bann_case1.jpg

Percorsi

Poster Lettere al direttore
Dite la vostra
Poster Forum
Dialogo con i lettori
Poster La mia finlandia
Foto, racconti, memorie
Poster Fin Ciak
Video, clip, interviste
Poster Teatro Finlandese
Testi in traduzione italiana
Poster Guida
Indirizzi utili in italiano

Pubblicità

Advertisement

Corrivo

Image P. Vauramo, CEO

Finnair migliore compagnia aerea del Nord Europa

Finnair continua a mietere riconoscimenti. Dopo quello sul design e quello di Finnair Cargo con la certificazione del programma IATA Center of Excellence for Indipendent Validators in Pharmaceutical Logistics (CEIV Pharma), ovvero attestato che certifica l'idoneità per il trasporto di prodotti farmaceutici con la catena del freddo, è ora la volta di quello come migliore compagnia aerea del Nord Europa per il sesto anno consecutivo.
Infatti, in occasione dei World Airline Awards, al Paris Air Show, la compagnia aerea di bandiera finlandese è stata nominata migliore compagnia aerea del Nord Europa per il sesto anno consecutivo.

La cerimonia è stata organizzata da Skytrax e il riconoscimento si basa su un'indagine indipendente che coinvolge circa 18 milioni di viaggiatori provenienti da più di 160 Paesi. Nella stessa occasione, l'alleanza oneworld, di cui Finnair fa parte, è stata nominata migliore alleanza di compagnie aeree per la terza volta consecutiva.
Finnair è la prima compagnia aerea europea a dotarsi di un aeromobile Airbus A350 XWB. Lo scorso anno, ha inoltre ampliato le sue sale lounge dell'aeroporto di Helsinki, portato a termine l'installazione di sedili interamente reclinabili per la Business Class della sua flotta a lungo raggio, aggiornato il sistema di intrattenimento a bordo dei suoi aeromobili e collaborato con i migliori chef finlandesi per creare nuovi menu speciali per la Business Class.
I World Airline Awards sono considerati il principale strumento di riferimento per la valutazione dei livelli di soddisfazione dei passeggeri nei confronti delle compagnie aeree di tutto il mondo. L'indagine coinvolge più di 200 compagnie aeree e valuta gli standard di oltre 40 prodotti e servizi di prima linea offerti dalle compagnie aeree. (G. Nitti)

 

Pubblicità

 

La Rondine - RSS Feed

La Rondine

Rondine
La Rondine

Cari lettori, stiamo rinnovando il nostro sito. Pertanto nelle prossime settimane La Rondine non sarà sempre accessibile e potra' presentare delle anomalie grafiche o di funzionamento. Ci scusiamo per gli inconvenienti.

Holi Festival a Tampere Stampa E-mail
di Claudia Cannatà   

Image

La Festa dei colori: “Let the colors shower joy”

Lo scorso 17 marzo è stato celebrato, a Tampere, l’Holi Festival. L’evento si è svolto, nel primo pomeriggio, a Keskustori, la piazza principale della città finlandese dove si respirava uno stato d’animo all'insegna dell'euforia. Le tante persone, che hanno preso parte all’evento hanno portato nella grigia Tampere di fine inverno una luminosa esplosione di colori.

L’Holi, anche conosciuto come Festival dei Colori, è generalmente celebrato sotto il sole, sull'erba in fiore, e la gente, insieme ai colori, si lancia secchiate d'acqua. A Tampere, invece, i partecipanti hanno dovuto accontentarsi di una battaglia di palle di neve. L’evento è stato promosso dalla RASMUS, la settimana contro il razzismo, che ha deciso di chiamarlo “Holi for Equality” con lo scopo di fornire una piattaforma per l’interazione fra culture diverse. Come si legge sulla pagina facebook ufficiale dell’evento “durante l’Holi Festival, ciascuno è spalmato o spruzzato di una miriade di colori che rendono impossibile distinguersi per il colore della pelle, la religione, il paese, il sesso o le convinzioni. Così, siamo giunti a questa innovativa idea di celebrare l’Holi per promuovere una piattaforma multiculturale comune”. Lo scopo principale era, dunque, quello di creare un evento colorato che potesse fornire un’opportunità per le interazioni multiculturali per tutte le nazionalità presenti a Tampere.
Holi, il cui significato letterale è “ardente”, è una festa celebrata principalmente da Hindu, Buddhisti e Sikh ed è osservato soprattutto in India, Nepal, Sri Lanka e altri paesi sedi di una grande diaspora di popolazioni indiane. Si crede che esistesse diversi secoli prima di Cristo, ma il suo significato sarebbe cambiato col tempo. Inizialmente era un rito speciale eseguito da donne sposate per garantirsi la felicità e il benessere delle famiglie. Oggi, è la seconda festività più importante del mese di Phalguna (febbraio/marzo), celebrata nei giorni immediatamente precedenti la luna piena. E’ il festival di primavera, momento dell’anno durante il quale c’è abbondanza di colori e frutti. La sua popolarità sembra aumentare col passare degli anni, dal momento che nessuna altra festa dà così tanta libertà alle persone di far emergere il proprio lato fanciullesco. Durante le celebrazioni, le differenze di ogni genere sono cancellate dai colori e la gente si lascia andare alla sfrenatezza, cantando e ballando sul ritmo delle tradizionali canzoni folk. I bambini, in particolare, si divertono a lanciare palloncini riempiti d’acqua ai passanti. Dopo una giornata piena di eventi, le serate si concludono facendo visita ad amici e parenti e scambiandosi dolci e abbracci per augurarsi un caldo Holi. Una delle tradizioni più significative è l’allentamento del rigore delle strutture sociali,che normalmente includono età, genere e casta. L’Holi chiude, infatti, l’ampio divario tra le classi sociali e unisce gli Hindu che, ogni anno, vi partecipano in migliaia, anche perché uno dei suoi scopi è a sfondo religioso, dal momento che commemora molti eventi presenti nella mitologia Hindu. Anche se tra le feste religiose è quella meno importante, è probabilmente, però, una delle più divertenti.

Image

A Tampere, la giornata è stata divisa in tre momenti topici. Come da tradizione, durante la prima fase, chiunque si trovasse nell’area di gioco ha semplicemente giocato all’Holi. Questo significava prendere dei colori, prevalentemente in polvere, e usarli per “dipingere” i volti e i vestiti dei partecipanti finché non è stato più possibile riconoscersi a causa dei colori sulle facce. Nella seconda fase, ognuno ha ricevuto un grande foglio di carta e colori per scrivere qualcosa nella propria lingua, semplicemente un saluto o anche un messaggio contro il razzismo. Nell’ultima fase, danza e divertimento. I partecipanti, che ormai formavano un grande arcobaleno umano, hanno ballato su alcune delle più avvincenti canzoni Hindi. Nessuna visita finale a parenti o amici, ma per la maggior parte delle persone che erano lì la giornata si è conclusa nei pub della città per celebrare il giorno di San Patrizio. Di cultura in cultura, dalla tradizione dei colori alla tradizione della birra.
Nonostante sia un festival così colorato, ci sono vari aspetti dell’Holi che lo rendono anche molto significativo dal punto di vista socioculturale, religioso e persino biologico. Di sicuro, il festival avvicina le persone alla religione e a certe credenze, è celebrato nel periodo dell’anno in cui i campi sono in piena fioritura e in campagna si aspetta il raccolto e ciò dà una buona ragione per gioire e far festa. Inoltre, come detto, i vincoli sociali ne escono rafforzati. Infatti, per tradizione, durante i giorni dell’Holi anche gli avversari diventano amici, mettendo da parte qualsiasi sentimento di ostilità e lasciando spazio alla fratellanza. Anche la tradizione di far visita ad amici e parenti e scambiarsi doni, durante la serata, aiuta a rivitalizzare le relazioni e a rafforzare i legami affettivi.

Image

L’Holi, poi, arriva in un periodo dell’anno in cui ci si sente pigri e sonnolenti in maniera del tutto naturale, poiché il corpo prova la stanchezza dovuta al cambio climatico, e per rimediarvi la gente canta e parla ad alta voce. Tutto ciò aiuta a sentirsi più giovani, come sostengono anche i medici. Colori, allegria, buoni sentimenti e buona salute. Ce n'è bisogno anche qui.

(La Rondine - 29.3.2012)

 
< Prec.   Pros. >

Eventi

Bologna, 22.7 - 2.8

Image

Cuore di Ghiaccio

“Cuore di Ghiaccio”, festival dedicato alla Scandinavia dal 22 luglio al 2 agosto, dalla data della strage di Utøya a quella della stazione di Bologna 5 spettacoli di danza in prima nazionale, 2 spettacoli di teatro, 2 serate musicali, 12 film, 1 laboratorio teatrale, 12 incontri, 12 “lettere dal fronte interno”, 12 serate di gastronomia. A Bologna, Teatri di Vita nell’ambito di bè bolognaestate 2015
Dodici giorni di “ghiaccio” nel cuore della torrida estate bolognese, al Parco dei Pini dove Teatri di Vita organizza per il decimo anno il suo festival di cultura contemporanea e “teatro do reportage” dedicato a un paese straniero. Questa volta i paesi sono 4, ossia i Paesi Scandinavi: Norvegia, Svezia, Danimarca e Finlandia. Due date non casuali, quelle dell’apertura e della chiusura del festival: rispettivamente l’anniversario della strage di Oslo e Utøya del 2011 e quello della strage alla stazione di Bologna del 1980.
Il festival ha il suo fulcro nella danza contemporanea: dal suggestivo e sorprendente “flamenco finlandese” di Kaari Martin alle potenti trasformazioni queer dei danesi HimHerAndIt per la ridefinizione delle identità di genere, dai racconti sui disturbi alimentari dei danesi Kassandra Production a quelli sulla violenza omofoba dei norvegesi Toyboys, fino alle rarefatte atmosfere dell’italo-svedese Mirko Guido.
Ricchissima la selezione cinematografica: film di Aki Kaurismäki e Roy Andersson, e un piccolo omaggio a Corso Salani e alla sua passione per il confine finlandese. Due gli appuntamenti principali con la musica, in omaggio alle sonorità settentrionali: una “Abbanight” che omaggerà i mitici Abba e tutta l’ondata pop scandinava, a cura di PopPen djs, e “Solnedgang – Infinito tramonto” condotto da Alessio Bertallot. E ancora, la mostra fotografica di Hannah Modigh, e un laboratorio teatrale condotto da Anna Amadori e aperto a tutti ci condurrà nelle maglie della drammaturgia di Ibsen.
Tra quanti collaborano a questa produzione, ci sembra interessante segnalare Smilla cultural bridge: un facilitatore culturale per diversi progetti legati alla diffusione e promozione della cultura italiana in Finlandia, dalle arti visive alla danza al teatro all'alimentazione allo sport.

Image

Il festival si svolge a Teatri di Vita e nel Parco dei Pini di Bologna, e offre ai visitatori anche la possibilità di incontri con la gastronomia tutte le sere. L’abbonamento complessivo alle 12 serate (21 eventi) costa solo 39 euro. Il biglietto giornaliero (da 3 a 4 eventi), 12 euro.
http://agenda.comune.bologna.it/cultura/cuore-di-ghiaccio

 

Pubblicità

Advertisement

Eventi

Eventi

Pubblicità

Advertisement