bann_case1.jpg

Percorsi

Poster Lettere al direttore
Dite la vostra
Poster Forum
Dialogo con i lettori
Poster La mia finlandia
Foto, racconti, memorie
Poster Fin Ciak
Video, clip, interviste
Poster Teatro Finlandese
Testi in traduzione italiana
Poster Guida
Indirizzi utili in italiano

Pubblicità

 

Corrivo

Image

2018 anno europeo del patrimonio culturale

Il 2018, dichiarato Anno europeo del patrimonio culturale, sarà dedicato alla promozione della diversità culturale, del dialogo interculturale e della coesione sociale.
L’impegno si rivolgerà ad evidenziare il contributo economico dei beni culturali per i settori culturali e creativi e a sottolineare il ruolo del patrimonio culturale nelle relazioni esterne dell’Ue, tra cui la prevenzione dei conflitti, la riconciliazione post-conflitto e la ricostruzione del patrimonio culturale eventualmente distrutto.
Gli obiettivi generali dell'Anno europeo sono:
- promuovere la diversità culturale, il dialogo interculturale e la coesione sociale
- evidenziare il contributo economico offerto dal patrimonio culturale ai settori culturale e creativo, compreso per le piccole e medie imprese, e allo sviluppo locale e regionale
- sottolineare il ruolo del patrimonio culturale nelle relazioni esterne dell'UE, inclusa la prevenzione dei conflitti, la riconciliazione postbellica e la ricostruzione del patrimonio culturale distrutto
L'Anno europeo potrà contare su una dotazione finanziaria dedicata pari a 8 milioni di EUR, 4 saranno erogati dal programma Europa Creativa e gli altri 4 da altri programmi UE quali Erasmus Plus, Horizon 2020 ed Europa dei Cittadini che parteciperanno con bandi dedicati.
Gli Stati membri nomineranno dei coordinatori nazionali per promuovere le iniziative dirette nel proprio paese e raccordarsi con quelle “bandiera” promosse dalla Commissione. Rappresentanti del Parlamento europeo potranno partecipare in qualità di osservatori alle riunioni dei coordinatori nazionali organizzate dalla Commissione per lo svolgimento dell'Anno europeo.
Il 2018 Anno europeo del patrimonio culturale sarà presentato al Forum della Cultura in programma a dicembre 2017 a Milano.
La Decisione (UE) 2017/864 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 17 maggio 2017, relativa a un Anno europeo del patrimonio culturale (2018) è stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale dell'Unione europea, il 20 maggio scorso. (G. Nitti)

Testo cliccando qui

 
La Mia Finlandia
Perdonatemi, se parlo finlandese! Stampa E-mail
di Nicola Rainò   

Image

"Una lingua che si parla quasi occultandola, che vi buttano lì come una nenia, fioca come la luce di Finlandia, capace di una dolcezza che spesso lascia sgomenti..."

Quando gli italiani sono a disagio con qualcosa che non padroneggiano, o di cui si vergognano, la buttano sull'inglese: ticket, social card, audience, share, sono tra i tanti esempi di un ricorso spesso ingiustificato a una lingua che essa stessa è causa di imbarazzo. Perché l'italiano dei nostri tempi, quelli del premier, ci tiene a far vedere che è aperto al mondo, globale, e non rifiuta di fare le esperienze più estreme. E spesso si lancia in avventure intellettuali, e linguistiche, tanto più eccitanti quanto più lontane del centro vivo della civiltà, che è Roma, o Milano. Noio, vulevam savuar...

Leggi tutto...
 
Tesori d'arte del Medioevo finlandese. 2 Stampa E-mail
di Angelo Lo Conte   

Image Turku, cattedrale

Dalla fine del XIV sec. all'inizio del XV: influenze tedesche e baltiche

La seconda parte della nostra trattazione dello sviluppo della storia dell’arte medievale finlandese si focalizza sulla completa assimilazione di un nuovo linguaggio costruttivo nello sviluppo dell’edificio sacro, ispirato dalle novità proposte dalla costruzione della Cattedrale di Turku nonché dalle nuove e molteplici influenze che raggiunsero il territorio finlandese dalla Germania settentrionale e dai paesi baltici.

Leggi tutto...
 
Inverno a Helsinki Stampa E-mail
di Davide Pavone e Nicola Rainò   

Image

Immagini e impressioni di un quasi normale gennaio finlandese

Un inverno freddo come questo non si provava da tempo, in Finlandia. All'inizio del 2010 le aree più fredde sono state misurate a est, per esempio a Kiutaköngäs, nel territorio di Kuusamo, con una temperatura di – 36,6 gradi. Un po' più a sud, a Konnunsuo (Lappeenranta) il termometro s'è fermato a – 34,5.

Leggi tutto...
 
La morte di Adriano (19.11.2009) Stampa E-mail
di Luigi G. de Anna   

Image Adriano e William Manusardi a Lappeenranta

Adriano Vinciguerra e quei formidabili italiani di Finlandia degli anni Cinquanta

Scrivendo la mia Storia degli italiani in Finlandia, in parte già comparsa sulla Rondine, mi sono dovuto riferire in maniera ricorrente ai “precursori”, e cioè a quegli italiani che aprirono la strada verso la lontana Suomi. 

Leggi tutto...
 
Il ritorno di Adriano Stampa E-mail
di Bruno Tavan   

Image Adriano con Isä Markus

Un programma della televisione finlandese dedicato ad Adriano Vinciguerra

Esplode a Lappeenranta negli anni ’60, al tempo di Umberto Marcato, e fa il cantante, fonda la prima pizzeria in Finlandia, organizza operazioni umanitarie e promuove l’incontro tra le religioni: tutto “con amore”. Oggi la televisione gli dedica un documentario per festeggiare il suo ritorno a Lappeenranta, per la Missa Adrianea.

Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 Pross. > Fine >>

Risultati 37 - 45 di 67

Pubblicità

Image

Viaggi frizzanti, assaggi inebrianti

 

Eventi

Fantastica!

Image

A Tampere, in mostra i capolavori di Valentino

Alcune tra le più straordinarie creazioni viste in passerella, gli abiti di alta moda di Valentino, sono in mostra al Museo Milavida di Tampere, la capitale industriale della Finlandia. Intitolata Fantastica! Abiti di Valentino da collezioni private, è una mostra che rappresenta innanzi tutto una celebrazione dell’alta moda: sotto i riflettori vi sono non solo gli abiti di Valentino provenienti da collezioni private, ma anche il loro retroterra artigianale e la minuziosa esperienza di tessitori, sarti e ricamatori, che rendono ogni capo prezioso come un gioiello.
La raffinatezza e la cura dei dettagli fanno sì che Valentino venga definito “L’ultimo imperatore della moda”.
Ottima l’occasione, per i curiosi, per conoscere l’edificio storico che ospita la mostra, Il Castello di Näsi (Näsilinna) a Tampere, nel quartiere di Finlayson.
Il magnifico palazzo è stato costruito nel 1898 da Peter von Nottbeck, figlio di Wilhelm von Nottbeck, con progetto di Karl August Wrede, autore celebre per una serie di grandi edifici come la Biblioteca municipale di Turku. Il palazzo nel 1905 fu ceduto dagli eredi al comune di Tampere.
Danneggiato a più riprese durante la guerra civile, e poi durante la seconda guerra mondiale, l’edificio ha subito profondi restauri, tra il 2013 e il 2015, recuperando la sua originaria bellezza. Oggi Näsilinna, oltre al Museo, ospita anche un caffè e un ristorante.

Image

Valentino Garavani è uno degli stilisti più famosi, ha vestito il bel mondo internazionale, ed è talmente celebre da aver dato il suo nome a una varietà di rosso. Come grandi pittori del passato, da Carpaccio a Tiziano.

Mostra: Museo Milavida - Tampere

dal 15 giugno al 15 ottobre
http://museomilavida.fi/en/museum-milavida/

 

Pubblicità

 

Eventi