Guida alla lingua e alla letteratura finlandese
di Nicola Rainò   
I fondamenti della lingua e della letteraura finlandese, anche sul web

Dizionari e data base

ImagePer l’italiano che desideri accostarsi alla lingua finlandese mancano ancora strumenti sistematici, in particolare manca ancora un affidabile dizionario bilingue. Esiste però un buon Dizionario Italiano - Finlandese, utile per chi cominci a scrivere nella lingua Suomi: O. Berggren, S. Kinnunen, K. Lounasvuori-Riikonen: Italia-Suomi Suursanakirja, Otava, Helsinki 2003. In commercio si trovano una serie di dizionarietti Finlandese - Italiano- Finlandese, tutti incompleti e a volte imprecisi, che citiamo partendo dal più antico: G. Colussi: S-I-S Taskusanakirja, WSOY 1987. C. Barezzani e A. Kalmbach: Suomi-italia-Suomi, Gummerus 2000. T. Korvenoja,Suomi-italia-Suomi, WSOY 2000. A. Hämäläinen, Dizionario compatto finlandese-italiano-finladese, Zanichelli 2001. Indispensabile per tutti, principiani ed esperti, è il monolingue, il modernoKielitoimiston sanakirja, reperibile su CD, con tavole grammaticali, declinazioni e coniugazioni.

Per gli stranieri è stato pensato un Dizionario finlandese di base, con ricca fraseologia, divisione in sillabe, aiuti per declinare e coniugare le forme più ostiche: Timo Nurmi, Suomen Kielen sanakirja Ulkomaalaisille
(Dizionario di Finlandese per gli stranieri), Gummerus 1999. Indispensabile per avvicinarsi alla lingua parlata (e per capire i film di Kaurismäki) è il dizionarietto Oikeeta Suuomee (‘O finlandese vero) di Vesa Jarva e Timo Nurmi, Gummerus 2006. La lingua parlata a Helsinki, poi, è un sistema a parte, con una sua storia peculiare, con uno slang metropolitano in costante evoluzione. Per quello di oggi, lo strumento più aggiornato è Tsennaaks Stadii, bonjaaks slangii (Conosci Helsinki, capisci lo slang), di Heikki Paunonen, WSOY 2000. Sul Web, accanto a una gran mole di dizionarietti bilingui generici e spesso inaffidabili, si possono trovare data base abbastanza curati, a cominciare dalla banca dati multilingue europea: IATE - Inter Active Terminology for Europe e l’Eurovoc, un thesaurus multilingue che copre i campi in cui le Comunità europee sono attive, un mezzo di indicizzazione dei documenti nei sistemi di documentazione delle istituzioni europee e dei loro utenti. Per gli studenti di lingue ugro-finniche , esiste un modesto ma utile per cominciare Dizionario online Finlandese - Inglese - Ungherese.

Grammatiche e corsi di lingua finlandese. In italiano, poche le possibilità di studiare sistematicamente il finlandese. Tra i manualetti, esaurito il sintetico e affidabile La lingua finlandese di Eeva Uotila Arcelli (SKS 1975), oggi l’unica proposta su carta in libreria è Paula Loikala, Grammatica Finlandese, Clueb Bologna 2004. La lingua finlandese: grammatiche, storia delle lingue ugro-finniche online. Per un primo avviamento molto semplice allo studio della lingua e della grammatica si consulti sul web il sito finlandese.net Un corso più strutturato si può seguire online con "Tavataan taas!" (lingua di supporto l'inglese). Prima parte propedeutica con vocaboli di base e frasi idiomatiche semplici, seconda parte con grammmatica di base. Con nozioni di cultura finlandese e link relativi. Ascolto dei testi con file audio madrelingua, con feedback degli esercizi per controllare i progressi. Quando si conosce già un po’ della grammatica di base, si può attivare la comprensione della lingua con "Ymmärrä suomea!". Una ventina di testi di comprensione legati alla vita quotidiana o alla cultura. Ogni testo tratta un fenomeno linguistico, con facile accesso alla parte grammaticale. Vocabolario con versione inglese. Testi degli esercizi ascoltabili in Windows Media Player, con suddivisione in frazioni brevi dotate di domande a risposta multipla. Sai contare in finlandese?, di Katsuto Mazamura, un esercizio divertente per imparare a far di conto in finlandese. Coniugazione dei verbi finlandesi: Verbix.

Introduzione alla letteratura. Storia letteraria e critica

ImageScarso il materiale introduttivo in lingua italiana negli ultimi decenni, se si escludono le introduzioni alle traduzioni, spesso affidate a non specialisti, e ai pochi articoli comparsi su riviste. Una prima, elementare introduzione, è rappresentata da: Kai Latinen, La letteratura Finlandese. Un breve profilo, Otava, Helsinki 1995. Per chi voglia avvicinarsi a uno studio più sistematico della tradizione letteraria, vista per storia e generi, uno strumento valido in lingua inglese è: G.C. Schoolfield (ed.), A History of Finland’s Literature, University of Nebraska Press 1998. Opere di consultazione ancora utili sono: E. R. Gummerus, Storie delle letterature della Finlandia, Nuova Accademia 1962. P. Raavila (ed.), Finnish Literary Reader, Indiana Univ. Publ. 1965, una scelta antologica di testi in prosa e poesia tradotti e commentati in inglese. G. Devoto (a cura di), Le letterature dei paesi baltici, Sansoni 1969. A. Rubulis, Baltic Literature: A Survey of Finnish, Estonian, Latvian, and Lithuanian Literatures, University of Notre Dame Press, 1970. Jaakko Ahokas, History of Finnish Literature, Indiana Univ. Press 1973. R. Pavese, Attività letteraria scandinava, Roma, Bulzoni, 1988, con sezioni dedicate alla letteratura finlandese accostata alle altre del mondo scandinavo. Sulla produzione letteraria più recente sono utili letture: S. Moster, M. Antas, V. Hirvonen, The Weight of the Written Word, Finfo 6/2003, Helsinki, ISSN 1238-173X. Ci sono notizie sulle letterature finlandese, finno-svedese e lappone, più un paio di interviste. Un agile libretto di 24 pagine. Yrjö Varpio, Land of the North Star, Tampere University Press, 1999, ISBN: 951-44-4476-0. In 156 pagine si trova, come dice il sottotitolo, una “Introduction to Finnish culture and thinking”. Si parla di letteratura e lingua finlandese dentro un quadro culturale più ampio. Una serie di informazioni aggiornate sulle novità librarie, non solo letterarie, si trovano sul sito della rivista “Books from Finland”, edita dalla Fili, il Centro informazioni della Società di Letteratura Finlandese SKS, da consultare anche per avere notizie su finanziamenti all’editoria e sostegno alla traduzione. Schede sintetiche sugli autori contemporanei si possono leggere consultando questo sito Una collezione non sistematica di schede, recensioni, traduzioni, di qualità diversa, ma a volte utili per ricerche specifiche, si trova in questo sito.

Letteratura

L’antologia forse più esauriente di prosa e poesia finlandese è B. Carpelan, V. Meri, M. Suurpää (eds.), A way to measure time, Contemporary Finnish Literature, SKS, Helsinki 1992, un'antologia di prosa e poesia finlandesi dal 1945 agli inizi degli anni '90 (con 86 autori) Per gli studenti è utile consultare la rubrica bilingue “L’angolo di Giano” sul sito www.larondine.fi dove compaiono testi di letteraura finlandese, prosa e poesia, con traduzione a fianco e schede critiche sugli autori (in prevalenza contemporanei: Härkönen, Krohn, Saisio, Venho, Virolainen).

Image

Prosa . Per un avviamento alla prosa letteraria finlandese, una prima ricognizione si può fare leggendo le antologie: G. Pieretto (a cura di), Sei voci finniche, Edizioni di “In Forma di Parole”, 2000, con testi di Eeva-Liisa Manner, Pentti Saarikoski, Rosa Liksom, Riina Katajavuori, Jouni Inkala, Leena Krohn. M.A. Iannella-Helenius (a cura di), Il Racconto, Crocetti 1996, con testi di Leena Krohn, Eeva-Liisa Manner, Kirsi Paltto. F. Moccia (a cura di), Dizionario di centouno capolavori delle letterature scandinave, Bompiani 1967, con profili biografici e testi di E. Lönnrot, A. Kivi, A. Järnefelt, J. Linnankoski, E. Leino. Un esempio di edizione bilingue, su carta, è quella di un racconto di Z. Topelius, Il Tonttu del castello di Turku, tradotto da C. Sabatini per l’editrice Sinnos, 1999. Chi invece voglia leggere romanzi tradotti integralmente in italiano la guida migliore resta il catalogo delle Edizioni Iperborea di Milano, che dal 1987 presenta testi in prosa di autori scandinavi moderni e contemporanei, tra cui quelli finlandesi e finno-svedesi sono in bella evidenza: B. Carpelan, K. Hotakainen, T. Jansson, L. Lander, A. Paasilinna, M. Waltari, E. Tode. Altri editori che recentemente hanno tradotto testi finlandesi in prosa sono stati Socrates di Roma (M.A. Numminen, Il tango è la mia passione, 2006), Artemisia (R. Liksom, Memorie perdute, 2003), Scritturapura (E. Hirvonen, Ricòrdati, 2006). È uscita nel 2007, per Fazi editore, Dolcemorte di Leena Krohn. Per quanto riguarda i classici, abbiamo due edizioni del romanzo finlandese più celebre, i Sette fratelli di Aleksis Kivi: la prima dell’editore Marzocco nel 1940, versione di Corrado Malavasi (che era ricorso alla traduzione francese fatta nel 1926 da L. Perret), e quella del 1941 della UTET di Torino nella collana I grandi scrittori stranieri con traduzione dal finlandese di Paolo Emilio Pavolini. Che nella introduzione presenta questo autentico romanzo di formazione come «una vera epopea in prosa, intramezzata da lunghi racconti e da lunghissimi dialoghi: sette tipi diversi dell'anima finnica, nelle sue caratteristiche». Dello stesso Kivi esiste anche la traduzione sempre di Pavolini su una rivista di Palermo, “Rassegna Moderna” (I,8,1921 pp. 949-974), del dramma in un atto Lea (Kivi aveva scritto quattordici testi per il teatro). Fortunate anche le traduzioni italiane dei romanzi di un grande scrittore del Novecento, Mika Waltari. Il successo più grande è certo quello avuto da Sinuhe l’egiziano (Rizzoli 1950), seguito da Turms l’etrusco, Lauso il cristiano e Marco il romano, tutti nelle edizioni Rizzoli. Tradotto anche il premio Nobel per la letteratura Frans Eemil Sillanpää: Santa miseria, Silja e Racconti, Utet 1969. Alcune delle opere di Tove Jansson sono state tradotte: della serie dei Mumin, Il cappello del gran bau, e Magia di mezz’estate, Salani 1990; Mumin, magia d’inverno, Vallecchi 1978. Il romanzo Il libro dell’estate, come anche L’onesta bugiarda, sono stati pubblicati da Iperborea, 1989.

ImagePoesia . Alcune antologie, per introdursi alla poesia finlandese del Novecento: T. Pisanti, Il ghiaccio e il fuoco. Poesia del Novecento finlandese, Guida, Napoli, 1986, con introduzione del curatore (testi di Andersson, Carpelan, Haavikko, Huldén, Manner, Nummi, Saarikoski, Saaritsa, Tynni e altri). A. Parente (a cura di), Quando il sole è fissato con i chiodi. Poeti finlandesi contemporanei, Asefi, Milano 2002, con introduzione di Viola Parente-Capkova (“Quando i nomi ritornano nelle cose. L'età dell'oro della poesia finlandese”, pp. 11-24.) Una antologia dei favolosi anni ’90, con al centro i poeti del movimento “Nuori Voima”. (Testi di J. Ahvenjärvi, O. Heikkonen, J. Inkala, R. Katajavuori, J. Kiiskinen, T. Kontio, H. Liehu, L. Otonkoski, A. Peura, H. Sinervo e M. Virolainen.) P. Loikala (a cura di), Finlandia raccontata dalle donne. Antologia dei canti popolari, Clueb Bologna 1994. Canti nuziali e funebri, ninnenanne, dalla raccolta della SKS. Introduzione della curatrice. P. Loikala (a cura di), Il Nord come destino. Liriche finlandesi moderne al femminile, Clueb Bologna 1996. Introduzione della curatrice. (Testi di H. Hämäläinen, E. Kilpi, K. Kunnas, E.-L, Manner, A. Meriluoto, E. Tikka, S. Turkka et al.). G. Pieretto (a cura di), Canti lapponi, Univ. Studi Venezia 1992 (testi di Guttorm, Jalvi, Paltto, Valkeapää). Quindi alcune raccolte monografiche: G. Casarubea e A. Perruccio (a cura di), Eeva Kilpi, Saluti: poesie, Galzerano 1987. M.A. Iannella-Helenius (a cura di), Eeva-Liisa Manner, Sulla punta delle dita. Poesie 1956-1977, Filema 2001, ricca antologia delle opere di una delle interpreti più significative del modernismo. L’introduzione della curatrice fornisce alcune linee guida non solo dell’attività della Manner ma anche del clima culturale della sua epoca. A cura di A. Parente la traduzione italiana di Talvipalatsi di Paavo Haavikko: Palazzo d'inverno, “Poesia” 2003, vol.XVI, n.175. A. Parente (a cura di), La pelle, poesie di Merja Virolainen, ed. Via del Vento 2004. Breve antologia di una poetessa che, formatasi nel movimento “Nuori Voima”, abbandona presto la sobrietà di questo filone per trovare un suo personale linguaggio fatto di ritmo, humour, giocose invenzioni linguistiche e retoriche. Sempre nella traduzione di A. Parente Virtuosi incantesimi, poesie di Johanna Venho, Ed. Atelier, Borgomanero 2006, prefazione di Viola Parente-Capkova. Giovane interprete delle tendenze più recenti della poesia finlandese, come testimonia la collaborazione alla rivista innovativa “Fumo & Fuoco” (Tuli & Savu), fondata nel 1994, Lo studio dei classici non può non partire dalla lettura del poema nazionale finnico, il Kalevala. Di cui abbiamo in italiano quattro versioni complete, oltre a una serie di traduzioni parziali ad opera, tra gli altri, di Fogazzaro e Ciampoli. La prima versione completa è stata Kalevala. Poema finnico. Versione italiana di Igino Cocchi, con prefazione di Domenico Ciàmpoli, Firenze-Città di Castello, voll. 2., 1909. In versi endecasillabi, non sempre fedele all’originale. La seconda è quella più celebre e apprezzata: Kalevala. Poema nazionale finnico, a cura di P.E. Pavoli­ni, Milano-Palermo-Napoli, 1909-1910. Edizione in ottonari, assai fortunata, successivamente stampata in forma ridotta dall'editore Sansoni nel 1935, 1948 e 1984. Nel 1912 usciva la traduzione integrale in prosa, opera di Francesco di Silvestri-Falconie­ri, Kalevala. Epopea na­ziona­le fin­landese. Con prefazione e note del traduttore, Lan­ciano 1912, ristampata con una lunga prefazione nel 1927. Nel 1988 compare una nuova traduzione integrale in prosa, curata da Gabriella Agrati e Maria Letizia Magini, pubblicata negli Oscar Mondadori, Kalèvala. Miti incantesimi eroi nella grande saga del popolo finlan­dese, Milano. Questa non è però tradotta direttamente dal finlandese, ma si basa sulle edizioni in versi di Pavolini e in prosa del Silvestri-Falconieri, nonché su quella francese in versi di J.L. Perret (Paris, 1931) e quella inglese in prosa di F. Peabody Magoun Jr (Harvard University Press, 1963). Per chi voglia avere un primo contatto col testo Kalevaliano e la versione di Pavolini si può vedere su internet la riproduzione della edizione sansoniana ridotta, oppure di quella integrale, qui. Valido strumento per avvicinarsi alla cultura popolare e al mondo del Kalevala è la lettura, nella traduzione italiana di Renzo Porceddu, di una antologia della Kanteletar, la grande collezione di testi lirici popolari realizzata da Elias Lönnrot, compilatore del poema nazionale finnico. Il testo, dal titolo Elias Lönnrot, Kanteletar. raccolta di liriche popolari finniche, è stato pubblicato a Turku da Irma e Benito Casagrande editore, 1992.

Segnaliamo infine, per chi voglia avere un repertorio aggiornato della letteratura finlandese e finnosvedese in traduzione italiana l'encomiabile lavoro di Riccardo Marmugi sul suo sito La Finlandia in Italia.