snow_man_1.jpg

Percorsi

Poster Lettere al direttore
Dite la vostra
Poster Forum
Dialogo con i lettori
Poster La mia finlandia
Foto, racconti, memorie
Poster Fin Ciak
Video, clip, interviste
Poster Teatro Finlandese
Testi in traduzione italiana
Poster Guida
Indirizzi utili in italiano

Pubblicità

 

Corrivo

Image

2018 anno europeo del patrimonio culturale

Il 2018, dichiarato Anno europeo del patrimonio culturale, sarà dedicato alla promozione della diversità culturale, del dialogo interculturale e della coesione sociale.
L’impegno si rivolgerà ad evidenziare il contributo economico dei beni culturali per i settori culturali e creativi e a sottolineare il ruolo del patrimonio culturale nelle relazioni esterne dell’Ue, tra cui la prevenzione dei conflitti, la riconciliazione post-conflitto e la ricostruzione del patrimonio culturale eventualmente distrutto.
Gli obiettivi generali dell'Anno europeo sono:
- promuovere la diversità culturale, il dialogo interculturale e la coesione sociale
- evidenziare il contributo economico offerto dal patrimonio culturale ai settori culturale e creativo, compreso per le piccole e medie imprese, e allo sviluppo locale e regionale
- sottolineare il ruolo del patrimonio culturale nelle relazioni esterne dell'UE, inclusa la prevenzione dei conflitti, la riconciliazione postbellica e la ricostruzione del patrimonio culturale distrutto
L'Anno europeo potrà contare su una dotazione finanziaria dedicata pari a 8 milioni di EUR, 4 saranno erogati dal programma Europa Creativa e gli altri 4 da altri programmi UE quali Erasmus Plus, Horizon 2020 ed Europa dei Cittadini che parteciperanno con bandi dedicati.
Gli Stati membri nomineranno dei coordinatori nazionali per promuovere le iniziative dirette nel proprio paese e raccordarsi con quelle “bandiera” promosse dalla Commissione. Rappresentanti del Parlamento europeo potranno partecipare in qualità di osservatori alle riunioni dei coordinatori nazionali organizzate dalla Commissione per lo svolgimento dell'Anno europeo.
Il 2018 Anno europeo del patrimonio culturale sarà presentato al Forum della Cultura in programma a dicembre 2017 a Milano.
La Decisione (UE) 2017/864 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 17 maggio 2017, relativa a un Anno europeo del patrimonio culturale (2018) è stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale dell'Unione europea, il 20 maggio scorso. (G. Nitti)

Testo cliccando qui

 

La Rondine - RSS Feed

La Rondine

Rondine
La Rondine

Cari lettori, stiamo rinnovando il nostro sito. Pertanto nelle prossime settimane La Rondine non sarà sempre accessibile e potra' presentare delle anomalie grafiche o di funzionamento. Ci scusiamo per gli inconvenienti.

Dai confini dell'impero 56 Stampa E-mail
di Luigi G. de Anna   
Indice articolo
Dai confini dell'impero 56
Pagina 2

Image

"Promootio" nell'università finlandese: tradizioni e significati alla festa dei neo-dottori

Ho appena letto sulla Homepage dell’università di Turku che il 25 maggio iniziano le cerimonie legate alla Promootio. Ho emesso un sospiro: quest’anno, per la prima volta da tanti anni non parteciperò.

Da tempo infatti ho comprato il biglietto aereo per la Thailandia, proprio per il giorno 24. Il mio era un sospiro di sollievo. Sollievo perché entrare nel frak, abbottonarsi con quegli infernali bottoni inventati da un sadico sarto del Settecento (forse un giacobino) è diventata un’operazione assai laboriosa. La vestizione è complicata dal fatto che col passare degli anni il frak si restringe, il gilè pure, insomma è certamente a causa dell’umidità che regna nella mia casa di legno.

Image

Dunque non farò parte del corteo dei professori che accompagnano i neo-dottori sia all’entrata nella sala dei concerti, sia al Duomo. Un corteo ben ordinato dalle solerti segretarie. Per primi marciano i professori con maggiore anzianità, seguiti via via da quelli di più recente nomina. Si assiste quindi ad un degradare di sfumature del colore dei capelli, da un bianco quasi canuto a un biondo vivo, da un petto medagliato a d uno in attesa del riconoscimento che prima o poi al professore, fedele servitore della Società intellettuale e scientifica, comunque spetta. Quello che per me è stata una triste sorpresa all’ultima promootio cui ho partecipato, era che non mi trovavo più a capeggiare l’ordinata fila degli Ordinari di ruolo, ma ero al termine di quella che li precede: i professori emeriti. Certo, ritrovo vecchie conoscenze, amici o colleghi del buon tempo accademico passato, ma ad ogni tornata sono sempre meno.

Preso dai malinconici ricordi, ho dimenticato di spiegare che cosa è la promootio. Si tratta dell'evento più solenne che investe una università finlandese, in occasione del quale a chi ha conseguito il dottorato di ricerca negli ultimi anni (la festa si tiene attualmente con un intervallo di tre anni) viene consegnato, oltre al diploma, il cappello da dottore (un cilindro dalla stoffa di raso pieghettata) e la spada. Simbolo una volta del Gentiluomo, e oggi del Sapiente. La sera del primo giorno delle celebrazioni la spada viene affilata dal neo-dottore su una mola, mentre il suo compagno (o la sua compagna) versa sulla pietra dello spumante rigidamente finlandese (cioè fatto di vino di bacche). Il secondo giorno è quello più solenne. La mattina i giovani dottori (ogni anno in media circa 150) entrano in corteo nella sala dei concerti, l'unica in città abbastanza spaziosa per contenere i festeggiati ed i loro parenti. I neo-dottori sono preceduti dall'araldo, dagli studenti in rappresentanza delle corporazioni e dal corpo dei professori, uomini in frak e donne in abito lungo.

Image

Ha poi inizio la cerimonia della consegna del diploma, del cappello e della spada, la cui formula è pronunciata in latino e viene ripetuta facoltà per facoltà. La qualità della pronuncia latina varia da decano di facoltà a decano. Buona quella degli umanisti, un po’ forzata quella degli scienziati. Alla fine, dottori e professori, vanno in corteo per le vie della città fino alla cattedrale luterana, dove si svolge la cerimonia religiosa. La sera, tutti al castello di Turku, per la cena di rito, sempre in abito da sera e con il cilindro da dottore in testa, che col passare delle ore diventa un orribile strumento di tortura, una specie di garrota a tempie e fronte.

Image

Verso la mezzanotte si va in una sala delle feste del centro della città per ballare la polonaise, il pas de Spagne e il walzer, che nessuno sa ballare, ma la sala è talmente gremita che basta accennare un passo e il vortice ti trasporta.


 
< Prec.   Pros. >

Pubblicità

Image

Viaggi frizzanti, assaggi inebrianti

 

Eventi

Fantastica!

Image

A Tampere, in mostra i capolavori di Valentino

Alcune tra le più straordinarie creazioni viste in passerella, gli abiti di alta moda di Valentino, sono in mostra al Museo Milavida di Tampere, la capitale industriale della Finlandia. Intitolata Fantastica! Abiti di Valentino da collezioni private, è una mostra che rappresenta innanzi tutto una celebrazione dell’alta moda: sotto i riflettori vi sono non solo gli abiti di Valentino provenienti da collezioni private, ma anche il loro retroterra artigianale e la minuziosa esperienza di tessitori, sarti e ricamatori, che rendono ogni capo prezioso come un gioiello.
La raffinatezza e la cura dei dettagli fanno sì che Valentino venga definito “L’ultimo imperatore della moda”.
Ottima l’occasione, per i curiosi, per conoscere l’edificio storico che ospita la mostra, Il Castello di Näsi (Näsilinna) a Tampere, nel quartiere di Finlayson.
Il magnifico palazzo è stato costruito nel 1898 da Peter von Nottbeck, figlio di Wilhelm von Nottbeck, con progetto di Karl August Wrede, autore celebre per una serie di grandi edifici come la Biblioteca municipale di Turku. Il palazzo nel 1905 fu ceduto dagli eredi al comune di Tampere.
Danneggiato a più riprese durante la guerra civile, e poi durante la seconda guerra mondiale, l’edificio ha subito profondi restauri, tra il 2013 e il 2015, recuperando la sua originaria bellezza. Oggi Näsilinna, oltre al Museo, ospita anche un caffè e un ristorante.

Image

Valentino Garavani è uno degli stilisti più famosi, ha vestito il bel mondo internazionale, ed è talmente celebre da aver dato il suo nome a una varietà di rosso. Come grandi pittori del passato, da Carpaccio a Tiziano.

Mostra: Museo Milavida - Tampere

dal 15 giugno al 15 ottobre
http://museomilavida.fi/en/museum-milavida/

 

Pubblicità

 

Eventi