bann_case1.jpg

Percorsi

Poster Lettere al direttore
Dite la vostra
Poster Forum
Dialogo con i lettori
Poster La mia finlandia
Foto, racconti, memorie
Poster Fin Ciak
Video, clip, interviste
Poster Teatro Finlandese
Testi in traduzione italiana
Poster Guida
Indirizzi utili in italiano

Pubblicità

 

Corrivo

Image

2018 anno europeo del patrimonio culturale

Il 2018, dichiarato Anno europeo del patrimonio culturale, sarà dedicato alla promozione della diversità culturale, del dialogo interculturale e della coesione sociale.
L’impegno si rivolgerà ad evidenziare il contributo economico dei beni culturali per i settori culturali e creativi e a sottolineare il ruolo del patrimonio culturale nelle relazioni esterne dell’Ue, tra cui la prevenzione dei conflitti, la riconciliazione post-conflitto e la ricostruzione del patrimonio culturale eventualmente distrutto.
Gli obiettivi generali dell'Anno europeo sono:
- promuovere la diversità culturale, il dialogo interculturale e la coesione sociale
- evidenziare il contributo economico offerto dal patrimonio culturale ai settori culturale e creativo, compreso per le piccole e medie imprese, e allo sviluppo locale e regionale
- sottolineare il ruolo del patrimonio culturale nelle relazioni esterne dell'UE, inclusa la prevenzione dei conflitti, la riconciliazione postbellica e la ricostruzione del patrimonio culturale distrutto
L'Anno europeo potrà contare su una dotazione finanziaria dedicata pari a 8 milioni di EUR, 4 saranno erogati dal programma Europa Creativa e gli altri 4 da altri programmi UE quali Erasmus Plus, Horizon 2020 ed Europa dei Cittadini che parteciperanno con bandi dedicati.
Gli Stati membri nomineranno dei coordinatori nazionali per promuovere le iniziative dirette nel proprio paese e raccordarsi con quelle “bandiera” promosse dalla Commissione. Rappresentanti del Parlamento europeo potranno partecipare in qualità di osservatori alle riunioni dei coordinatori nazionali organizzate dalla Commissione per lo svolgimento dell'Anno europeo.
Il 2018 Anno europeo del patrimonio culturale sarà presentato al Forum della Cultura in programma a dicembre 2017 a Milano.
La Decisione (UE) 2017/864 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 17 maggio 2017, relativa a un Anno europeo del patrimonio culturale (2018) è stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale dell'Unione europea, il 20 maggio scorso. (G. Nitti)

Testo cliccando qui

 

La Rondine - RSS Feed

La Rondine

Rondine
La Rondine

Cari lettori, stiamo rinnovando il nostro sito. Pertanto nelle prossime settimane La Rondine non sarà sempre accessibile e potra' presentare delle anomalie grafiche o di funzionamento. Ci scusiamo per gli inconvenienti.

I funerali di Mauno Koivisto Stampa E-mail
di Gianfranco Nitti   
Indice articolo
I funerali di Mauno Koivisto
Pagina 2

Image

Ripresentiamo un’intervista del 1981 allo statista scomparso

Mauno Koivisto è deceduto il 12 maggio scorso a Helsinki all’età di 93 anni. Nato a Turku nel 1923, Koivisto è stato il nono Presidente della Repubblica di Finlandia per dodici anni, dal 1982 al 1994, raccogliendo la pesante eredità di Urho Kekkonen. Nella sua lunga carriera politica è stato anche primo ministro, ministro per l’economia e direttore della Banca di Finlandia.

Con i solenni funerali di Stato tenutisi oggi, 25 maggio, si chiude la parabola umana di uno statista, di estrazione socialdemocratica, il cui segno distintivo essenziale è stato quello di aver avviato la Finlandia verso l’adesione alla Unione Europea, dopo la dissoluzione dell’URSS nel 1991. In precedenza, il paese nordico si era caratterizzato per una stretta neutralità tra i due blocchi che si fronteggiavano, fino alla caduta del muro di Berlino.

Una grande folla si è stretta attorno alla sua salma, prima nel Duomo, alla presenza delle massime autorità del paese, dove si è tenuta una cerimonia religiosa, e poi per le strade lungo cui il sobrio corteo di automobili è scivolato attraversando il centro della capitale, fino al cimitero di Hietaniemi. Un grande silenzio ha accompagnato il corteo, nonostante la profonda commozione che tutti i presenti provavano, in rappresentanza del dolore della Finlandia intera. Personaggio di aspetto mite, aveva saputo prendere posizioni polemiche in varie occasioni anche rispetto alle scelte politiche del suo paese. Ma sempre con una sana dose di equilibrio ed eleganza.

Image

Riprendo qui un ricordo personale risalente al 1981 allorquando Koivisto, in carica come Primo ministro, durante una delle mie periodiche visite in Finlandia, mi concesse l’opportunità di un incontro con un’intervista di cui mi fa piacere riprodurre il contenuto.

Il testo era stato pubblicato sul quotidiano di Taranto “Il Corriere del Giorno”, il 30 settembre 1981, pagina 3.

Image

A colloquio con Koivisto l’uomo nuovo

AL CONFINE CON L'EST

Primo ministro e leader della coalizione di centro-sinistra
al governo finlandese dal maggio 1979 non ha rivali nella successione al presidente Kekkonen


Il progressivo deteriorarsi dello stato di salute del presidente finlandese Urho Kekkonen pone alla Finlandia un delicato problema di successione, ed in particolare ha fatto tornare d‘attualità i problemi del futuro delle relazioni fra Finlandia e l‘Unione Sovietica. In carica dal 1956. l‘ Bienne presidente finlandese, ha instaurato con l‘Urss un rapporto basato soprattutto sulla posizione di neutralità militare e politica del suo Paese rispetto ai blocchi internazionali e poggiato su un accordo per la stabilita e la prosperità economica con un sistema assai complesso di equilibri nelle forniture da e verso l‘Urss, divisa dalla Finlandia, da una frontiera di 800 miglia.
Kekkonen, che soffre di disturbi di circolazione del sangue, è attualmente in clinica ed e stato sostituito dal primo ministro Mauno Koivisto, che ha avuto un mandato temporaneo dal 10 settembre al 10 ottobre.


 
< Prec.   Pros. >

Pubblicità

Image

Viaggi frizzanti, assaggi inebrianti

 

Eventi

Fantastica!

Image

A Tampere, in mostra i capolavori di Valentino

Alcune tra le più straordinarie creazioni viste in passerella, gli abiti di alta moda di Valentino, sono in mostra al Museo Milavida di Tampere, la capitale industriale della Finlandia. Intitolata Fantastica! Abiti di Valentino da collezioni private, è una mostra che rappresenta innanzi tutto una celebrazione dell’alta moda: sotto i riflettori vi sono non solo gli abiti di Valentino provenienti da collezioni private, ma anche il loro retroterra artigianale e la minuziosa esperienza di tessitori, sarti e ricamatori, che rendono ogni capo prezioso come un gioiello.
La raffinatezza e la cura dei dettagli fanno sì che Valentino venga definito “L’ultimo imperatore della moda”.
Ottima l’occasione, per i curiosi, per conoscere l’edificio storico che ospita la mostra, Il Castello di Näsi (Näsilinna) a Tampere, nel quartiere di Finlayson.
Il magnifico palazzo è stato costruito nel 1898 da Peter von Nottbeck, figlio di Wilhelm von Nottbeck, con progetto di Karl August Wrede, autore celebre per una serie di grandi edifici come la Biblioteca municipale di Turku. Il palazzo nel 1905 fu ceduto dagli eredi al comune di Tampere.
Danneggiato a più riprese durante la guerra civile, e poi durante la seconda guerra mondiale, l’edificio ha subito profondi restauri, tra il 2013 e il 2015, recuperando la sua originaria bellezza. Oggi Näsilinna, oltre al Museo, ospita anche un caffè e un ristorante.

Image

Valentino Garavani è uno degli stilisti più famosi, ha vestito il bel mondo internazionale, ed è talmente celebre da aver dato il suo nome a una varietà di rosso. Come grandi pittori del passato, da Carpaccio a Tiziano.

Mostra: Museo Milavida - Tampere

dal 15 giugno al 15 ottobre
http://museomilavida.fi/en/museum-milavida/

 

Pubblicità

 

Eventi