bann_case2.jpg

Percorsi

Poster Lettere al direttore
Dite la vostra
Poster Forum
Dialogo con i lettori
Poster La mia finlandia
Foto, racconti, memorie
Poster Fin Ciak
Video, clip, interviste
Poster Teatro Finlandese
Testi in traduzione italiana
Poster Guida
Indirizzi utili in italiano

Pubblicità

Advertisement

Corrivo

Galleria Massenzio Arte - Roma

Palindromi

Image

Installazioni fotografiche di Erika De Martino

L’Associazione Culturale Massenzio Arte presenta dal 7 al 21 giugno, presso la Galleria Massenzio Arte, la Mostra “Palindromi”, con istallazioni fotografiche di Erika De Martino, ispirate alla Finlandia.
Il paesaggio finlandese scrutato col microscopio e col telescopio alla ricerca di cifre e codici interni alla natura, e alle sue misteriose corrispondenze con la pellicola sensibile dell'animo che osserva. I frammenti visivi diventano micro-architetture in un’area definita, ma allo stesso tempo infinita, moltiplicata dallo specchio e contaminata dalle riflessioni dell’intorno e dell'occhio che guarda.
Erika De Martino, architetto e fotografa, vive a Helsinki dal 2006. Sue foto sono state esposte in Cina, Russia e Finlandia, e ha preso parte alla Biennale del Baltico a San Pietroburgo nel 2010 e alla Biennale d'arte di Venezia nel 2011.

Via del Commercio 12, Roma
Inaugurazione 7 giugno ore 18
Orario mostra: lun-sab ore 16-19
Tel e fax 06 83086162 – 3289232342
Ingresso libero

 

Pubblicità

 
La Mia Finlandia
Della presunta supremazia scandinava Stampa E-mail
di Alessandro Buoni   

Image

E degli italiani avvitati sul fusillo: ciascuno tira acqua al suo Mulino

Ogni tanto sulla stampa italiana e non si leggono classifiche di ogni genere. Sulla felicità, sull'inquinamento e sulle prime dieci spiagge incontaminate. Dov'è la città o la nazione dove si vive meglio? Immancabilmente i paesi scandinavi raggiungono i primi posti, mentre in Italia Emilia e Trentino la fanno da padroni. Considerando che in Italia la mobilità geografica è pari a zero non si capisce perché tutti si ostinino a vivere in Veneto, in Calabria o a Milano quando potrebbero spostarsi tutti in Trentino o in Emilia.

Leggi tutto...
 
Storia degli italiani in Finlandia Stampa E-mail
di Nicola Guerra   

Image

Pubblicato un saggio di Luigi G. de Anna sull’emigrazione italiana nel paese nordico

In contemporanea con il n. 24 di Settentrione, esce nei Quaderni della stessa Rivista la monografia di Luigi G. de Anna Dall’Italia alla Finlandia passando per Turku. Un contributo alla storia dell’emigrazione italiana, (175 pagg.). Si tratta di un’opera da molto attesa, già in parte elaborata per i secoli più antichi per il Circolo, Notiziario degli Italiani in Finlandia che, a partire dal 1990 su iniziativa del benemerito Bruno Tavan, aveva cercato di tracciare le linee principali della nostra emigrazione in Finlandia.

Leggi tutto...
 
"La Fenice": né tragica né comica né opera Stampa E-mail
di Nicola Rainò   

Image

A Savonlinna una storia "senza capo né coda" stroncata dalla critica


Dei finlandesi ci fidiamo per le loro competenze tecniche e manageriali, Olli Rehn ci bacchetta e spesso ammettiamo che ha ragione. Ma i finlandesi hanno a volte il difettaccio di pretendere di capire tutto, e allora cadono nella tentazione di essere, a loro modo, molto superficiali. Venezia è, paradossalmente, oggetto da tempo di simili tentazioni.

Leggi tutto...
 
Un pasticcio in italiano: "La Fenice" a Savonlinna Stampa E-mail
di Nicola Rainò   

Image

Al Festival internazionale l'opera di Kimmo Hakola ispirata all'incendio del teatro veneziano

La sera del 6 luglio, sulle scene del teatro dell'opera di Savonlinna, incastonato nel celebre castello di Olavinlinna, va in scena la prima mondiale di una nuova opera lirica finlandese: "La Fenice", opera tragicomica. Musica di Kimmo Hakola, libretto di Juha-Pekka Hotinen, direttore d'orchestra Jari Hämäläinen. Che c'è di speciale nell'evento? Prima di tutto che da qualche parte, nel mondo, si scrivano nuove opere. Poi che il soggetto riguardi l'Italia. Infine, che la lingua dell'opera sia l'italiano. E il veneziano.

Leggi tutto...
 
In Lapponia con LappOne Stampa E-mail
di Redazione   

Image

Un terra incantata da scoprire, ma senza improvvisare. Nostra intervista a Roberto Carvutto

Se è vero che l'interesse turistico degli italiani verso la Finlandia è soggetto ad alti e bassi, la Lapponia suscita invece sugli italiani una attrattiva mai registrata in precedenza, come già riportato sulla Rondine. Le attrattive della “terra lontana”, come la definì Giuseppe Acerbi nel suo viaggio pionieristico di fine Settecento, sono numerose per i turisti italiani: ampi panorami (notevole quello che si gode dalla collina di Aavasaksa, sopra Ylitornio), molteplici attività che differiscono secondo la stagione, e una struttura ricettiva che, recentemente, si è organizzata molto bene per ricevere turisti di tutti i tipi.

Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 Pross. > Fine >>

Risultati 1 - 9 di 73

Eventi

Morto lo scrittore Veijo Meri

Image

(Viipuri, 31.12.1928 – Helsinki, 21.6.2015)

È morto all'età di 86 anni, dopo una lunga malattia, il romanziere e drammaturgo e saggista Veijo Meri. Autore prolifico, le sue opere sono state tradotte in tutto il mondo, dal primo romanzo La corda di Manila (1957) a Pari e patta (1961) a Ritratto di donna su uno specchio (1963) a Il figlio del sergente (1971), grazie al quale vinse il Premio letterario del Consiglio nordico. Ha vinto il Premio Finlandia per sette volte, dal 1958 al '76.
L'ultimo suo romanzo, L'estate di un giocatore di hockey su ghiaccio (1980) ha avuto anche una versione cinematografica. Come altre sue opere, la storia è ambientata nella provincia di Hämeenlinna, dove si era trasferita la sua famiglia quando lui era ancora un adolescente. Il padre era un ufficiale dell'esercito, e alle sue memorie in parte si ispirò per una parte del suo lavoro.
Nella sua formazione, hanno contato molto la moderna letteratura americana, autori come Hemingway e Chandler, come pure certa letteratura giapponese, da cui ha ereditato una straordinaria, efficacissima concisione nell'uso della lingua, tanto da diventare un punto di riferimento fondamentale per la prosa più raffinata del nostro tempo. Un nome su tutti: Kari Hotakainen.

 

Pubblicità

Advertisement

Eventi

Eventi

Pubblicità

Advertisement