long_banner9.jpg

Percorsi

Poster Lettere al direttore
Dite la vostra
Poster Forum
Dialogo con i lettori
Poster La mia finlandia
Foto, racconti, memorie
Poster Fin Ciak
Video, clip, interviste
Poster Teatro Finlandese
Testi in traduzione italiana
Poster Guida
Indirizzi utili in italiano

Pubblicità

 

Corrivo

Image

Una App per mezzi pubblici, taxi e car sharing: a Helsinki non serve più l’auto

Le app per trovare la strada più veloce per arrivare in qualsiasi luogo, per cercare e pagare i mezzi pubblici o per usare un’auto del car sharing sono ormai di uso comune per moltissimi utenti di smartphone, anche nelle città italiane. Helsinki, ora, fa un’ulteriore passo avanti: la capitale finlandese è infatti la prima a integrare in un’unica app mappe, trasporti pubblici urbani, treni, taxi, car sharing e autonoleggio tradizionale, realizzando un vero esempio di mobilità integrata.
Lanciato in modalità test lo scorso ottobre per un numero limitato di utenti, il servizio Whim è stato realizzato dal Comune di Helsinki in collaborazione con l’Autorità regionale per i trasporti. Digitando una destinazione nell’app, si ricevono suggerimenti sul percorso ottimale per raggiungerla utilizzando un mix di sistemi di trasporto, con la possibilità di rielaborare la richiesta escludendo i mezzi che non si vogliono o non si possono utilizzare (ad esempio, il car sharing se non si ha la patente). E soprattutto, una volta selezionato il percorso preferito, Whim provvede automaticamente a pagare tutti i mezzi necessari: sui mezzi pubblici la stessa app avrà la funzione di biglietto.
Ogni utente, sulla base delle proprie esigenze di utilizzo del traporto pubblico e/o condiviso, può scegliere la modalità di pagamento preferita fra il “pay per use” (con addebito delle tariffe per i vari mezzi utilizzati) o un forfait mensile di 249 euro che offre accesso illimitato ai trasporti pubblici e 5.500 “punti Whim” per l’uso di taxi e car sharing, equivalenti a due giorni di noleggio di un’auto o otto corse di dieci chilometri in taxi. In base al test condotto in questi mesi sui primi 100 utenti, il pacchetto da 249 euro è sufficiente a coprire le necessità di trasporto della maggioranza degli utenti urbani. Ed è comunque più economico rispetto ai costi di proprietà e utilizzo di un’auto.
L’ambizione di Whim, oltre che di semplificare la vita agli attuali utenti dei mezzi pubblici, è infatti quella di offrire una reale alternativa all’auto privata, al punto da convincere molti abitanti di Helsinki a rinunciare a possederne una (lo slogan dell´iniziativa è "meglio che avere un´auto"). In futuro, con l’estensione a tutti i cittadini della possibilità di accedere al servizio, i responsabili di Whim assicurano che saranno disponibili anche altre opzioni, con pacchetti tariffari più contenuti o ancora più estesi (quindi con un numero maggiore di “punti Whim”) per soddisfare le esigenze del maggior numero possibile di utenti.
L’esperimento di Helsinki rappresenta un’esperienza importante alla quale guardano con interesse gli amministratori di molte grandi città europee e mondiali: in Italia, in particolare, il Comune e la Città metropolitana di Milano stanno lavorando da tempo a un progetto di mobilità integrata per molti aspetti simile a Whim, ma ancora non si hanno notizie sui possibili tempi di avvio di una fase sperimentale. (www.swzone.it, 23.12.16, Stefano Fossati)

 

La Rondine - RSS Feed

La Rondine

Rondine
La Rondine

Cari lettori, stiamo rinnovando il nostro sito. Pertanto nelle prossime settimane La Rondine non sarà sempre accessibile e potra' presentare delle anomalie grafiche o di funzionamento. Ci scusiamo per gli inconvenienti.

Sciamanesimo, riti dell’orso e tradizioni carnevalesche Stampa E-mail
di Vesa Matteo Piludu   
Indice articolo
Sciamanesimo, riti dell’orso e tradizioni carnevalesche
Pagina 2

Image

Mostre su orsi e sciamani in Italia e Finlandia

Lo sciamanesimo siberiano e finno-ugrico è un universo spirituale affascinante e misterioso, un crogiolo di credenze basato su una relazione paritaria ed equilibrata con l’ambiente naturale e il mondo soprannaturale. Lo sciamano è un individuo dotato di poteri e conoscenze particolari, un saggio in grado di separare la sua anima dal corpo durante i rituali e di trasformarla in uno spirito animale che viaggia in altre dimensioni del cosmo, dove combatte contro spiriti maligni o salva anime dalle grinfie di fantasmi inquieti.

Non tutti possono diventare sciamani, ma solo coloro che sono prescelti dagli spiriti animali e hanno superato un lungo apprendistato per conoscere i canti rituali, il corretto uso degli strumenti musicali e la topografia dell’aldilà. Il tamburo è indispensabile in molti rituali ed è la sede di uno spirito animale. I popoli di lingua turca dell’Asia centrale lo evocavano col seguente canto: “Trasformo il tamburo rotondo, ne faccio un cavallo possente. Trasformo, creo dal tamburo un cavallo veloce, ne faccio una piuma luminosa, un'aurea ala fragorosa” (da Testi dello Sciamanesimo, a cura di Ugo Marazzi, Edizioni Tea, 1990).

Image I riti sono sempre organizzati per risolvere una crisi che riguarda un individuo, una famiglia o l’intero villaggio: la guarigione dei malati, la necessità di procurarsi selvaggina, il superamento di traumi psicologici, il rovesciamento della cattiva sorte in buona fortuna, la necessità di accompagnare le anime dei familiari nell’aldilà. Lo sciamano non è un sacerdote, ma una persona che svolge comuni attività lavorative e svolge i rituali solo su richiesta della propria comunità.

Uno degli spiriti animali più possenti in cui lo sciamano si può trasformare è l’orso, animale in grado di nuotare nel fiume del mondo infero, di raggiungere gli spiriti della foresta o di arrampicarsi sugli alberi sino a raggiungere le sfere celesti. In tutta la fascia circumboreale, l’orso era circondato da grande rispetto: l’intelligenza dell’animale e la capacità di camminare su due zampe ne facevano un “uomo dei boschi”. Quando lo incontravano nel bosco, gli iacuti della siberia cantavano con umiltà: “Signore zio, non ho calpestato il tuo largo cammino, nè io né i miei antenati abbiamo errato durante il tuo lungo cammino. Modera la tua ira! Sono privo di padre e madre, sono cosí sfortunato, sono tanto misero! Se tu volessi ritirarti nel profondo della foresta, come una crepa nel legno se tu volessi allontanarti solo per la larghezza di un piede, allora ti ammorbidiresti come il fegato del gado, diventeresti simile ad una soffice piuma di zibellino” (da Testi dello Sciamanesimo, a cura di Ugo Marazzi, Edizioni Tea, 1990).

La capacità di “morire” in letargo durante l’invento e di “resuscitare” in primavera rendevano l’orso un simbolo di rigenerazione, guarigione e fertilità. Le unghie e le zanne dell’orso erano utilizzate come amuleti per guarire o durante i riti matrimoniali dei popoli finnici e slavi. Quando un orso era cacciato e ucciso, andavano organizzate lunghe e complesse cerimonie per ringaziare gli spiriti silvestri e per assicurare la reincarnazione del defunto nel corpo di un nuovo cucciolo.

Image

In Europa gli archeologi hanno trovato molte pitture e incisioni rupestri preistoriche dove viene raffigurato l’orso o la caccia all’animale: è la prova dell’importanza dell’animale nel nostro immaginario sacro e artistico da tempi antichissimi. Al nord i riti dell’orso erano svolti sia dai finlandesi che dai sami (lapponi). Entrambi i popoli avevano tradizioni sciamaniche.


 
< Prec.   Pros. >

Pubblicità

Image

Viaggi frizzanti, assaggi inebrianti

 

Eventi

ROMA - Villa Lante al Gianicolo
Giovedì 4 maggio

Image

Musiche di Francesco Paolo Tosti

Giovedì 4 maggio, alle ore 20, a Villa Lante al Gianicolo, omaggio a Francesco Paolo Tosti (1846-1916) con tre artisti “ambasciatori tostiani” a livello internazionale, raffinati interpreti del genere musicale della romanza da salotto e membri dell’Istituto Nazionale Tostiano di Ortona: il soprano Donata D'Annunzio Lombardi, riconosciuta come una delle principali interpreti pucciniane, Leonardo Caimi, tenore apprezzato nei teatri di tutto il mondo, Isabella Crisante, affermata pianista e consulente artistico dell’Istituto Tostiano.
Il concerto è preceduto, alle ore 18, da una presentazione multimediale ed esposizione di materiali provenienti dal museo dell’Istituto Tostiano, a cura di Gianfranco Miscia, responsabile del museo e della biblioteca dell’Istituto stesso.

Image

info: 328.6294500
Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo

 

Pubblicità

 

Eventi