long_banner5.jpg

Percorsi

Poster Lettere al direttore
Dite la vostra
Poster Forum
Dialogo con i lettori
Poster La mia finlandia
Foto, racconti, memorie
Poster Fin Ciak
Video, clip, interviste
Poster Teatro Finlandese
Testi in traduzione italiana
Poster Guida
Indirizzi utili in italiano

Pubblicità

 

Corrivo

Image

Una App per mezzi pubblici, taxi e car sharing: a Helsinki non serve più l’auto

Le app per trovare la strada più veloce per arrivare in qualsiasi luogo, per cercare e pagare i mezzi pubblici o per usare un’auto del car sharing sono ormai di uso comune per moltissimi utenti di smartphone, anche nelle città italiane. Helsinki, ora, fa un’ulteriore passo avanti: la capitale finlandese è infatti la prima a integrare in un’unica app mappe, trasporti pubblici urbani, treni, taxi, car sharing e autonoleggio tradizionale, realizzando un vero esempio di mobilità integrata.
Lanciato in modalità test lo scorso ottobre per un numero limitato di utenti, il servizio Whim è stato realizzato dal Comune di Helsinki in collaborazione con l’Autorità regionale per i trasporti. Digitando una destinazione nell’app, si ricevono suggerimenti sul percorso ottimale per raggiungerla utilizzando un mix di sistemi di trasporto, con la possibilità di rielaborare la richiesta escludendo i mezzi che non si vogliono o non si possono utilizzare (ad esempio, il car sharing se non si ha la patente). E soprattutto, una volta selezionato il percorso preferito, Whim provvede automaticamente a pagare tutti i mezzi necessari: sui mezzi pubblici la stessa app avrà la funzione di biglietto.
Ogni utente, sulla base delle proprie esigenze di utilizzo del traporto pubblico e/o condiviso, può scegliere la modalità di pagamento preferita fra il “pay per use” (con addebito delle tariffe per i vari mezzi utilizzati) o un forfait mensile di 249 euro che offre accesso illimitato ai trasporti pubblici e 5.500 “punti Whim” per l’uso di taxi e car sharing, equivalenti a due giorni di noleggio di un’auto o otto corse di dieci chilometri in taxi. In base al test condotto in questi mesi sui primi 100 utenti, il pacchetto da 249 euro è sufficiente a coprire le necessità di trasporto della maggioranza degli utenti urbani. Ed è comunque più economico rispetto ai costi di proprietà e utilizzo di un’auto.
L’ambizione di Whim, oltre che di semplificare la vita agli attuali utenti dei mezzi pubblici, è infatti quella di offrire una reale alternativa all’auto privata, al punto da convincere molti abitanti di Helsinki a rinunciare a possederne una (lo slogan dell´iniziativa è "meglio che avere un´auto"). In futuro, con l’estensione a tutti i cittadini della possibilità di accedere al servizio, i responsabili di Whim assicurano che saranno disponibili anche altre opzioni, con pacchetti tariffari più contenuti o ancora più estesi (quindi con un numero maggiore di “punti Whim”) per soddisfare le esigenze del maggior numero possibile di utenti.
L’esperimento di Helsinki rappresenta un’esperienza importante alla quale guardano con interesse gli amministratori di molte grandi città europee e mondiali: in Italia, in particolare, il Comune e la Città metropolitana di Milano stanno lavorando da tempo a un progetto di mobilità integrata per molti aspetti simile a Whim, ma ancora non si hanno notizie sui possibili tempi di avvio di una fase sperimentale. (www.swzone.it, 23.12.16, Stefano Fossati)

 
Ristorante La Villetta Stampa E-mail
di Risto Ranta   

Image

Ristorante "La Villetta"
Ruusulankatu 8, Helsinki

Torniamo in Finlandia a visitare il Ristorante La Villetta, situato in una stradina di Töölö non lontano dal museo dei tram, in una fresca serata di fine aprile. Le nostre aspettative erano abbastanza alte, ma sono state subito ridimensionate dal trascurato esterno del locale, che esibisce una foto di una vecchia formazione del Milan. Male. Le tende, dai colori stinti, che coprono le finestre e il nome scritto con adesivi corsiveggianti si aggiungono al quadretto. Molto male.

Guida al punteggio

I locali vengono classificati come segue:
- Cucina: da 1 a 30, dove 18 è considerato appena sufficiente (come negli esami universitari).
- Cantina: da 1 a 10, valutando sia l’ampiezza della scelta sia la qualità delle bottiglie
- Servizio: da 1 a 10. Velocità ed efficienza in primis, ma anche cortesia e simpatia.
- Prezzo: da 1 a 10. Rapportato alla qualità.
- Bonus: dato per particolari amenità o piacevolezze.

Il totale del punteggio è espresso in sessantesimi, proprio come al vecchio diploma di maturità. Quindi 36 denoterà un locale nel complesso appena sufficiente, 48 un buon locale e 60 l’eccellenza (la troveremo mai?)


Cucina: 18
Cantina: 5
Servizio: 5
Prezzo: 5
Bonus: 0

Totale: 33

 

 

 

 

Entriamo nel locale strapieno e ci fanno accomodare in un tavolo ricavato mettendo in fila tre tavolini da due, che sono addirittura di altezze diverse. Complimenti a chi ha scelto l’arredamento!

 

Il servizio non si presenta bene: subito ci chiedono cosa vogliamo bere, e quando ordiniamo birra Peroni ci dicono che ne sono rimaste solo due. Ma come si fa? Ci offrono invece una Karhu alla spina, di cui avremmo fatto volentieri a meno, ma vista la lista dei vini, di dubbia qualità, scarna e dai prezzi esosi, preferiamo non sperimentare.

Le birre si fanno attendere, così come l’antipasto rustico, che dovrebbe essere composto da affettati misti, rucola e sottoli, più bruschette. Si presenta invece coperto da pseudo-grana grattato anche sopra il salame (che di per sé sarebbe stato di discreta qualità). Ottimo modo per rovinare tutto.

ImageContinuiamo con la pizza, e con la sofferenza: la napoletana arriva letteralmente coperta d’aglio. Alla nostra richiesta di spiegazioni rispondono che ai finlandesi piace così (sic!), ma ce la cambiano, pur con qualche smorfia. La prelibata, una specie di quattro stagioni arricchita, arriva anch’essa coperta di parmigiano (al nostro gusto grana di seconda qualità) grattato sopra. Una persecuzione! Anche la ricotta non sembra autentica. Peccato, perché la base delle pizze non è male, e alcuni degli ingredienti (vedi il prosciutto) sono passabili.

Concludiamo con un caffè discreto, e con un conto troppo salato, che ci fa uscire con l’amaro in bocca.

Questo locale è l’esempio perfetto dell’eterna promessa mai mantenuta di un buon ristorante italiano a un prezzo ragionevole in Finlandia. Pare che in questa nazione non si riesca a fare una pizzeria di livello buono senza incappare in finlandesizzazioni inaccettabili, o senza scadere di qualità in maniera eclatante, proprio come succede alla Villetta.

A giudicare dai commenti dei frequentatori dei forum in internet (ad esempio questo di eat.fi), anche a Helsinki non mancano quelli che la pensano come noi.

RISTORANTE LA VILLETTA
Ruusulankatu 8, Helsinki
+358 9 498960
http://
www.villetta.fi/

(La Rondine - 12.5.2010)

Copyright © Risto Ranta 2010

 
< Prec.   Pros. >

Pubblicità

Image

Viaggi frizzanti, assaggi inebrianti

 

Eventi

ROMA - Villa Lante al Gianicolo
Giovedì 4 maggio

Image

Musiche di Francesco Paolo Tosti

Giovedì 4 maggio, alle ore 20, a Villa Lante al Gianicolo, omaggio a Francesco Paolo Tosti (1846-1916) con tre artisti “ambasciatori tostiani” a livello internazionale, raffinati interpreti del genere musicale della romanza da salotto e membri dell’Istituto Nazionale Tostiano di Ortona: il soprano Donata D'Annunzio Lombardi, riconosciuta come una delle principali interpreti pucciniane, Leonardo Caimi, tenore apprezzato nei teatri di tutto il mondo, Isabella Crisante, affermata pianista e consulente artistico dell’Istituto Tostiano.
Il concerto è preceduto, alle ore 18, da una presentazione multimediale ed esposizione di materiali provenienti dal museo dell’Istituto Tostiano, a cura di Gianfranco Miscia, responsabile del museo e della biblioteca dell’Istituto stesso.

Image

info: 328.6294500
Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo

 

Pubblicità

 

Eventi