itinerari culturali tra Italia e Finlandia 

Il corrispondente de La Rondine dai confini dell’impero da un po’ di tempo tace. Qualche amico, un po’ preoccupato, ha fatto le debite ricerche e ha finito per rintracciarlo, non senza fatica, ma sano e salvo, nel Triangolo d’oro. Siamo tutti sollevati: naturalmente non era scompars,o come Jim Thompson. Ma forse è meglio che sia lui stesso a spiegarsi. Ecco che cosa ci ha raccontato.

Alla fine di maggio sono partito per la Thailandia. Il solito, affollato, aeroporto di Vantaa. La fretta, la gente che al controllo di sicurezza spinge, svuotarsi le tasche, togliersi l’orologio, attenzione al portafoglio, dove è finita la cintura, ma non sapeva che la bottiglietta d’acqua non si può portare? Insomma, alla fine il computer è rimasto sul nastro, dimenticato dal distratto viaggiatore. Arrivato a Bangkok, in hotel apre il trolley e…oh Dio, anzi, oh Buddha, e il computer dov’è? Si ricostruisce a danno della senilità del viaggiatore la scena all’aeroporto e si arriva all’amara conclusione. Resa un po’ meno amara dall’efficiente servizio oggetti smarriti di Vantaa, che promette di conservare il prezioso oggetto fino al ritorno dello sbadato viaggiatore, che ora, per scrivere queste righe deve giostrare tra lettere latine e siamesi di una tastiera poco familiare prestatagli da una gentile signora di nome Mem.
Ma il silenzio del viaggiatore ai confine ha anche un altro motivo: abituato a descrivere la bella terra di Suomi, giunto in Prathet Thai (la Thailandia) si accorge di non pensarci più alla Finlandia, che pur con tanta generosità lo ospita da tanti anni. Anzi, se solo potesse, quel biglietto di ritorno lo getterebbe nel Mekong, per vederlo fluttuare fino al lontano delta saigonese.

Intendiamoci, l’approccio con la Thailandia è ben altro che idilliaco, passando per Bangkok. Città impossibile ed invivibile, almeno per chi è abituato al pigro fluire del traffico nelle ore di punta turkuensi. A Bangkok, all’ora di punta, non fluisce assolutamente nulla. Le macchine se ne stanno immobili per lunghissimo tempo, imbottigliate nel traffic più infernale del pianeta (altro che quello di Palermo esecrato da Benigni in Johnny Stecchino).
A Turku, per andare da casa mia all’aeroporto impiego al massimo venti minuti. A Bangkok c’è chi (dipende da dove si abita) deve mettere in programma anche quattro ore per arrivare allo scalo. E se non c’è l’imbottigliamento, c’è l’alluvione. Nella stagione del monsone le strade della capitale si ingolfano di acqua, che arriva alle caviglie e oltre. Per fortuna è tiepida, come quella che un cielo nemico vi riversa addosso per ore.

Ma tutto questo serve a sottolineare la fantozziana remissione al fato che rende I bangokkiani il popolo più amabilmente paziente ed educato del pianeta. Ho passato due ore nel taxi per andare dal mio hotel all’università di Chulalongkorn, la maggiore della capitale e della Thailandia.

Ebbene, ce ne stavamo lì immobili, in quel fiume di auto rigorosamente giapponesi, e nessuno suonava il clacson, nessuno si agitava, o malediceva il governo (da noi tradizionalmente ladro quando piove). Il volto del tassista era impassibile, come quello dei Buddha nel momento del trapasso nel Nirvana. Mancava dunque quel colore che ho il piacere di cogliere quando torno a Firenze, e il taxi resta per un po’ fermo nell’attraversamento del centro cittadino. Oppure se sono sul bus che dal Campo di Marte mi porta in via Martelli. Appena resta fermo per un po', l’antico spirito corrosivo dei fiorentini riemerge in tutta la sua pienezza.

Sul bus di Bangkok, ancora più affollato di quello dell’ATAF fiorentina, a causa della lunghezza della sosta e anche del caldo, la situazione potrebbe degenerare in una aperta rivolta armata. Ma anche qui nulla, e l’attesa èconfortata dai dolci sorrisi dei passeggeri quando ti guardano per esprimerti la loro solidarietà.
È vero, i thailandesi sono famosi per il loro sorriso, ma è un tratto che hanno in comune con gli indocinesi; Tiziano Terzani citava il “sorriso khmer” che gli salvò la vita quando finì davanti ai kalashnikov degli Khmer rossi cambogiani. È un sorriso che vi accompagna per tutto il viaggio, dalla capitale alla campagna, fino alle alle montagne del Triangolo d’oro.

E quel sorriso l’ho trovato anche al Dipartimento di italiano dell’università di Chulalongkorn. Mi ci ha accompagnato il prof. Dinar Boontharm, storico del Sud-est asiatico e soprattutto caro amico. Lo scopo era di attivare l’accordo che esiste tra l’università di Turku e quella di Chulalongkorn (che porta il nome del più famoso dei re della dinastia dei Chakra o Rama, ancora regnante) in merito allo scambio di docenti e ricercatori.

A ricevermi trovo la professoressa Lohapon, direttore del Dipartimento di Lingue Occidentali e cattedratica di italiano insieme ai suoi collaboratori. In un Paese dove perfino l’inglese sembra essere lingua rara (iI thailandesi in quanto a possesso delle lingue superano perfino i finlandesi, che notoriamente tacciono in sei lingue) poter parlare l’italiano e sentirlo parlare con accento toscano da questi simpaticissimi colleghi sembra essere quasi irreale.

La prof. Neung Lohapon  (come è piccolo il mondo!) ha studiato a Firenze con Ghino Ghinassi, che era assistente quando feci il mio primo esame di storia della lingua con Bruno Migliorini. Si dedica ora in particolare allo studio delle relazioni tra Thailandia e Italia, che sono molto più approfondite di quanto si potrebbe pensare. Una parte dei palazzi regali portano l’impronta di una architettura italiana. I nostri pittori li hanno affrescati, anche con temi realtivi alla vita di Buddha e dei re siamesi. Si traduce però poco e il progetto di pubblicare in lingua thai la Divina Commedia ancora non è arrivato in porto. Con la solita saggezza, il ministero degli esteri italiano ha chiuso anni fa il lettorato di italiano, avventata decisione in un Paese dal grande potenziale per le relazioni con l’Italia.
In Italia (e ovviamente in Finlandia) si dovrebbe far meglio conoscere questo splendido Paese, meta di migliaia e migliaia di turisti, che però ne vedono quasi esclusivamente o i lati da cartolina illustrata o da mercato del sesso.
Ma di quest’altra Thailandia ne parlerò in un’altra occasione. Arrivato nell’estremo nord del Paese (il destino del viaggiatore abituato a sentire il fascino del Nord, anche se si trova a Sud) e cioè a Chiang Rai, capitale del famoso e famigerato Triangolo d’oro, i temi dell’attualità accademica si fanno esili e inconsistenti.

Per arrivare qui il treno da Bangkok impiega 12 ore, e si ferma a Chiang Mai, poi, la mattina seguente, altre tre ore di bus. E sul treno che si arrampica sulle montagne coperte di densissimi boschi si ha il tempo di pensare a quanto abbiamo letto tanti, tanti anni fa.

Quella foresta la conosciamo già. E anche quelle poche capanne che vediamo emergere nella giungla ci sono familiari.
Saranno di temibili dayaki fuggiti da Mompracem?

(Ai confini dell'impero. 58)

La Rondine - 3.7.2017

Eventi

  • Caravaggio & Co.
  • 100 anni di foto
  • Erkki Tuomioja

Viviamo, è noto, l'epoca delle “scoperte” caravaggesche: le ossa, i celebri (e dubbi) “100 disegni mai visti” invece pare noti, la seconda Giuditta dipinta a Napoli nel 1607, forse copia di un originale mai pervenuto. Responsabilità dei media, oltre che degli storici dell’arte, ma anche dell’industria delle mostre, cui serve qualcosa da lanciare sul mercato per attirare un pubblico abituato agli effetti speciali della televisione e del mondo digitale. Una cosa è certa: Caravaggio tira sempre. Una conferma a Helsinki, Museo Sinebrychoff.

Leggi tutto

Luci e ombre, vizi e virtù della Finlandia. Una storia fotografica al Museo Nazionale

In Finlandia proseguono le celebrazioni del centenario dell'indipendenza, e le iniziative per ricordare e valorizzare la storia culturale del Paese sono numerose. Una mostra fotografica presso il Museo Nazionale di Helsinki, Finlandia pubblica e segreta, apre una finestra su alcuni eventi non proprio accattivanti - ma storicamente significativi - che hanno dato forma al paese durante il secolo scorso.

Leggi tutto

 

 Giulio Terzi e Erkki Sakari Tuomioja

All'interno del Festival della Diplomazia, conclusosi recentemente a Roma, lo scorso 26 ottobre si è tenuto un affollato seminario, condotto dal prof. Raffaele Marchetti, presso la LUISS Guido Carli, Corso Scienze Politiche - sull’argomento ‘Il futuro della democrazia liberale’ con interventi di Erkki Sakari Tuomioja  (1946), politico finlandese, membro del Parlamento del suo Paese, e dell’ex Ministro degli Esteri italiano, ambasciatore Giulio Terzi.

Leggi tutto

Informazioni

 La Rondine riparte nel luglio 2017 in una veste nuova, ma con 15 anni di servizio: abbiamo iniziato nel lontano 2002, all'epoca Corinna Mologni, da noi intervistata, cantava all'Opera Nazionale di Helsinki nella Rondine di Puccini. Ci sembrò di buon augurio. Da allora tanti collaboratori si sono succeduti, molti sono migrati nuovamente, qualcuno fa di meglio. A tutti un grazie per un servizio informativo prestato volontariamente, per il piacere di farlo.

Pubblicità

Testi

  • Profilo di letteratura finlandese
  • Romanzo storico finlandese
  • Il "Kalevala" e la poesia popolare finlandese
  • Il romanzo finlandese e l'identità nazionale

Dalle origini al Novecento

L’importanza della letteratura orale - Se parliamo di letteratura finlandese nel senso di letteratura della Finlandia, bisogna evidenziarne il carattere multilingue e multiculturale. Ai primi testi letterari scritti in latino (successivi all’arrivo ufficiale del Cristianesimo nel XII secolo), seguirono quelli in svedese (soprattutto quando, nel XVII secolo, fu fondata l'Accademia, vale a dire l’Università di Turku / Åbo). Dalla fine del XIX secolo, il finlandese divenne gradualmente la lingua di maggior diffusione nel paese e a partire dal XX secolo, principalmente dalla seconda metà, troviamo anche la letteratura in lingua sami; negli ultimi decenni, durante i quali la Finlandia si è maggiormente aperta al mondo, riscontriamo letterature in altre lingue minoritarie, sebbene di diffusione limitata.

Leggi tutto

È stata pubblicata di recente la IX Appendice dell'Enciclopedia italiana Treccani, che contiene, tra le molte altre cose, anche l’aggiornamento della voce relativa alla Letteratura finlandese, scritta dalla nostra collaboratrice Viola Parente-Čapková. Abbiamo chiesto a Viola di farci avere, tratta da quel suo contributo, una scheda su una delle tendenze più marcate della produzione finlandese più recente, il genere del Romanzo storico.

Leggi tutto

Un corso universitario di letteratura finlandese dedicato alla tradizione del "Kalevala" e delle varie forme di Poesia popolare finlandese, quella epica, quella lirica. Il corso è stato tenuto all'Università di Firenze dalla professoressa Viola Parente-Čapkova nell'Anno Accademico 2001/2002. Ne riproduciamo la trascrizione col permesso dell'Autrice, docente di letteratura finlandese nelle università di Praga e Turku, certi che rappresenti una solida introduzione alla materia per studiosi e studenti di letteratura finlandese e di storia delle tradizioni popolari.

Leggi tutto

Nei media finlandesi riecheggia ancora la polemica direttamente collegata alla riflessione sull'identità nazionale nella letteratura contemporanea della Finlandia. Ebbe inizio nel 2005, quando il traduttore tedesco Stefan Moster, nell'anno della sua partecipazione come membro della commissione per l'assegnazione del premio letterario finlandese più prestigioso, il Finlandia, accusò la letteratura finlandese - nella fattispecie il romanzo – di un insufficiente dialogo sociale: nella letteratura finlandese mancherebbero degli intellettuali radicali capaci di analizzare la società, sul tipo di Thomas Mann.

Leggi tutto

Video

  • Sofi Oksanen

Intervista a Sofi Oksanen prima della pubblicazione del suo romanzo "La purga" in italiano.

La intervistiamo in luoghi di Helsinki da lei frequentati, a cominciare dal quartiere in cui vive, il Kallio.

Leggi tutto
Top UK Bookmakers b.betroll.co.uk betfair
How to get bonus http://l.betroll.co.uk/ LB

FIN • ITA

  • Le nuove norme europee per le controversie di modesta entità. Anche di natura ‘turistica’

    È entrato in vigore il Regolamento (UE) n. 2015/2421 adottato dal Parlamento Europeo e dal Consiglio per semplificare ed ampliare l’ambito di applicazione del Procedimento europeo per le controversie di modesta entità. Era l’anno 2009 quando veniva istituita questa nuova possibilità di accesso alla giustizia per i cittadini e le imprese europee. Leggi tutto
  • A Roma il Festival della Diplomazia all’Associazione della Stampa Estera

      Dal 19 al 27 ottobre torna a Roma il Festival della Diplomazia, giunto alla sua ottava edizione. "Il sistema geopolitico fra interessi nazionali e valori universali - Prìncipi e Princípi: come cambiano le relazioni internazionali quando le leadership populiste si scontrano con i valori di solidarietà e responsabilità multilaterale". È questo il filo conduttore di questa edizione del Festival della Diplomazia, manifestazione diffusa che, con oltre 50 eventi, coinvolge 70 ambasciate, sette università, luoghi di incontro della politica internazionale e prestigiosi partner scientifici. Leggi tutto
  • Si festeggiano quarant’anni di voli regolari tra Helsinki e Roma con la Finnair

    Questo 2017 è un anno di celebrazioni e festeggiamenti in Finlandia per il centenario dell’indipendenza conseguito allo scoccare della Rivoluzione d’ottobre che vide nel 1917 la fine dell’Impero russo e l’inizio dell’Unione Sovietica; la Finlandia era infatti, dal 1809, un Granducato sotto la sovranità della Russia. Le celebrazioni in corso si svolgono peraltro non solo in Finlandia ma in vari Paesi del mondo ed anche in Italia (vedi calendario qui ). Leggi tutto
  • Boom del turismo estero in Finlandia. In netto aumento gli italiani

    I visitatori stranieri in Finlandia sono aumentati in settembre, con quasi mezzo milione di pernottamenti registrati. L'industria del turismo in Finlandia è in piena espansione, con pernottamenti dei visitatori stranieri in aumento dell'11,3% a settembre rispetto al 2016. Il maggior numero di visitatori proviene dalla Svezia,con poco meno di 50.000 mentre i russi hanno totalizzato 43.000 visitatori e i tedeschi quasi 41.000. Leggi tutto
  • 1