bann_case2.jpg

Percorsi

Poster Lettere al direttore
Dite la vostra
Poster Forum
Dialogo con i lettori
Poster La mia finlandia
Foto, racconti, memorie
Poster Fin Ciak
Video, clip, interviste
Poster Teatro Finlandese
Testi in traduzione italiana
Poster Guida
Indirizzi utili in italiano

Pubblicità

 

Corrivo

Image

Una App per mezzi pubblici, taxi e car sharing: a Helsinki non serve più l’auto

Le app per trovare la strada più veloce per arrivare in qualsiasi luogo, per cercare e pagare i mezzi pubblici o per usare un’auto del car sharing sono ormai di uso comune per moltissimi utenti di smartphone, anche nelle città italiane. Helsinki, ora, fa un’ulteriore passo avanti: la capitale finlandese è infatti la prima a integrare in un’unica app mappe, trasporti pubblici urbani, treni, taxi, car sharing e autonoleggio tradizionale, realizzando un vero esempio di mobilità integrata.
Lanciato in modalità test lo scorso ottobre per un numero limitato di utenti, il servizio Whim è stato realizzato dal Comune di Helsinki in collaborazione con l’Autorità regionale per i trasporti. Digitando una destinazione nell’app, si ricevono suggerimenti sul percorso ottimale per raggiungerla utilizzando un mix di sistemi di trasporto, con la possibilità di rielaborare la richiesta escludendo i mezzi che non si vogliono o non si possono utilizzare (ad esempio, il car sharing se non si ha la patente). E soprattutto, una volta selezionato il percorso preferito, Whim provvede automaticamente a pagare tutti i mezzi necessari: sui mezzi pubblici la stessa app avrà la funzione di biglietto.
Ogni utente, sulla base delle proprie esigenze di utilizzo del traporto pubblico e/o condiviso, può scegliere la modalità di pagamento preferita fra il “pay per use” (con addebito delle tariffe per i vari mezzi utilizzati) o un forfait mensile di 249 euro che offre accesso illimitato ai trasporti pubblici e 5.500 “punti Whim” per l’uso di taxi e car sharing, equivalenti a due giorni di noleggio di un’auto o otto corse di dieci chilometri in taxi. In base al test condotto in questi mesi sui primi 100 utenti, il pacchetto da 249 euro è sufficiente a coprire le necessità di trasporto della maggioranza degli utenti urbani. Ed è comunque più economico rispetto ai costi di proprietà e utilizzo di un’auto.
L’ambizione di Whim, oltre che di semplificare la vita agli attuali utenti dei mezzi pubblici, è infatti quella di offrire una reale alternativa all’auto privata, al punto da convincere molti abitanti di Helsinki a rinunciare a possederne una (lo slogan dell´iniziativa è "meglio che avere un´auto"). In futuro, con l’estensione a tutti i cittadini della possibilità di accedere al servizio, i responsabili di Whim assicurano che saranno disponibili anche altre opzioni, con pacchetti tariffari più contenuti o ancora più estesi (quindi con un numero maggiore di “punti Whim”) per soddisfare le esigenze del maggior numero possibile di utenti.
L’esperimento di Helsinki rappresenta un’esperienza importante alla quale guardano con interesse gli amministratori di molte grandi città europee e mondiali: in Italia, in particolare, il Comune e la Città metropolitana di Milano stanno lavorando da tempo a un progetto di mobilità integrata per molti aspetti simile a Whim, ma ancora non si hanno notizie sui possibili tempi di avvio di una fase sperimentale. (www.swzone.it, 23.12.16, Stefano Fossati)

 
Ravintola Koto Stampa E-mail
di Risto Ranta   
Indice articolo
Ravintola Koto
Pagina 2

Image

Ravintola Koto

Ristorante giapponese
Lönnrotinkatu, 22 - Helsinki


Il vostro Risto Ranta conclude il primo decennio degli anni zero (che sono iniziati nel 2001, e non nel 2000 come al tempo ci fece credere chi ama i numeri tondi) inaugurando una nuova serie sui ristoranti etnici. Al contrario di quelli italiani, infatti, nella zona di Helsinki si trovano numerosi ottimi ristoranti dai sapori esotici: dall’indiano al giapponese, dal tailandese al nepalese.

Vedremo di provarne alcuni con lo scopo di dare ai nostri lettori il solito irriverente ed onesto giudizio di un appassionato italo-finnico della buona cucina.

Guida al punteggio


I locali vengono classificati come segue:
- Cucina: da 1 a 30, dove 18 è considerato appena sufficiente (come negli esami universitari).
- Cantina: da 1 a 10, valutando sia l’ampiezza della scelta sia la qualità delle bottiglie
- Servizio: da 1 a 10. Velocità ed efficienza in primis, ma anche cortesia e simpatia.
- Prezzo: da 1 a 10. Rapportato alla qualità.
- Bonus: dato per particolari amenità o piacevolezze.

Il totale del punteggio è espresso in sessantesimi, proprio come al diploma di maturità. Quindi 36 denoterà un locale nel complesso appena sufficiente, 48 un buon locale e 60 l’eccellenza (la troveremo mai?)



Ravintola Koto

Cucina: 26
Cantina: 6
Servizio: 6
Prezzo: 7
Bonus: 2

Totale: 47


Il primo ristorante che selezioniamo è il giapponese Koto, che molti ricorderanno essere situato lungo la Kalevankatu. Dalla scorsa primavera si è trasferito in Lönnrotinkatu, all’altezza dell’incrocio con Albertinkatu, e dobbiamo dire che ne ha guadagnato in piacevolezza: gli interni sono luminosi, in stile minimalista, e nonostante i tavoli siano abbastanza addossati, la sensazione è rilassante e fa meritare al posto un bonus.

Image

A causa di un inconveniente due dei nostri commensali non si presentano, comunicandocelo all’ultimo momento. La cameriera asiatica ci dice sorridendo che non ci sono problemi, e risistema il nostro tavolo con quattro coperti. L’accoglienza, quindi, viene effettuata nel modo giusto. Il ristorante è strapieno nonostante sia un piovoso giovedì di novembre, e anche il tavolino da due che abbiamo liberato si riempie nel giro di pochi minuti.

Il menù è sterminato, in buona tradizione giapponese, e distingue i piatti secondo la tecnica di preparazione. Comprende anche dei menù completi a tema piuttosto curiosi (da notare il Lady’s special, se volete rendere una cena in due più emozionante).

Iniziamo con la classica zuppa di soia, cipolle ed alghe (Miso Shiro), che ci riscalda e risveglia le nostre papille gustative. Continuiamo con un assortimento (detto Sakura) di sushi e sashimi, che ci sorprende (bonus) per la buona qualità della materia prima. Anche la presentazione non delude.

Image

Continuiamo con un tempura di pesce e frutti di mare (Tempura no Moriawase), che conferma l’ottima forma dello chef. Il sorbetto e il tè verde con cui concludiamo la cena sono una degna fine di un pasto veramente buono.


 
< Prec.   Pros. >

Pubblicità

Image

Viaggi frizzanti, assaggi inebrianti

 

Eventi

ROMA - Villa Lante al Gianicolo
Giovedì 4 maggio

Image

Musiche di Francesco Paolo Tosti

Giovedì 4 maggio, alle ore 20, a Villa Lante al Gianicolo, omaggio a Francesco Paolo Tosti (1846-1916) con tre artisti “ambasciatori tostiani” a livello internazionale, raffinati interpreti del genere musicale della romanza da salotto e membri dell’Istituto Nazionale Tostiano di Ortona: il soprano Donata D'Annunzio Lombardi, riconosciuta come una delle principali interpreti pucciniane, Leonardo Caimi, tenore apprezzato nei teatri di tutto il mondo, Isabella Crisante, affermata pianista e consulente artistico dell’Istituto Tostiano.
Il concerto è preceduto, alle ore 18, da una presentazione multimediale ed esposizione di materiali provenienti dal museo dell’Istituto Tostiano, a cura di Gianfranco Miscia, responsabile del museo e della biblioteca dell’Istituto stesso.

Image

info: 328.6294500
Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo

 

Pubblicità

 

Eventi

Università di Napoli - L'Orientale

12 maggio, ore 12.30 -14

Image

Markku Kaskela e il centenario della Finlandia


Lo scrittore e poeta finlandese terrà una conferenza su “Finlandia: 100 anni dall’indipendenza”.

Partecipano all'incontro la prof.ssa Pirjo Nummenaho e la dott.ssa Riikka Lindholm.

Dipartimento di Studi Letterari, Linguistici e Comparati

Palazzo Santa Maria Porta Coeli, via Duomo 219

Primo piano, aula 116.