snow_man_1.jpg

Percorsi

Poster Lettere al direttore
Dite la vostra
Poster Forum
Dialogo con i lettori
Poster La mia finlandia
Foto, racconti, memorie
Poster Fin Ciak
Video, clip, interviste
Poster Teatro Finlandese
Testi in traduzione italiana
Poster Guida
Indirizzi utili in italiano

Pubblicità

Advertisement

Corrivo

Image

Nokia in Italia

115 licenziamenti!

Riceviamo da un gruppo di lavoratori di Nokia Solutions Networks e pubblichiamo volentieri

Dal 3 ottobre 2014, data in cui Nokia ha mandato 115 lettere di licenziamento, nessun lavoratore è più entrato in azienda.
Il blocco dei lavoratori licenziati sostenuti da pochi loro colleghi attivi ha costretto la dirigenza italiana e tutti i dipendenti ad un esilio forzato causato dalla scellerata decisione di Nokia.
Una dirigenza italiana che in questi 7 anni dalla nascita di Nokia Solutions Networks (NSN, prima era Nokia Siemens Networks) ha fatto ben poco o quasi nulla per opporsi alla decisione delle 2 multinzionali: distruggere l’esperienza nelle telecomunicazioni in Italia costruita con oltre 40 anni di lavoro, studi, progetti, produzione, assistenza e tutto il resto che era presente nel nostro paese.
Da 15 giorni questa dirigenza non si presenta in azienda e da quasi 10 non ha voluto ne saputo comunicare con i propri dipendenti di fronte ad un gesto che mai si era visto in NSN e nelle aziende precedenti che l’hanno formata.
Per la 1° volta Nokia ha deciso di non intraprendere un percorso basato sulla condivisione delle scelte adducendo come motivazione che i risultati ottenuti negli ultimi anni non erano stati soddisfacenti.
Dal 2007 ad oggi pur non essendoci mai stati licenziamenti, si sono persi 2600 posti di lavoro su 3000!
Se considerano un risultato insoddisfacente perdere quasi il 90% della forza lavoro in 7 anni cosa dovevamo fare di più noi lavoratori?
Loro invece hanno firmato accordi al Ministero dello Sviluppo Economico che non sono stati rispettati, rilancio della Ricerca Radio Mobile e del Service in Italia, il settore dei Ponti Radio centro mondiale per Nokia.
E cosa è successo ? Ricerca Radio Mobile dismessa, Service ridotto ai minimi termini, Ponti Radio svenduti ad un’azienda canadese senza cedere 1 solo lavoratore !
COSA POTEVANO FARE DI PIU’ I LAVORATORI ?
A questo punto vogliamo delle risposte certe anche dalla politica, dalle istituzioni, dai mezzi di informazione, ma soprattutto dall’azienda :
come possiamo risolvere il problema dei licenziamenti in Nokia?
Rivolgiamo questa domanda Al Presidente del Consiglio Renzi, al Ministro del Lavoro Poletti, al Ministro dello Sviluppo Economico Guidi, al Governatore della Lombardia Maroni, all’Assessore regionale alle Attività produttive, Ricerca e Innovazione Melazzini, ai partiti presenti al Consiglio Regionale Lombardo , al Prefetto di Milano Tronca, al Vescovo della Diocesi di Milano Scola, al management di Nokia Italia, a tutti i lavoratori di Nokia Italia, alle Organizzazioni Sindacali confederali e di base.
C’E’ SOLO UNA RISPOSTA : NOKIA RITIRI I LICENZIAMENTI E SI RIPRENDA LA TRATTATIVA!
Noi le proposte ce le abbiamo per cambiare rotta rispetto ai licenziamenti :
1. rientro delle attività svolte da aziende esterne, come fanno tutte le aziende se vogliono tutelare i propri dipendenti;
2. contatti con una azienda italiana che produce i Ponti Radio per cercare di non disperdere il patrimonio tecnico tutto italiano di oltre 40 anni;
3. contratti di solidarietà in tutti i reparti dove sia possibile inserire da subito i lavoratori;
4. Cassa integrazione per formare tutti gli altri lavoratori da inserire nelle attività rimaste in Italia;
5. assegnazione all’Italia delle attività legate ai Ponti Radio che stanno per o sono state già assegnate in paesi dove non c’è questa competenza;
6. percorsi per tutela delle famiglie e di tutti i lavoratori con problemi economici o di salute.

La nostra non è certo una sterile e non sostenibile opposizione a questo piano di ristrutturazione che porterà solo a lungo andare alla cancellazione della presenza in Italia.
Le nostre richieste daranno una speranza anche ai lavoratori che attualmente non si sentono attaccati dalle decisioni aziendali ma che temono i prossimi tagli, visto la periodicità delle richieste di Nokia.
Invitiamo pertanto TUTTI I LAVORATORI NOKIA a dare il loro sostegno ai loro colleghi licenziati partecipando al presidio che è sempre attivo a Cassina Plaza.
Alla politica chiediamo di fare rispettare gli accordi ministeriali e di promulgare leggi che permettano di premiare le aziende virtuose che promuovono occupazione e sanzionare quelle che la distruggono dopo avere ottenuto aiuti per risolvere i problemi interni ed aiutare la ristrutturazione.
ASPETTIAMO RISPOSTE DA TUTTI, POSITIVE SOPRATTUTTO, MA ANCHE NEGATIVE, IN MODO DA CAPIRE A CHI DOBBIAMO QUESTA SITUAZIONE DI FINTA CRISI, ALMENO NEL SETTORE DELLE TELECOMUNICAZIONI CHE IN TUTTI GLI ALTRI PAESI SVILUPPATI E’ ANCORA UN SETTORE STRATEGICO.

13 ottobre 2014

 

Pubblicità

 

La Rondine - RSS Feed

La Rondine

Rondine
La Rondine

Cari lettori, stiamo rinnovando il nostro sito. Pertanto nelle prossime settimane La Rondine non sarà sempre accessibile e potra' presentare delle anomalie grafiche o di funzionamento. Ci scusiamo per gli inconvenienti.

Finlandia - Puglia senza scalo Stampa E-mail
di Gianfranco Nitti   

Image Ostuni

Voli no stop dal Baltico a Brindisi a partire dall’estate

L' elegante rivista mensile di bordo "Blue Wings" della compagnia aerea finlandese Finnair, che esce da ben 32 anni, pubblica nel suo numero di marzo un ampio reportage di viaggio sulla Puglia, a cura di Eeva-Maria Lidman, foto di Nina Kaverinen. L’articolo in finlandese, dal titolo Täältä tulee Apulia (Arriva la Puglia)! è distribuito su cinque pagine patinate con immagini che, in un sintetico itinerario, raccolgono flash e motivi di una regione tra le più attraenti d’Italia e che si apre, a partire dal 6 giugno e fino al 4 agosto, al turismo diretto dalla Finlandia, con voli charter programmati da Helsinki a Brindisi e viceversa.

ImagePer la prima volta, voli con la livrea Finnair, a cura del tour operator baltico Aurinkomatkat (Viaggi del Sole) convoglieranno dalla capitale finlandese no stop nello scalo brindisino, con un volo di circa tre ore e mezzo, gruppi di visitatori finnici che avranno la possibilità di alloggiare nelle più piacevoli e rinomate masserie ed agriturismi tra Ostuni ed Andria, e, con i pacchetti predisposti ad hoc, di conoscere luoghi, arte, storia e gastronomia della regione.

Annina Metsola, responsabile della comunicazione per Aurinkomatkat, ci dice che “Aurinkomatkat ha svolto una ricerca di mercato sulla destinazione Puglia, che ora costituisce la nostra novità estiva. La Puglia non è ancora molto nota ai turisti finlandesi ma riteniamo che apprezzeranno la regione. Molti nostri clienti, che hanno viaggiato verso diverse destinazioni italiane, dimostrano un grande interesse verso questa nuova destinazione”. Aggiunge che lo scorso settembre si è svolto un viaggio- stampa di giornalisti finlandesi in Puglia.

ImagePrecisa Annina che “i voli su Brindisi saranno effettuati con un Airbus Finnair A319 da 138 posti, che speriamo saranno pieni. Il costo medio del pacchetto settimanale, volo e soggiorno, si aggira sugli 800 euro”.
Il partner locale di Aurinkomatkat è l’operatore Nicolaus di Ostuni. Aurinkomatkat, operativo da 50 anni, fa parte del gruppo Finnair, e, annualmente, trasporta mediamente ca. 360.000 viaggiatori verso destinazioni in tutto il mondo.

A sua volta, l’Assessore al turismo della regione Puglia, Silvia Godelli (foto sotto), ci ha cortesemente espresso una sua valutazione sulle opportunità offerte da questa iniziativa; infatti, secondo l’Assessore "Il Nord Europa, e dunque la Finlandia, rappresentano per la Puglia un mercato turistico di grande interesse. Sono certa che i turisti che giungeranno nella nostra terra troveranno incantevoli il nostro paesaggio, il mare, le nostre tradizioni, la nostra cultura e la nostra proverbiale accoglienza. Qui giù da noi il sole mediterraneo e la trasparenza della luce offrono una cornice ineguagliabile a chi cerca emozioni, nuove esperienze, genuinità, e una strepitosa enogastronomia".Image

Nel 2008 si registravano dalla Finlandia, in tutti gli esercizi ricettivi in Puglia, 1358 arrivi, per 3829 presenze, nel 2009 sono stati calcolati 1825 arrivi per 4909 presenze, rispettivamente con un incremento del 34,4% e del 28,2%, una tendenza che sicuramente persiste per gli anni successivi. (Fonte: Rapporto Congiunto Ambasciate/Consolati/ENIT 2012)
Con questo nuovo ponte virtuale che attraversa tutta l’Europa, la Puglia si presenta con le carte in regola sul piccolo ma mobile mercato turistico finlandese, e con aspettative di sicuro successo.

Image Otranto

(La Rondine - 13.4.2012)

 
< Prec.   Pros. >

Eventi

Helsinki, 23-26 ottobre

Image

Fiera del libro 2014

Quattro giorni di furori libreschi al Messukeskus di Helsinki per la Fiera del libro 2014. Più di 1100 ospiti, tra cui 60 scrittori da 11 paesi.
Ospite d'onore, quest'anno, l'Italia, con una ventina di invitati. Difficile da interpretare la scelta del pacchetto, con figure pop più che cult, dal giornalista Franco di Mare (Rai Uno Mattina) al figlio di Piero Angela, Alberto, all'eterno Beppe Severgnini. Tra gli scrittori, Silvia Avallone e Francesco Piccolo sono le figure più interessanti, insieme con uno stuolo di giovani promesse, che fanno ovviamente sperare. Immancabile chi, in omaggio alla Finlandia mitopoietica, ha scritto un'opera prima su Helsinki. Già visto, lo fanno tutti gli italiani di passaggio...
Subito dopo, per impegno e presenze, la Svezia, con ben 18 scrittori, tra cui Mark Levengood e Boel Westin.

Image

Più interessanti le figure di scrittori da altri mondi che raccontano storie di rifugiati e tragedie alla periferia del pianeta gobale, come l'iracheno Hassan Blasim. Attesa per Zinaida Lindén, di origine russa, per l'americano David J. Cord, e per il giornalista inglese Michael Booth. Il suo libro The Almost Nearly Perfect People: The Truth About the Nordic Miracle, da poco pubblicato, porge uno sguardo critico sul presunto benessere scandinavo, e sulle sue tragedie in parte celate da un sistema di welfare scricchiolante.

Image

Per la Finlandia, oltre a Sofi Oksanen, che torna carica di onori e polemiche dalla Fiera di Francoforte, le presenze di richiamo sono Salla Simukka, Leena Lehtolainen, Mauri Kunnas e Timo Parvela.

https://fi-fi.facebook.com/HelsinginKirjamessut

 

Pubblicità

Advertisement

Eventi

Eventi

Pubblicità

Advertisement