long_banner9.jpg

Percorsi

Poster Lettere al direttore
Dite la vostra
Poster Forum
Dialogo con i lettori
Poster La mia finlandia
Foto, racconti, memorie
Poster Fin Ciak
Video, clip, interviste
Poster Teatro Finlandese
Testi in traduzione italiana
Poster Guida
Indirizzi utili in italiano

Pubblicità

 

Corrivo

Image

2018 anno europeo del patrimonio culturale

Il 2018, dichiarato Anno europeo del patrimonio culturale, sarà dedicato alla promozione della diversità culturale, del dialogo interculturale e della coesione sociale.
L’impegno si rivolgerà ad evidenziare il contributo economico dei beni culturali per i settori culturali e creativi e a sottolineare il ruolo del patrimonio culturale nelle relazioni esterne dell’Ue, tra cui la prevenzione dei conflitti, la riconciliazione post-conflitto e la ricostruzione del patrimonio culturale eventualmente distrutto.
Gli obiettivi generali dell'Anno europeo sono:
- promuovere la diversità culturale, il dialogo interculturale e la coesione sociale
- evidenziare il contributo economico offerto dal patrimonio culturale ai settori culturale e creativo, compreso per le piccole e medie imprese, e allo sviluppo locale e regionale
- sottolineare il ruolo del patrimonio culturale nelle relazioni esterne dell'UE, inclusa la prevenzione dei conflitti, la riconciliazione postbellica e la ricostruzione del patrimonio culturale distrutto
L'Anno europeo potrà contare su una dotazione finanziaria dedicata pari a 8 milioni di EUR, 4 saranno erogati dal programma Europa Creativa e gli altri 4 da altri programmi UE quali Erasmus Plus, Horizon 2020 ed Europa dei Cittadini che parteciperanno con bandi dedicati.
Gli Stati membri nomineranno dei coordinatori nazionali per promuovere le iniziative dirette nel proprio paese e raccordarsi con quelle “bandiera” promosse dalla Commissione. Rappresentanti del Parlamento europeo potranno partecipare in qualità di osservatori alle riunioni dei coordinatori nazionali organizzate dalla Commissione per lo svolgimento dell'Anno europeo.
Il 2018 Anno europeo del patrimonio culturale sarà presentato al Forum della Cultura in programma a dicembre 2017 a Milano.
La Decisione (UE) 2017/864 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 17 maggio 2017, relativa a un Anno europeo del patrimonio culturale (2018) è stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale dell'Unione europea, il 20 maggio scorso. (G. Nitti)

Testo cliccando qui

 
Il cavallo, Napoleone e la camera oscura Stampa E-mail
di Stefano Alberico   
Indice articolo
Il cavallo, Napoleone e la camera oscura
Pagina 2

Image

Conclusa DocPoint 2009

Si è conclusa il 25 gennaio la manifestazione cinematografica "DocPoint - 2009" che quest'anno, ricca più che mai, ha offerto alcune spunti di notevole interesse ed inaspettato valore. Chi vi scrive ha avuto la fortuna di visionare "Stanley Kubrick: a life in pictures" (2001) di Jan Harlan con la presenza stessa del regista, che è stato uno dei produttori di parecchi film di Kubrick e testimone preziosissimo del modus operandi e del talento del grande regista americano scomparso improvvisamente nel marzo del 1999. 

 

 

Jan è senz'altro una delle persone piu' indicate per cercare di comprendere le origini, la natura controversa ed il talento cinematografico, criticato da molti ed osannato da altri, che hanno creato il mito e sono stati elementi portanti nella produzione artistica del regista di "2001, Odissea nello spazio" (1968).

Stanley Kubrick nasce nel Bronx, il piu' famoso quartiere malfamato di New York nel 1928 e fin da piccolo si distingue per la sua avversione agli studi che sara' presto fonte di preoccupazione per il padre, un affermato medico. L'agiatezza familiare gioco' un ruolo essenziale nel tenerlo lontano dalla strada e in uno dei vari tentativi paterni di stimolare il giovane figlio, venne folgorato dal fascino di un gioco molto comune. Il cavallo e' un animale che puo' incarnare lo spirito libero e la volonta' dell'uomo di evadere dalle contingenze, i suoi movimenti apparentemente improvvisi e di difficile previsione sono un elemento di forza per chi li sa usare nel gioco degli scacchi. Un gioco comune e semplice da imparare ma che puo' radicarsi intimamente nelle persone che ne rimangono affascinate, e stimolarne la creativita' e la capacita' quasi visionarie di immaginare la vita. Stanley, iniziato a quel gioco all'eta' di 12 anni, si rivelo' molto talentuoso e ne fece un elemento permanente della sua vita che gli permise anche di guadagnare qualcosa giocando in posti pubblici nelle strade di New York. La capacita' di anticipare le mosse dell'avversario non sono frutto di fortuna o di magia nera ma il risultato di una meticolosa analisi di tutte le possibilita' e combinazioni dei vari pezzi posti sulla scacchiera. Una mente allenata è in grado di anticipare con vari gradi di profondita' le possibili mosse, un esercizio meticoloso e calcolatore che divenne il punto di forza di "Deep Blue", il famoso computer della IBM che sconfisse il campione del mondo di scacchi Garry Kasparov nel 1997. Jan Harlan (che è anche il fratello di Christiane che diventera' la signora Kubrick nel 1958) ci ha raccontato in prima persona alcuni episodi di vita familiare del giovane Kubrick che dall'eta' di 6 anni deve fare i conti con una nuova presenza: la sorella Barbara. Sara' un rapporto intimamente conflittuoso che spingera' Stanley a sviluppare un ruolo da dominatore nella vita di tutti i giorni, sara' molto affabile con tutti ma anche intransigente e molto esigente con chiunque ne venga a contatto.Image Negli anni '40, non erano in molti a poter permettersi una macchina fotografica e tanto meno una camera oscura, dove esercitarsi e sperimentare, nella propria casa. Ma questi regali paterni, dall'eta' di 13 anni, hanno contribuito a modellare il genio artistico e meticoloso che manifestera' tutta la sua capacita' espressiva in parecchi film molti anni piu' tardi. Avviato casualmente ad una breve carriera come fotografo, nel 1945 un suo scatto divenne celebre e segno' l'inizio della sua carriera pubblica: la copertina di Look raffigurava uno sconsolato venditore di giornali accanto alla notizia della morte di Franklin D. Roosevelt, 32° Presidente degli Stati Uniti.


 
< Prec.   Pros. >

Pubblicità

Image

Viaggi frizzanti, assaggi inebrianti

 

Eventi

Fantastica!

Image

A Tampere, in mostra i capolavori di Valentino

Alcune tra le più straordinarie creazioni viste in passerella, gli abiti di alta moda di Valentino, sono in mostra al Museo Milavida di Tampere, la capitale industriale della Finlandia. Intitolata Fantastica! Abiti di Valentino da collezioni private, è una mostra che rappresenta innanzi tutto una celebrazione dell’alta moda: sotto i riflettori vi sono non solo gli abiti di Valentino provenienti da collezioni private, ma anche il loro retroterra artigianale e la minuziosa esperienza di tessitori, sarti e ricamatori, che rendono ogni capo prezioso come un gioiello.
La raffinatezza e la cura dei dettagli fanno sì che Valentino venga definito “L’ultimo imperatore della moda”.
Ottima l’occasione, per i curiosi, per conoscere l’edificio storico che ospita la mostra, Il Castello di Näsi (Näsilinna) a Tampere, nel quartiere di Finlayson.
Il magnifico palazzo è stato costruito nel 1898 da Peter von Nottbeck, figlio di Wilhelm von Nottbeck, con progetto di Karl August Wrede, autore celebre per una serie di grandi edifici come la Biblioteca municipale di Turku. Il palazzo nel 1905 fu ceduto dagli eredi al comune di Tampere.
Danneggiato a più riprese durante la guerra civile, e poi durante la seconda guerra mondiale, l’edificio ha subito profondi restauri, tra il 2013 e il 2015, recuperando la sua originaria bellezza. Oggi Näsilinna, oltre al Museo, ospita anche un caffè e un ristorante.

Image

Valentino Garavani è uno degli stilisti più famosi, ha vestito il bel mondo internazionale, ed è talmente celebre da aver dato il suo nome a una varietà di rosso. Come grandi pittori del passato, da Carpaccio a Tiziano.

Mostra: Museo Milavida - Tampere

dal 15 giugno al 15 ottobre
http://museomilavida.fi/en/museum-milavida/

 

Pubblicità

 

Eventi