long_banner5.jpg

Percorsi

Poster Lettere al direttore
Dite la vostra
Poster Forum
Dialogo con i lettori
Poster La mia finlandia
Foto, racconti, memorie
Poster Fin Ciak
Video, clip, interviste
Poster Teatro Finlandese
Testi in traduzione italiana
Poster Guida
Indirizzi utili in italiano

Pubblicità

Advertisement

Corrivo

Torino è in Finlandia

Image

A proposito della scheda di Guido Andruetto (Repubblica.it) sulla Pasta "Torino" che spopolerebbe in Finlandia.

"Dovevo venire in Finlandia per scoprire che a Torino facciamo la pasta!". Il cantante dei Subsonica, Samuel Romano, che in questi giorni si trova in Finlandia per seguire un festival di musica elettronica, ha scovato sugli scaffali di un market locale qual è la marca di pasta più diffusa nei paesi scandinavi: Torino. Prodotta in mille varianti - Tricolori, Kaura, Makaroni, Ruis, Lasagne piccolo - è la pasta con marchio sabaudo che spopola nel freddo nord. Così, sulla sua pagina Facebook, il frontman dei Subsonica ha scelto immediatamente di postare, ad uso e consumo dei suoi concittadini, le immagini delle confezioni di spaghetti e affini made in Torino.
Repubblica.it. 24.2.2015

Si consiglia al solerte collaboratore del quotidiano di non dare in pasto al lettore italiano notizie sfuggite a voci subsoniche, a qualche frontman, pessima abitudine dell'informazione italiana, soprattutto quando arriva dal "freddo Nord".

La pasta col marchio "Torino", basta leggere sulla confezione, è prodotta negli stabilimenti di Raisio, cittadina non lontana da Turku.
Si tratta di pasta da sempre prodotta in Finlandia, in vari luoghi.
Per alcuni prodotti, nel tempo, sono stati usati nomi italiani, come è normale in tutto il mondo. Spaghetti Milano, ma anche Pasta Perfecto, e Pasta Marino.
Dal 1988 hanno usato il marchio Torino. Forse perché erano gli anni in cui la Lancia faceva furore nelle gare di rally, vincendo sei titoli mondiali consecutivi dal 1987 al 1992. Quello sì era un marchio sabaudo!

 

Pubblicità

 

La Rondine - RSS Feed

La Rondine

Rondine
La Rondine

Cari lettori, stiamo rinnovando il nostro sito. Pertanto nelle prossime settimane La Rondine non sarà sempre accessibile e potra' presentare delle anomalie grafiche o di funzionamento. Ci scusiamo per gli inconvenienti.

Katainen a Roma Stampa E-mail
di Gianfranco Nitti   

Image

Il premier finlandese a Monti: sintonia con il governo italiano

Una soleggiata e ventosa mattinata romana ha accolto il giovane primo ministro finlandese Jyrki Katainen, accompagnato dal coetaneo ministro per le questioni europee, Alexander Stubb, e da una delegazione di cui faceva parte anche l’ambasciatore in Italia Petri Tuomi-Nikula, nel suo veloce incontro col premier Mario Monti a palazzo Chigi.

Evitato un probabilmente utile confronto con i giornalisti presenti, forse per la limitatezza dei tempi a disposizione, i due statisti hanno rilasciato brevi ma significative dichiarazioni.
Mario Monti ha affermato che “è stato un vero piacere ricevere il collega Katainen. La Finlandia è un paese non solo tradizionalmente molto amico dell’Italia ma oltre a giocare un ruolo sempre maggiore nella costruzione dell’Unione europea indica anche la strada ad altri paesi forte di una molto notevole competitività. Il lavoro per le riforme strutturali che l’Italia sta conducendo in questi mesi s’ispira anche a ciò che la Finlandia ha saputo fare nel corso degli anni”.
Proseguendo nella sua dichiarazione, Monti ha sottolineato come “Le tensioni delle ultime settimane mostrano che non si deve né si può abbassare la guardia per sistemare le finanze pubbliche su base più sana, il è possibile con le riforme. Ci siamo trovati d'accordo sul fatto che il tallone di Achille dell'Unione europea sia la questione della crescita, ed Italia e Finlandia concordano pienamente sulla ricetta da seguire". Tale ricetta è quella di "riforme strutturali che diano maggiore flessibilità all'offerta, accrescere la competitività e al livello europeo grande sintonia nel chiedere e contribuire con una piena e credibile realizzazione del mercato unico, compresa l'agenda digitale. Vogliamo ottenere che il rispetto delle regole dell'unione economica sia altrettanto incisiva, severa e tempestiva come avviene nelle regole dell'unione monetaria". Nel complesso “con il primo ministro finlandese abbiamo discusso dei principali temi europei, in particolare degli ultimi sviluppi nella eurozona", concordando sul fatto che "la risposta a livello europeo è stata forte soprattutto con l'introduzione di nuove e più credibili regole di disciplina fiscale e la predisposizione di adeguato firewall".

ImageNel suo intervento, il premier Katainen si è detto lieto di aver visitato l’Italia e Monti personalmente, anche perché gli incontri bilaterali hanno una propria precipua utilità sia nell’interscambio e confronto di idee che di esperienze.
Ha lodato l’ottimo lavoro svolto dal Governo italiano per contenere il disavanzo e ripristinare la fiducia nel mercato. “Misure e riforme degne di lode anche da parte di tanti miei colleghi europei; l’Italia ha dimostrato di essere in grado di fare le cose giuste. Condividiamo molte cose, e come e cosa fare per la crescita economica. Il mercato unico è il cuore pulsante dell’UE, ed intendiamo incoraggiare le istituzioni europee a fare concrete proposte per sviluppare e rendere un più integrato tale mercato”
Katainen ha aggiunto che la Finlandia è tradizionalmente un paese industriale e necessita perciò di un migliore mercato unico integrato; “è necessario aiutare le PMI e gli start up in tema di innovazione tecnologica”.
Katainen ha concluso l’incontro con Monti sottolineando l’esigenza di sviluppare insieme riforme strutturali e l’impegno per una più stringente integrazione del citato mercato unico.Image
Successivamente il premier Katainen è stato ricevuto al Quirinale dal Presidente della Repubblica Napolitano. Il ministro per gli affari europei Stubb, a sua volta, ha avuto colloqui col collega italiano Moavero.

Foto di G. Nitti

(Rondine - 17.4.2012)

 
< Prec.   Pros. >

Eventi

Gianfranco Nitti all’Assostampa estera in Italia

Image

Unico italiano nel nuovo Consiglio direttivo 


Gianfranco Nitti, giornalista pugliese trapiantato a Roma, corrispondente di mass media finlandesi dall’Italia dal 1989 (tra cui la nostra testata), è stato eletto nel nuovo Consiglio Direttivo dell’Associazione della Stampa Estera in Italia, ASEI, in rappresentanza dei giornalisti pubblicisti.
I tedeschi Tobias Piller, corrispondente del quotidiano Frankfurter Allgemeine Zeitung e Constanze Reuscher, corrispondente del berlinese Die Welt sono stati rispettivamente eletti presidente e segretaria.
Il nuovo Consiglio Direttivo rimarrà in carica per il periodo 2015-16. Per questo mandato, Nitti, che in passato aveva già ricoperto tale incarico, è l’unica presenza italiana nel Consiglio di 12 membri.

L’associazione, che conta oltre 400 soci suddivisi tra Roma e Milano, ha festeggiato nel 2012 i suoi primi cento anni, ricorrenza contrassegnata da una importante mostra e vari  eventi celebrativi, come la pubblicazione di un libro commemorativo.

Qui il comunicato
 

 

Pubblicità

Advertisement

Eventi

Image Janne Taalas

Nominato il nuovo ambasciatore di Finlandia in Italia

L’attuale ambasciatore di Finlandia presso la Repubblica Italiana, Petri Tuomi-Nikula, conclude il suo mandato il 31 agosto prossimo.
Gli subentra il consigliere d’ambasciata Janne Taalas, che ricoprirà l’incarico di ambasciatore a decorrere dal 1° settembre 2015, ed al quale il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha di recente concesso il gradimento per la nomina, come riferisce la Farnesina in un comunicato.
Attualmente, Taalas ricopre l’incarico di vice rappresentante permanente di Finlandia nella Missione permanente presso l’ONU a New York, dal 1° agosto 2010. In precedenza aveva ricoperto l’incarico di direttore per la programmazione politica e ricerca presso il ministero degli Esteri del suo Paese (2008-2010), e di vice capo della Task Force della Presidenza finlandese dell’OSCE a Vienna (2007-2008). Entrato in servizio presso il Ministero nel 1997, è coniugato, con due figli.
La sua formazione accademica comprende una laurea in Politica presso l’università di Jyväskylä, in Finlandia, nonché un Master in Politica Europea ed un Dottorato nella stessa materia presso l’università di Oxford, Gran Bretagna. (gn)

Dal Sito del Ministero degli Esteri

 

Eventi

Pubblicità

Advertisement