercare e pagare i mezzi pubblici o per usare un’auto del car sharing sono ormai di uso comune per moltissimi utenti di smartphone, anche nelle città italiane. Helsinki, ora, fa un’ulteriore passo avanti: la capitale finlandese è infatti la prima a integrare in un’unica app mappe, trasporti pubblici urbani, treni, taxi, car sharing e autonoleggio tradizionale, realizzando un vero esempio di mobilità integrata.
Lanciato in modalità test lo scorso ottobre per un numero limitato di utenti, il servizio Whim è stato realizzato dal Comune di Helsinki in collaborazione con l’Autorità regionale per i trasporti. Digitando una destinazione nell’app, si ricevono suggerimenti sul percorso ottimale per raggiungerla utilizzando un mix di sistemi di trasporto, con la possibilità di rielaborare la richiesta escludendo i mezzi che non si vogliono o non si possono utilizzare (ad esempio, il car sharing se non si ha la patente). E soprattutto, una volta selezionato il percorso preferito, Whim provvede automaticamente a pagare tutti i mezzi necessari: sui mezzi pubblici la stessa app avrà la funzione di biglietto.
Ogni utente, sulla base delle proprie esigenze di utilizzo del traporto pubblico e/o condiviso, può scegliere la modalità di pagamento preferita fra il “pay per use” (con addebito delle tariffe per i vari mezzi utilizzati) o un forfait mensile di 249 euro che offre accesso illimitato ai trasporti pubblici e 5.500 “punti Whim” per l’uso di taxi e car sharing, equivalenti a due giorni di noleggio di un’auto o otto corse di dieci chilometri in taxi. In base al test condotto in questi mesi sui primi 100 utenti, il pacchetto da 249 euro è sufficiente a coprire le necessità di trasporto della maggioranza degli utenti urbani. Ed è comunque più economico rispetto ai costi di proprietà e utilizzo di un’auto.
L’ambizione di Whim, oltre che di semplificare la vita agli attuali utenti dei mezzi pubblici, è infatti quella di offrire una reale alternativa all’auto privata, al punto da convincere molti abitanti di Helsinki a rinunciare a possederne una (lo slogan dell´iniziativa è "meglio che avere un´auto"). In futuro, con l’estensione a tutti i cittadini della possibilità di accedere al servizio, i responsabili di Whim assicurano che saranno disponibili anche altre opzioni, con pacchetti tariffari più contenuti o ancora più estesi (quindi con un numero maggiore di “punti Whim”) per soddisfare le esigenze del maggior numero possibile di utenti.
L’esperimento di Helsinki rappresenta un’esperienza importante alla quale guardano con interesse gli amministratori di molte grandi città europee e mondiali: in Italia, in particolare, il Comune e la Città metropolitana di Milano stanno lavorando da tempo a un progetto di mobilità integrata per molti aspetti simile a Whim, ma ancora non si hanno notizie sui possibili tempi di avvio di una fase sperimentale. (www.swzone.it, 23.12.16, Stefano Fossati)

 

La Rondine - RSS Feed

La Rondine

Rondine
La Rondine

Cari lettori, stiamo rinnovando il nostro sito. Pertanto nelle prossime settimane La Rondine non sarà sempre accessibile e potra' presentare delle anomalie grafiche o di funzionamento. Ci scusiamo per gli inconvenienti.

"The Voice of Finland": un'altra star italiana Stampa E-mail
di Giacomo Bottà   
Indice articolo
"The Voice of Finland": un'altra star italiana
Pagina 2
Pagina 3

Come sta andando The Voice? come sei stato selezionato, perché hai deciso di entrare nel team di Monroe? come è Monroe di persona? cosa ti ha dato questa esperienza? sei anche finito sul palco del Nosturi con la sua band, come è stata quell’esperienza?

Image

La scorsa primavera mi trovavo a Copenhagen per un paio di mesi, e Michael Monroe aveva un concerto in programma proprio lì.. Ne rimasi folgorato. Michael ha un’energia incredibile, il palco è veramente “casa sua”. Pochi come lui. Penso a Steven Tyler, ma non mi viene in mente nessun altro. In ogni caso, è proprio in quell’occasione che decisi di provare ad entrare a The Voice. Chiaramente, nel team di Michael... È veramente una persona squisita, ci ha presi letteralmente sotto la sua ala, ed è sempre disponibile a darci consigli. Michael è così come lo vedi, non ti manda a dire niente, ed apprezzo molto il suo modo d’essere. Cantare con lui e la sua band ad Helsinki è stato una specie di battesimo del Rock. Dead Jail and Rock n’ Roll, il brano che abbiamo duettato a Nosturi e ad Ihku, è originariamente cantata con Axl Rose. I Guns N’ Roses sono il gruppo che mi ha iniziato alla musica fin da tenera età, puoi quindi immaginare come mi sia sentito... Se dovessi riuscire ad andare in finale, probabilmente quello sarebbe il pezzo che potremmo fare. Chissà.

Image

Sei il terzo italiano lungocrinito (n.d.a. Noi de La Rondine abbiamo quasi tutti seri problemi di alopecia, quindi questa domanda è anche dettata da pura invidia) e rockettaro che partecipa a The Voice dopo Paolo e Luca, come te lo spieghi? È perché la Finlandia attrae molti appassionati di hard rock / metal etc.? `È perché siamo il paese del bel canto? Qual è la differenza tra essere un rocker qui e in Italia?
Secondo la mia esperienza e il mio vissuto, in Finlandia la musica rock è di casa, in Italia è un po’ un ospite.. Fare la scelta di trasferirmi qui non è stato difficile. Live-music dappertutto, capelloni in abbondanza, bar Hevi-karaoke... Mi sono sentito subito a casa. Ricordo che all’epoca in Italia non c’erano radio di musica rock. In Finlandia, più di una! Una delle prime volte, mentre stavo guidando, accesi la radio mentre passavano Civil War dei Guns n’ Roses: un delirio... la urlai fino alla fine... ero in estasi.
L’essere il terzo italiano rockettaro a The Voice of Finland direi che è un caso divertente.

Pur avendo tutti e tre capelli lunghi ed essendo appassionati di rock, avete anche delle grandi differenze: Paolo è un accademico e fan del metal classico anni ottanta, Luca è un rocker anni settanta, che ha fatto un disco influenzato dalla psichedelia inglese, dal prog italiano e dalla west-coast, tu invece mi sembri più vicino ai novanta e primi 2000, quindi grunge e un certo tipo di nuovo folk americano, cosa ne pensi?
Il gruppo che mi ha avvicinato alla musica sono i Guns N’ Roses, prima alla chitarra con Slash, e poi al canto, con Axl. Adoro i Deep Purple, ma anche i Muse... È difficile dire.


 
< Prec.   Pros. >

Pubblicità

Image

Viaggi frizzanti, assaggi inebrianti

 

Eventi

ROMA - Villa Lante al Gianicolo
Giovedì 4 maggio

Image

Musiche di Francesco Paolo Tosti

Giovedì 4 maggio, alle ore 20, a Villa Lante al Gianicolo, omaggio a Francesco Paolo Tosti (1846-1916) con tre artisti “ambasciatori tostiani” a livello internazionale, raffinati interpreti del genere musicale della romanza da salotto e membri dell’Istituto Nazionale Tostiano di Ortona: il soprano Donata D'Annunzio Lombardi, riconosciuta come una delle principali interpreti pucciniane, Leonardo Caimi, tenore apprezzato nei teatri di tutto il mondo, Isabella Crisante, affermata pianista e consulente artistico dell’Istituto Tostiano.
Il concerto è preceduto, alle ore 18, da una presentazione multimediale ed esposizione di materiali provenienti dal museo dell’Istituto Tostiano, a cura di Gianfranco Miscia, responsabile del museo e della biblioteca dell’Istituto stesso.

Image

info: 328.6294500
Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo

 

Pubblicità

 

Eventi