itinerari culturali tra Italia e Finlandia 

Le "capanne" di Mondello sono le protagoniste del lungometraggio Happy Winter, opera prima del giovane regista palermitano Giovanni Totaro. Grande interesse tra il pubblico del DOCPOINT Festival, a Helsinki e a Tallinn dal 29 gennaio al 4 febbraio. Un buon successo già a Venezia, nella sezione fuori concorso della 74esima mostra d'arte cinematografica. Abbiamo intervistato il regista a Helsinki, dopo la proiezione del suo film, e lui ci ha gentilmente raccontato in un video la storia di questa sua opera prima.  Con un accenno ai progetti futuri.

Il film parte dalla rielaborazione e dallo sviluppo del saggio di diploma con cui Totaro conclude a Palermo nel 2015 il suo triennio di studi in Cinema Documentario. Quel corto iniziale si arricchisce poi di personaggi che Totaro seleziona nel corso di tre estati in spiaggia, riuscendo nell’impresa di coniugare documento e racconto, realtà e visione, fino a momenti di introspezione che lasciano intravedere in questo giovane un talento narrativo non comune.

Il regista, nell'intervista che ci ha concesso, racconta nei dettagli il passaggio dal saggio iniziale alla confezione del trailer che lo porta poi sui mercati anche esteri, e lo sviluppo successivo dovuto anche a un budget generoso, certamente incoraggiato dal talento indubbio di Totaro.

Le “capanne” sull’arenile, ordinate a formare una serie di corti, sono una struttura che viene ogni anno rifondata, per poi essere smontata alle prime mareggiate di settembre. Una cittadella colorata, che desta in Totaro l’idea di documentarla e salvarla nel momento in cui, nel 2014, circola la notizia che nel 2020 sarà cancellata da un nuovo progetto di ampie dimensioni e più “efficienti” strutture balneari: un bella distesa di sdraio e ombrelloni rigorosamente allineati.

Per ora invece qui regna la casualità, anche nella disposizione degli ombrelloni, e la mancanza di regole fisse ha il suo simbolo in Anthony, il “titolare” del chiosco abusivo delle bibite, che ogni giorno con la sua borsa di polistirolo a tracolla si intrufola tra le sdraio e scavalca i corpi dei bagnanti urlando i pregi della sua merce, in concorrenza coi vucumprà di colore, e con identico tasso di illegalità.

Le sue riflessioni, le preoccupazioni, l’attesa ansiosa dei controlli della finanza che porteranno alla solita multa e ai sequestri, non scoraggiano l’uomo, troppo preoccupato di racimolare durante la stagione quel che gli serve per tirare avanti il resto dell’anno. I suoi sfoghi si alternano con le confessioni dei bagnanti: chi insegue una carriera politica, usando la spiaggia come un’arena per promuoversi, chi si lamenta delle difficoltà economiche e sogna di migrare verso mitici eldoradi come la Svizzera, chi si abbandona alle malinconie e chi si sfoga guardando le partite di un Europeo di calcio, quello del 2016, per la nazionale italiana davvero magro di soddisfazioni.

Riprese col drone dall’alto, e incursioni sottomarie di un subacqueo col metal detector alla continua ricerca di preziosi smarriti dagli stessi bagnanti, creano momenti di sospensione nel ritmo della storia e delle sue voci, un aspetto narrativo che fa capire le potenzialità di questo regista.

La cittadella e i suoi eroi, nello scenario della costa siciliana, con le sue luci abbaglianti, vivono come in attesa di eventi, di qualcosa che (finalmente) arrivi da fuori, dal cielo o dal mare: un nemico, un soccorso, un temporale. In questa continua sospensione si diluisce la dimensione mitica della favola mediterranea: in questa Troia in ansia, popolata di eroi malinconici, non accade mai nulla, e sulla spiaggia, nelle penombre dei suoi muraglioni, si consumano piccole storie in cui, a momenti, un politicante o un faccendiere tentano di vestire i panni di un Ettore o di un Priamo, ma alla fine si ritrovano a scandire semplicemente i giorni e le ore che, a partire da Ferragosto, scivoleranno sempre più velocemente verso la caduta della cittadella e la fuga dei suoi eroi. Ad aspettarli, lo sanno tutti,  sarà la solita vita, che le fantasie e le elucubrazioni di tutta l'estate non saranno riuscite a modificare in nulla.

Una metafora dell’Italia, dice con bell'entusiasmo giovanile il regista, un mondo di anziani scontenti che vorrebbero tanto cambiare ma alla fine si rivelano dei conservatori. Da qui il finale “aperto” dell’opera, la condanna a una perenne attesa.

Indubbiamente è difficile dire quanto un film possa raccontare un Paese e la sua situazione. Certo è una interessante coincidenza che Happy Winter sia uscito nel quarantennale di un'opera assai più complessa, e con un cast ben più ambizioso, il  Casotto di Sergio Citti del 1977. Anche quell' Italia si avvitava in una crisi economica e civile dolorosa, rischiando di inabissarsi. Lì però c'era sarcasmo, volgarità, avidità. Totaro invece racconta con disincanto e mano leggera un mondo di eroi amari, che non credono ai propri sogni, e in fondo si accontentano di esserci. Dallo scialo allo stallo.

Happy Winter, opera prima di Giovanni Totaro, verrà distribuita nelle sale italiane in aprile, ed è cofinanziata dalla Sicilia Film Commission, nell'ambito del programma "Sensi Contemporanei", prodotta da Indyca, Zenit Arti Audiovisive e Rai Cinema.

Grande importanza, per il prodotto finale, va assegnata alla qualità della struttura di produzione, in cui un posto di rilievo hanno avuto senza dubbio Paolo Ferrari come direttore della fotografia e Andrea Maguolo al montaggio (David di Donatello per “Lo chiamavano Jeeg Robot”).

La Rondine - 11.2.2018

Eventi

  • “Nuntii Latini” chiude?
  • Le vie dell'anima
  • SKÁBMAGOVAT
  • Tampere: VIRE 2018

Nelle periodiche classifiche internazionali la Finlandia è solita occupare regolarmente una delle prime posizioni, tra cui anche quella di essere il solo paese con un regolare programma radiofonico in lingua latina, a parte il Vaticano. Ebbene, la scure del risparmio, o della globalizzazione, sta per farle perdere questa non trascurabile caratteristica.

Leggi tutto

 

All'interno del progetto de "La Via dell'Anima" nella Basilica di Santa Maria in Aracoeli, sabato 3 marzo, Michele Vannelli, maestro di cappella e organista della Basilica di San Petronio di Bologna, interpreta alcune tra le più suggestive pagine organistiche di Bach, Liszt, Mendelssohn, Franck. Il concerto si avvale delle profonde sonorità del monumentale organo della Basilica romana.

Leggi tutto

Un festival cinematografico di straordinario interesse, dedicato alla cinematografia dei popoli indigeni, si tiene  nell'estremo nord dell'Europa, in un ambiente ghiacciato e buio tipico della regione artica. Siamo ad  Inari, nella Lapponia finlandese. I film sono proiettati nel Northern Lights Theatre, che ha un'atmosfera unica: è totalmente fatto di neve, con il cielo e l'aurora boreale come tetto. I film sono inoltre proiettati negli auditorium del Museo Sámi Siida e nel Centro Culturale Sajos.

Leggi tutto

Si è tenuta a Tampere, nelle giornate del 20 e 21 gennaio, la prima edizione della VIRE, Fiera dell´alimentazione vegana e del benessere. La manifestazione, che punta a diventare un appuntamento fisso per appassionati e curiosi del mondo vegano e della cura del corpo, ha riscosso un buon successo di pubblico, come si vede dalle nostre foto.

Leggi tutto

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo prossimo si voterà per le elezioni politiche. Tutti gli iscritti all'Aire che non hanno comunicato la loro intenzione di votare in Italia riceveranno il plico contenente tutto il necessario per votare entro la fine di febbraio. Qui un video del Ministero con le istruzioni di voto:
https://youtu.be/7PvDieSPiaw

elezioni2018
 

Pubblicità

Testi

  • Profilo di letteratura finlandese
  • Il "Kalevala" e la poesia popolare finlandese
  • Il romanzo finlandese e l'identità nazionale
  • Romanzo storico finlandese
  • Mika Waltari e i conquistatori del mondo

Dalle origini al Novecento

L’importanza della letteratura orale - Se parliamo di letteratura finlandese nel senso di letteratura della Finlandia, bisogna evidenziarne il carattere multilingue e multiculturale. Ai primi testi letterari scritti in latino (successivi all’arrivo ufficiale del Cristianesimo nel XII secolo), seguirono quelli in svedese (soprattutto quando, nel XVII secolo, fu fondata l'Accademia, vale a dire l’Università di Turku / Åbo). Dalla fine del XIX secolo, il finlandese divenne gradualmente la lingua di maggior diffusione nel paese e a partire dal XX secolo, principalmente dalla seconda metà, troviamo anche la letteratura in lingua sami; negli ultimi decenni, durante i quali la Finlandia si è maggiormente aperta al mondo, riscontriamo letterature in altre lingue minoritarie, sebbene di diffusione limitata.

Leggi tutto

Un corso universitario di letteratura finlandese dedicato alla tradizione del "Kalevala" e delle varie forme di Poesia popolare finlandese, quella epica, quella lirica. Il corso è stato tenuto all'Università di Firenze dalla professoressa Viola Parente-Čapkova nell'Anno Accademico 2001/2002. Ne riproduciamo la trascrizione col permesso dell'Autrice, docente di letteratura finlandese nelle università di Praga e Turku, certi che rappresenti una solida introduzione alla materia per studiosi e studenti di letteratura finlandese e di storia delle tradizioni popolari.

Leggi tutto

Nei media finlandesi riecheggia ancora la polemica direttamente collegata alla riflessione sull'identità nazionale nella letteratura contemporanea della Finlandia. Ebbe inizio nel 2005, quando il traduttore tedesco Stefan Moster, nell'anno della sua partecipazione come membro della commissione per l'assegnazione del premio letterario finlandese più prestigioso, il Finlandia, accusò la letteratura finlandese - nella fattispecie il romanzo – di un insufficiente dialogo sociale: nella letteratura finlandese mancherebbero degli intellettuali radicali capaci di analizzare la società, sul tipo di Thomas Mann.

Leggi tutto

È stata pubblicata di recente la IX Appendice dell'Enciclopedia italiana Treccani, che contiene, tra le molte altre cose, anche l’aggiornamento della voce relativa alla Letteratura finlandese, scritta dalla nostra collaboratrice Viola Parente-Čapková. Abbiamo chiesto a Viola di farci avere, tratta da quel suo contributo, una scheda su una delle tendenze più marcate della produzione finlandese più recente, il genere del Romanzo storico.

Leggi tutto

Yrjö Saarinen, Tanssiva Pariisi, 1930

Corpo fiammante, l'ardore di una pubblicità gigante:/ GITANAS! GITANAS!/ il fischio cristallino della locomotiva nella campana di vetro: / Parigi - Berlino - Costantinopoli.Questo è l’incipit della poesia “Gitanas, una delle più citate quando si discorre delle prime opere poetiche di Mika Waltari (1908-1979), testi pieni di estasi, incantamento e fascino dei fenomeni emblematici della vita moderna, fortemente romanticizzati ed esteticizzati.

Leggi tutto

Video

  • Sofi Oksanen

Intervista a Sofi Oksanen prima della pubblicazione del suo romanzo "La purga" in italiano.

La intervistiamo in luoghi di Helsinki da lei frequentati, a cominciare dal quartiere in cui vive, il Kallio.

Leggi tutto
Top UK Bookmakers b.betroll.co.uk betfair
How to get bonus http://l.betroll.co.uk/ LB

FIN • ITA

  • La Banca Centrale finlandese prevede crescita moderata per il 2018

    La crescita economica della Finlandia ha una base ampia alimentata dalle esportazioni, mentre allo stesso tempo la domanda interna continua ad essere sostenuta. Secondo le previsioni della Banca di Finlandia, il PIL crescerà del 3,1% nel 2017 e del 2,5% nel 2018. Negli anni 2019-2020 l'economia crescerà di circa l'1,5% all'anno. Le pressioni sui costi rimangono modeste e l'inflazione sarà più lenta di qualsiasi altra area dell'euro per tutto il periodo previsionale. Leggi tutto
  • Industria alberghiera, Finlandia: Scandic completa l’acquisizione di Restel

    Il 29 dicembre 2017 è stata completata dal gruppo Scandic  l'acquisizione delle attività alberghiere di Restel in Finlandia. Il 21 giugno 2017, Scandic aveva annunciato l'acquisizione di tali  attività. Il 5 dicembre scorso la transazione è stata approvata dall'Autorità finlandese per la concorrenza e il consumo, condizionata dalla cessione di un hotel a Lahti, uno a Pori e uno a Kuopio. Inoltre, Scandic si era impegnato a non partecipare a determinati progetti di hotel annunciati a Lappeenranta e Vantaa. Leggi tutto
  • Sempre più oriente per Finnair. Nuove destinazioni per l’inverno 2018-19. Potenziati anche i collegamenti per Roma

    Finnair, la compagnia aerea di bandiera finlandese, ha annunciato l'apertura di una nuova rotta  invernale per Lione, in Francia, per la stagione invernale 2018/2019. Conosciuta per la sua gastronomia, i monumenti storici e la sua vicinanza alle Alpi francesi, Lione è la seconda area metropolitana più grande della Francia. Dall'11 dicembre, Finnair effettuerà due voli settimanali per Lione dal suo hub di Helsinki con un velivolo E90. Leggi tutto
  • A Roma alla conferenza internazionale sulla lotta antisemitismo nell'area dell'OSCE c’è anche la Finlandia

    La Presidenza italiana dell'OSCE ospita lunedì 29 gennaio la Conferenza internazionale di Roma sulla responsabilità degli Stati, delle istituzioni e degli individui nella lotta contro l'antisemitismo nell'area dell'OSCE. La Conferenza riunisce oltre 400 partecipanti provenienti da oltre 45 Stati partecipanti e Paesi partner dell'OSCE per la cooperazione, con 20 capi delegazioni governative e alti funzionari dell'OSCE, dell'ODIHR, della Commissione europea e delle Comunità Internazionali ebraica, cristiana e musulmana. Leggi tutto
  • 1