long_banner5.jpg

Percorsi

Poster Lettere al direttore
Dite la vostra
Poster Forum
Dialogo con i lettori
Poster La mia finlandia
Foto, racconti, memorie
Poster Fin Ciak
Video, clip, interviste
Poster Teatro Finlandese
Testi in traduzione italiana
Poster Guida
Indirizzi utili in italiano

Pubblicità

 

Corrivo

Image

2018 anno europeo del patrimonio culturale

Il 2018, dichiarato Anno europeo del patrimonio culturale, sarà dedicato alla promozione della diversità culturale, del dialogo interculturale e della coesione sociale.
L’impegno si rivolgerà ad evidenziare il contributo economico dei beni culturali per i settori culturali e creativi e a sottolineare il ruolo del patrimonio culturale nelle relazioni esterne dell’Ue, tra cui la prevenzione dei conflitti, la riconciliazione post-conflitto e la ricostruzione del patrimonio culturale eventualmente distrutto.
Gli obiettivi generali dell'Anno europeo sono:
- promuovere la diversità culturale, il dialogo interculturale e la coesione sociale
- evidenziare il contributo economico offerto dal patrimonio culturale ai settori culturale e creativo, compreso per le piccole e medie imprese, e allo sviluppo locale e regionale
- sottolineare il ruolo del patrimonio culturale nelle relazioni esterne dell'UE, inclusa la prevenzione dei conflitti, la riconciliazione postbellica e la ricostruzione del patrimonio culturale distrutto
L'Anno europeo potrà contare su una dotazione finanziaria dedicata pari a 8 milioni di EUR, 4 saranno erogati dal programma Europa Creativa e gli altri 4 da altri programmi UE quali Erasmus Plus, Horizon 2020 ed Europa dei Cittadini che parteciperanno con bandi dedicati.
Gli Stati membri nomineranno dei coordinatori nazionali per promuovere le iniziative dirette nel proprio paese e raccordarsi con quelle “bandiera” promosse dalla Commissione. Rappresentanti del Parlamento europeo potranno partecipare in qualità di osservatori alle riunioni dei coordinatori nazionali organizzate dalla Commissione per lo svolgimento dell'Anno europeo.
Il 2018 Anno europeo del patrimonio culturale sarà presentato al Forum della Cultura in programma a dicembre 2017 a Milano.
La Decisione (UE) 2017/864 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 17 maggio 2017, relativa a un Anno europeo del patrimonio culturale (2018) è stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale dell'Unione europea, il 20 maggio scorso. (G. Nitti)

Testo cliccando qui

 
Ravintola Santorini Stampa E-mail
di Risto Ranta   

Image

Ravintola Santorini

Ristorante greco - Tasetie, 5 Vantaa

Continua, seppure a rilento, la nostra serie sui ristoranti etnici. In fondo, siamo finnici, e le cose troppo veloci non ci piacciono. Stavolta ci ospita il ristorante greco Santorini, che è situato a Vantaa, nel centro commerciale Jumbo/Flamingo, nella “food court” davanti all’ingresso dell’albergo Sokos.

Guida al punteggio

I locali vengono classificati come segue:
- Cucina: da 1 a 30, dove 18 è considerato appena sufficiente (come negli esami universitari).
- Cantina: da 1 a 10, valutando sia l’ampiezza della scelta sia la qualità delle bottiglie
- Servizio: da 1 a 10. Velocità ed efficienza in primis, ma anche cortesia e simpatia.
- Prezzo: da 1 a 10. Rapportato alla qualità.
- Bonus: dato per particolari amenità o piacevolezze.

Il totale del punteggio è espresso in sessantesimi, proprio come al diploma di maturità. Quindi 36 denoterà un locale nel complesso appena sufficiente, 48 un buon locale e 60 l’eccellenza (la troveremo mai?)


Cucina: 27
Cantina: 7
Servizio: 7
Prezzo: 8
Bonus: 3

Totale: 52


Gli interni del ristorante sono molto piacevoli, arredati in stile ma senza sfondare nella pacchianeria che troppo spesso caratterizza i ristoranti di questo tipo. Le finestre a specchio, che danno la sensazione di una sala molto più vasta, e il panorama di Santorini a tutto muro valgono senza dubbio un bonus.

Arriviamo in un mercoledì sera di luglio, e subito lo staff ci accoglie con gentilezza e puntualità. Il ristorante è semivuoto, ma i tavoli sono riempiti con metodo, evitando la spiacevole sensazione di essere gli unici nella sala.

Il menù è ben strutturato, con gli antipasti all’inizio (finalmente!), e una chiara separazione tra piatti di pesce (pochi, per la verità) e carne (la maggioranza). Da notare anche la presenza di tre piatti dedicati ai bambini.

La cameriera greca che prende l’ordine è gentile, anche se le sue spiegazioni sono penalizzate dalla conoscenza non proprio perfetta del finlandese. Fa nulla, visto che si fa capire bene a gesti, in buono stile mediterraneo. Dietro, il sornione Nikos gestisce il locale sapientemente, intervenendo ad aiutare quando nota che la situazione si fa problematica.

Tra gli antipasti, spiccano le insalate, veramente ben presentate e ricche di ingredienti molto freschi. La porzione di formaggio halloumi fritto è da applausi (e decisamente da bonus): raramente, anche in Medio Oriente, abbiamo trovato un formaggio così morbido e saporito, fritto in maniera sapiente, con pochissimo olio e per pochissimo tempo, come la regola d’oro della frittura vorrebbe.

ImageContinuiamo con un kleftiko, cioè un cosciotto di agnello in tranci cotto in una salsa di vino rosso. Quanti cuochi e titolari di ristoranti cosiddetti italiani in Finlandia manderemmo ad assaggiare com’è fatta questa pietanza! La carne è di ottima qualità, ed è cotta al punto giusto (né poco né troppo) in una salsa di vino rosso, che la rende tenerissima. Le verdure grigliate (peperoni e zucchini) che la fiancheggiano sono fatte come nostro Signore comanda, e ci fanno anche chiudere un occhio sulle impresentabili kermalohkoperunat, che lasciamo sdegnati sul piatto (ma d’altronde un pegno ai clienti finlandesi bisogna pur pagarlo). Se potessimo dare due bonus a questo piatto lo faremmo – uno se lo merita a pieni voti!

ImageLa cantina ci riserva il piacere di qualche vino discreto, per quanto siano in maggioranza vini greci, e quindi ben poco ci si possa aspettare da loro. La birra greca Mythos, commerciale ma buona, corona il tutto con dignità (anche se dovrebbe essere messa in maggiore evidenza rispetto alle Lapin Kulta e Karhu che intingono il menù).

Il servizio, come detto, è gentile e professionale, e pure adeguato alle dimensioni del locale: mai abbiamo dovuto supplicare i camerieri di venire come troppo spesso accade a queste latitudini.

Infine una nota sul prezzo finale: ci troviamo in uno dei centri commerciali più popolari della Finlandia, mangiamo benissimo (due portate più un caffè, ben fatto), beviamo il giusto (solo birra, per la verità) e ci troviamo a spendere meno di 40 euro a testa: bonus obbligatorio e complimenti vivissimi!

Chiudiamo con una provocazione: è davvero così difficile replicare tutto quello che fanno a Santorini in un ristorante italiano?

ImageRavintola Santorini
Ristorante greco
Tasetie, 5 (presso il centro commerciale Jumbo / Flamingo)
Vantaa
Tel: 09-7530227
http://www.santorini.fi/

 

(La Rondine - 14.9.2011)

 
Pros. >

Pubblicità

Image

Viaggi frizzanti, assaggi inebrianti

 

Eventi

Fantastica!

Image

A Tampere, in mostra i capolavori di Valentino

Alcune tra le più straordinarie creazioni viste in passerella, gli abiti di alta moda di Valentino, sono in mostra al Museo Milavida di Tampere, la capitale industriale della Finlandia. Intitolata Fantastica! Abiti di Valentino da collezioni private, è una mostra che rappresenta innanzi tutto una celebrazione dell’alta moda: sotto i riflettori vi sono non solo gli abiti di Valentino provenienti da collezioni private, ma anche il loro retroterra artigianale e la minuziosa esperienza di tessitori, sarti e ricamatori, che rendono ogni capo prezioso come un gioiello.
La raffinatezza e la cura dei dettagli fanno sì che Valentino venga definito “L’ultimo imperatore della moda”.
Ottima l’occasione, per i curiosi, per conoscere l’edificio storico che ospita la mostra, Il Castello di Näsi (Näsilinna) a Tampere, nel quartiere di Finlayson.
Il magnifico palazzo è stato costruito nel 1898 da Peter von Nottbeck, figlio di Wilhelm von Nottbeck, con progetto di Karl August Wrede, autore celebre per una serie di grandi edifici come la Biblioteca municipale di Turku. Il palazzo nel 1905 fu ceduto dagli eredi al comune di Tampere.
Danneggiato a più riprese durante la guerra civile, e poi durante la seconda guerra mondiale, l’edificio ha subito profondi restauri, tra il 2013 e il 2015, recuperando la sua originaria bellezza. Oggi Näsilinna, oltre al Museo, ospita anche un caffè e un ristorante.

Image

Valentino Garavani è uno degli stilisti più famosi, ha vestito il bel mondo internazionale, ed è talmente celebre da aver dato il suo nome a una varietà di rosso. Come grandi pittori del passato, da Carpaccio a Tiziano.

Mostra: Museo Milavida - Tampere

dal 15 giugno al 15 ottobre
http://museomilavida.fi/en/museum-milavida/

 

Pubblicità

 

Eventi