long_banner5.jpg

Percorsi

Poster Lettere al direttore
Dite la vostra
Poster Forum
Dialogo con i lettori
Poster La mia finlandia
Foto, racconti, memorie
Poster Fin Ciak
Video, clip, interviste
Poster Teatro Finlandese
Testi in traduzione italiana
Poster Guida
Indirizzi utili in italiano

Pubblicità

 

Corrivo

Image

2018 anno europeo del patrimonio culturale

Il 2018, dichiarato Anno europeo del patrimonio culturale, sarà dedicato alla promozione della diversità culturale, del dialogo interculturale e della coesione sociale.
L’impegno si rivolgerà ad evidenziare il contributo economico dei beni culturali per i settori culturali e creativi e a sottolineare il ruolo del patrimonio culturale nelle relazioni esterne dell’Ue, tra cui la prevenzione dei conflitti, la riconciliazione post-conflitto e la ricostruzione del patrimonio culturale eventualmente distrutto.
Gli obiettivi generali dell'Anno europeo sono:
- promuovere la diversità culturale, il dialogo interculturale e la coesione sociale
- evidenziare il contributo economico offerto dal patrimonio culturale ai settori culturale e creativo, compreso per le piccole e medie imprese, e allo sviluppo locale e regionale
- sottolineare il ruolo del patrimonio culturale nelle relazioni esterne dell'UE, inclusa la prevenzione dei conflitti, la riconciliazione postbellica e la ricostruzione del patrimonio culturale distrutto
L'Anno europeo potrà contare su una dotazione finanziaria dedicata pari a 8 milioni di EUR, 4 saranno erogati dal programma Europa Creativa e gli altri 4 da altri programmi UE quali Erasmus Plus, Horizon 2020 ed Europa dei Cittadini che parteciperanno con bandi dedicati.
Gli Stati membri nomineranno dei coordinatori nazionali per promuovere le iniziative dirette nel proprio paese e raccordarsi con quelle “bandiera” promosse dalla Commissione. Rappresentanti del Parlamento europeo potranno partecipare in qualità di osservatori alle riunioni dei coordinatori nazionali organizzate dalla Commissione per lo svolgimento dell'Anno europeo.
Il 2018 Anno europeo del patrimonio culturale sarà presentato al Forum della Cultura in programma a dicembre 2017 a Milano.
La Decisione (UE) 2017/864 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 17 maggio 2017, relativa a un Anno europeo del patrimonio culturale (2018) è stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale dell'Unione europea, il 20 maggio scorso. (G. Nitti)

Testo cliccando qui

 
Lettere al direttore: Vita da cani Stampa E-mail
di Fausto Biancari   

Image

Cari connazionali,

sul sito La Rondine si trovano tanti splendidi articoli sulla Finlandia. Ma sono racconti o storie reali? La mia storia qui in Finlandia dice tutt'altro. La veritá é che ci detestano: al supermercato (ai miei genitori non hanno accettato le monetine euro "italiane"!), in tribunale (chiedendo supplichevolmente di non toglierci tutti i nostri soldi e di poter vedere i nostri figli), sul posto di lavoro, in ogni luogo é sempre la stessa storia.

 

Ads

 

 

Ci trattano da esseri inferiori e ci etichettano come mafiosi, ladri, incivili, e cosí via. Sul posto di lavoro, tanto ad Helsinki quanto ad Oulu, mi chiamano million dollar man (perché produco ricchezza in questi termini per gli istituti dove lavoro), ma nessuno si ricorda mai che sono un essere umano al quale ci si dovrebbe rivolgere con rispetto. Lo fanno solo quelli che sono due classi sociali piú in basso della mia, lo fanno perché io sono gentile con loro e li rispetto profondamente. Quando opero i pazienti e sopravvivono si dice in giro che ho avuto culo, quando ai finlandesi muoiono i pazienti si tratta solo di inevitabili complicanze. Quando faccio un grosso intervento in tre ore mi si dice che sono un chirurgo cieco, quando lo stesso viene fatto da finlandesi in sei ore si parla di opera d'arte. Vogliamo parlare delle borse di studio? Io non ne prendo pur avendo il curriculum scientifico piú esteso di tutta la mia clinica (si tratta di mezzo ospedale), mentre i finlandesi ci si costruiscono le omakotitalo e fanno fare il lavoro agli altri (cioé a me).

La veritá é che qui ci danno due soldi, ma ci trattano come se fossimo cani.
Buona giornata!

Fausto Biancari
P.S. mio figlio ha otto anni e dice tutti i giorni che appena puó se ne andrá in Italia.



Gentile dottore,

non ho commenti da fare alla sua lettera, che pubblico volentieri come denuncia di una condizione forse non esclusiva. Mi limito a segnalarle che non è vero che sulla Rondine si celebri la Finlandia felix, tutt'altro. Fa torto a ormai dieci anni di denunce, serie o satiriche, delle tante pecche di un paese di notevoli pubbliche virtù ma di imbarazzanti vizi privati, a cominciare dalle difficoltà di misurarsi con i propri vicini, in senso ristretto ed esteso. La sua lettera è solo l'ultima di una serie pubblicata in questa rubrica delle lettere al direttore. L'ultima, di pochi mesi fa, si intitola Mal di vita in Finlandia. È una storia reale.

Aggiungo solo che, nella mia ormai lunga esperienza in Finlandia, non mi sono sentito mai trattare come un cane, ma ho conosciuto connazionali vittime di piccole o grandi persecuzioni, e connazionali incapaci di integrarsi in una cultura mai del tutto compresa o accettata. Noi parliamo di una cosa e dell'altra. Auguri.

Nicola Rainò

(La Rondine, 1.10.2010)

 
< Prec.   Pros. >

Pubblicità

Image

Viaggi frizzanti, assaggi inebrianti

 

Eventi

Fantastica!

Image

A Tampere, in mostra i capolavori di Valentino

Alcune tra le più straordinarie creazioni viste in passerella, gli abiti di alta moda di Valentino, sono in mostra al Museo Milavida di Tampere, la capitale industriale della Finlandia. Intitolata Fantastica! Abiti di Valentino da collezioni private, è una mostra che rappresenta innanzi tutto una celebrazione dell’alta moda: sotto i riflettori vi sono non solo gli abiti di Valentino provenienti da collezioni private, ma anche il loro retroterra artigianale e la minuziosa esperienza di tessitori, sarti e ricamatori, che rendono ogni capo prezioso come un gioiello.
La raffinatezza e la cura dei dettagli fanno sì che Valentino venga definito “L’ultimo imperatore della moda”.
Ottima l’occasione, per i curiosi, per conoscere l’edificio storico che ospita la mostra, Il Castello di Näsi (Näsilinna) a Tampere, nel quartiere di Finlayson.
Il magnifico palazzo è stato costruito nel 1898 da Peter von Nottbeck, figlio di Wilhelm von Nottbeck, con progetto di Karl August Wrede, autore celebre per una serie di grandi edifici come la Biblioteca municipale di Turku. Il palazzo nel 1905 fu ceduto dagli eredi al comune di Tampere.
Danneggiato a più riprese durante la guerra civile, e poi durante la seconda guerra mondiale, l’edificio ha subito profondi restauri, tra il 2013 e il 2015, recuperando la sua originaria bellezza. Oggi Näsilinna, oltre al Museo, ospita anche un caffè e un ristorante.

Image

Valentino Garavani è uno degli stilisti più famosi, ha vestito il bel mondo internazionale, ed è talmente celebre da aver dato il suo nome a una varietà di rosso. Come grandi pittori del passato, da Carpaccio a Tiziano.

Mostra: Museo Milavida - Tampere

dal 15 giugno al 15 ottobre
http://museomilavida.fi/en/museum-milavida/

 

Pubblicità

 

Eventi