snow_man_1.jpg

Percorsi

Poster Lettere al direttore
Dite la vostra
Poster Forum
Dialogo con i lettori
Poster La mia finlandia
Foto, racconti, memorie
Poster Fin Ciak
Video, clip, interviste
Poster Teatro Finlandese
Testi in traduzione italiana
Poster Guida
Indirizzi utili in italiano

Pubblicità

 

Corrivo

Image

Una App per mezzi pubblici, taxi e car sharing: a Helsinki non serve più l’auto

Le app per trovare la strada più veloce per arrivare in qualsiasi luogo, per cercare e pagare i mezzi pubblici o per usare un’auto del car sharing sono ormai di uso comune per moltissimi utenti di smartphone, anche nelle città italiane. Helsinki, ora, fa un’ulteriore passo avanti: la capitale finlandese è infatti la prima a integrare in un’unica app mappe, trasporti pubblici urbani, treni, taxi, car sharing e autonoleggio tradizionale, realizzando un vero esempio di mobilità integrata.
Lanciato in modalità test lo scorso ottobre per un numero limitato di utenti, il servizio Whim è stato realizzato dal Comune di Helsinki in collaborazione con l’Autorità regionale per i trasporti. Digitando una destinazione nell’app, si ricevono suggerimenti sul percorso ottimale per raggiungerla utilizzando un mix di sistemi di trasporto, con la possibilità di rielaborare la richiesta escludendo i mezzi che non si vogliono o non si possono utilizzare (ad esempio, il car sharing se non si ha la patente). E soprattutto, una volta selezionato il percorso preferito, Whim provvede automaticamente a pagare tutti i mezzi necessari: sui mezzi pubblici la stessa app avrà la funzione di biglietto.
Ogni utente, sulla base delle proprie esigenze di utilizzo del traporto pubblico e/o condiviso, può scegliere la modalità di pagamento preferita fra il “pay per use” (con addebito delle tariffe per i vari mezzi utilizzati) o un forfait mensile di 249 euro che offre accesso illimitato ai trasporti pubblici e 5.500 “punti Whim” per l’uso di taxi e car sharing, equivalenti a due giorni di noleggio di un’auto o otto corse di dieci chilometri in taxi. In base al test condotto in questi mesi sui primi 100 utenti, il pacchetto da 249 euro è sufficiente a coprire le necessità di trasporto della maggioranza degli utenti urbani. Ed è comunque più economico rispetto ai costi di proprietà e utilizzo di un’auto.
L’ambizione di Whim, oltre che di semplificare la vita agli attuali utenti dei mezzi pubblici, è infatti quella di offrire una reale alternativa all’auto privata, al punto da convincere molti abitanti di Helsinki a rinunciare a possederne una (lo slogan dell´iniziativa è "meglio che avere un´auto"). In futuro, con l’estensione a tutti i cittadini della possibilità di accedere al servizio, i responsabili di Whim assicurano che saranno disponibili anche altre opzioni, con pacchetti tariffari più contenuti o ancora più estesi (quindi con un numero maggiore di “punti Whim”) per soddisfare le esigenze del maggior numero possibile di utenti.
L’esperimento di Helsinki rappresenta un’esperienza importante alla quale guardano con interesse gli amministratori di molte grandi città europee e mondiali: in Italia, in particolare, il Comune e la Città metropolitana di Milano stanno lavorando da tempo a un progetto di mobilità integrata per molti aspetti simile a Whim, ma ancora non si hanno notizie sui possibili tempi di avvio di una fase sperimentale. (www.swzone.it, 23.12.16, Stefano Fossati)

 

La Rondine - RSS Feed

La Rondine

Rondine
La Rondine

Cari lettori, stiamo rinnovando il nostro sito. Pertanto nelle prossime settimane La Rondine non sarà sempre accessibile e potra' presentare delle anomalie grafiche o di funzionamento. Ci scusiamo per gli inconvenienti.

In Lapponia con LappOne Stampa E-mail
di Redazione   
Indice articolo
In Lapponia con LappOne
Pagina 2

Image

Un terra incantata da scoprire, ma senza improvvisare. Nostra intervista a Roberto Carvutto

Se è vero che l'interesse turistico degli italiani verso la Finlandia è soggetto ad alti e bassi, la Lapponia suscita invece sugli italiani una attrattiva mai registrata in precedenza, come già riportato sulla Rondine. Le attrattive della “terra lontana”, come la definì Giuseppe Acerbi nel suo viaggio pionieristico di fine Settecento, sono numerose per i turisti italiani: ampi panorami (notevole quello che si gode dalla collina di Aavasaksa, sopra Ylitornio), molteplici attività che differiscono secondo la stagione, e una struttura ricettiva che, recentemente, si è organizzata molto bene per ricevere turisti di tutti i tipi.

In Lapponia l’italiano trova persone ospitali e, fatto non trascurabile, una gastronomia molto particolare e genuina che i lapponi hanno saputo tramandare fino a oggi. Tra le decine di tour operator specializzati nella Lapponia ne spicca uno di recente costituzione, gestito da un team che risiede alle porte della Lapponia svedese, nella città di Örnsköldsvik. L’azienda si chiama LappOne e Roberto Carvutto ne è uno dei fondatori – lo abbiamo intervistato per saperne di più sull’azienda e sulla sua storia.

Image- Come è nata l’idea di fondare un operatore incoming per la Lapponia?
Era un sogno che avevamo coltivato da tanto, perché fin dal 1999 siamo di casa in Lapponia e abbiamo visto i nostri parenti e conoscenti visitare questa terra incantata e tornare a bocca aperta. I sogni, come si sa, si avverano quando meno te lo aspetti: una sera ti incontri a Milano con un amico, bevi una birra insieme e decidi che devi andare a vivere in Lapponia per fondare, con un team di italiani, svedesi e finlandesi, un incoming tour operator completo per tutte e quattro le Lapponie. Mettiamo a disposizione la nostra conoscenza del territorio per permettere ai clienti di godere dei cinque sensi della Lapponia.

Image - Quali sono le caratteristiche dell’offerta turistica di LappOne?
Tutte le nostre proposte ruotano attorno alla massimizzazione dei cinque sensi, e cerchiamo di essere gli unici in grado di poter organizzare per un cliente un tour ad hoc, in qualunque zona della Lapponia il cliente voglia, a partire dal giorno che più preferisce e con un mix eccellente di pernottamenti, pasti, attività ed esperienze, tutto già precedentemente collaudato da noi.

- Quali sono stati i primi passi della società?
Creare una rete di contatti con i fornitori locali, con le amministrazioni locali, e le associazioni di categoria dislocate sul territorio, e allo stesso tempo portare avanti tutte le formalità burocratiche, per la verità piuttosto semplici, per finalizzare la costituzione della società.

- Qual è il luogo della Lapponia che ti ha impressionato di più, e perché?

Il centro sud della Lapponia svedese e i nord-est di quella finlandese perché ancora selvagge e lontane dai circuiti di turismo di massa.

- E il luogo della Lapponia dove porteresti la tua famiglia in vacanza?
In inverno nel Merilappi, la Lapponia del Golfo di Botnia dove Svezia e Finlandia si incontrano, d’estate nella regione del Varanger, nella Lapponia Norvegese, oppure in Hoga Kusten, patrimonio dell’Unesco che confina a sud della Lapponia. Sono luoghi poco frequentati dal turismo di massa, dove le possibilità per le famiglie sono quasi infinite.

Image

- Che stagione consigliate per visitare le terre della Lapponia?

Tutto l’anno. Ogni mese riserva delle sorprese e ha delle caratteristiche che lo rendono unico rispetto agli altri mesi.

- Che tipo di persone sceglie LappOne per il loro viaggio?

Tutti quelli che vogliono affidarsi ad un Tour Operator che è radicato nel territorio, e che vogliono un servizio esclusivo e di alta qualità che altri tour operator non riescono ad offrire. Abbiamo molte richieste da gruppi piccoli (ad esempio, coppie) che non vogliono partecipare a viaggi organizzati con molte altre persone e prediligono destinazioni appartate o amene.

- Parlaci dei lapponi: com’è il loro atteggiamento verso i turisti?
Sono persone splendide, dedicano la loro vita al lavoro e all’allevamento delle renne, da cui ricavano tutto per sopravvivere. Ovviamente loro vivono anche di turismo ma con semplicità e genuinità, accogliendo gli ospiti, parlando della loro vita, cultura, lavoro e cucina e soprattutto aprendo le loro case (o le loro tende) come se il turista fosse uno di famiglia.

Image


 
< Prec.   Pros. >

Pubblicità

Image

Viaggi frizzanti, assaggi inebrianti

 

Eventi

ROMA - Villa Lante al Gianicolo
Giovedì 4 maggio

Image

Musiche di Francesco Paolo Tosti

Giovedì 4 maggio, alle ore 20, a Villa Lante al Gianicolo, omaggio a Francesco Paolo Tosti (1846-1916) con tre artisti “ambasciatori tostiani” a livello internazionale, raffinati interpreti del genere musicale della romanza da salotto e membri dell’Istituto Nazionale Tostiano di Ortona: il soprano Donata D'Annunzio Lombardi, riconosciuta come una delle principali interpreti pucciniane, Leonardo Caimi, tenore apprezzato nei teatri di tutto il mondo, Isabella Crisante, affermata pianista e consulente artistico dell’Istituto Tostiano.
Il concerto è preceduto, alle ore 18, da una presentazione multimediale ed esposizione di materiali provenienti dal museo dell’Istituto Tostiano, a cura di Gianfranco Miscia, responsabile del museo e della biblioteca dell’Istituto stesso.

Image

info: 328.6294500
Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo

 

Pubblicità

 

Eventi