long_banner9.jpg

Percorsi

Poster Lettere al direttore
Dite la vostra
Poster Forum
Dialogo con i lettori
Poster La mia finlandia
Foto, racconti, memorie
Poster Fin Ciak
Video, clip, interviste
Poster Teatro Finlandese
Testi in traduzione italiana
Poster Guida
Indirizzi utili in italiano

Pubblicità

 

Corrivo

Image

Una App per mezzi pubblici, taxi e car sharing: a Helsinki non serve più l’auto

Le app per trovare la strada più veloce per arrivare in qualsiasi luogo, per cercare e pagare i mezzi pubblici o per usare un’auto del car sharing sono ormai di uso comune per moltissimi utenti di smartphone, anche nelle città italiane. Helsinki, ora, fa un’ulteriore passo avanti: la capitale finlandese è infatti la prima a integrare in un’unica app mappe, trasporti pubblici urbani, treni, taxi, car sharing e autonoleggio tradizionale, realizzando un vero esempio di mobilità integrata.
Lanciato in modalità test lo scorso ottobre per un numero limitato di utenti, il servizio Whim è stato realizzato dal Comune di Helsinki in collaborazione con l’Autorità regionale per i trasporti. Digitando una destinazione nell’app, si ricevono suggerimenti sul percorso ottimale per raggiungerla utilizzando un mix di sistemi di trasporto, con la possibilità di rielaborare la richiesta escludendo i mezzi che non si vogliono o non si possono utilizzare (ad esempio, il car sharing se non si ha la patente). E soprattutto, una volta selezionato il percorso preferito, Whim provvede automaticamente a pagare tutti i mezzi necessari: sui mezzi pubblici la stessa app avrà la funzione di biglietto.
Ogni utente, sulla base delle proprie esigenze di utilizzo del traporto pubblico e/o condiviso, può scegliere la modalità di pagamento preferita fra il “pay per use” (con addebito delle tariffe per i vari mezzi utilizzati) o un forfait mensile di 249 euro che offre accesso illimitato ai trasporti pubblici e 5.500 “punti Whim” per l’uso di taxi e car sharing, equivalenti a due giorni di noleggio di un’auto o otto corse di dieci chilometri in taxi. In base al test condotto in questi mesi sui primi 100 utenti, il pacchetto da 249 euro è sufficiente a coprire le necessità di trasporto della maggioranza degli utenti urbani. Ed è comunque più economico rispetto ai costi di proprietà e utilizzo di un’auto.
L’ambizione di Whim, oltre che di semplificare la vita agli attuali utenti dei mezzi pubblici, è infatti quella di offrire una reale alternativa all’auto privata, al punto da convincere molti abitanti di Helsinki a rinunciare a possederne una (lo slogan dell´iniziativa è "meglio che avere un´auto"). In futuro, con l’estensione a tutti i cittadini della possibilità di accedere al servizio, i responsabili di Whim assicurano che saranno disponibili anche altre opzioni, con pacchetti tariffari più contenuti o ancora più estesi (quindi con un numero maggiore di “punti Whim”) per soddisfare le esigenze del maggior numero possibile di utenti.
L’esperimento di Helsinki rappresenta un’esperienza importante alla quale guardano con interesse gli amministratori di molte grandi città europee e mondiali: in Italia, in particolare, il Comune e la Città metropolitana di Milano stanno lavorando da tempo a un progetto di mobilità integrata per molti aspetti simile a Whim, ma ancora non si hanno notizie sui possibili tempi di avvio di una fase sperimentale. (www.swzone.it, 23.12.16, Stefano Fossati)

 

La Rondine - RSS Feed

La Rondine

Rondine
La Rondine

Cari lettori, stiamo rinnovando il nostro sito. Pertanto nelle prossime settimane La Rondine non sarà sempre accessibile e potra' presentare delle anomalie grafiche o di funzionamento. Ci scusiamo per gli inconvenienti.

Paesi nordici vs Paesi mediterranei Stampa E-mail
di Alessandro Buoni   
Indice articolo
Paesi nordici vs Paesi mediterranei
Pagina 2

Image

La crisi dell'euro e la bella favola del nordico laborioso. Secondo un economista

Il senso del cordiale colloquio avuto tra Mario Monti e il premier finlandese Katainen, nonostante il clima di cordialità tutto tarallucci e salmone, era rassicurare l’alleato nordico sulla solidità e serietà del sistema italiano. Vecchi stereotipi sono emersi nel cordiale incontro, tutti riconducibili alla sempreverde contrapposizione cattolici-luterani.

Il giovane ministro finlandese, contro il ministro della gerontocrazia italiana. Il cattolico questuante lì a chiedere perdono contro il rigoroso luterano tele-guidato dal proprio poliziotto interiore.
In questa rubrica mi sono speso molte volte per far piazza pulita degli stereotipi italiani e finlandesi. In primis il mito del nordico laborioso contro il mediterraneo pigro. Molte inchieste stanno lì a dimostrare come al contrario nei paesi mediterranei e in particolare Grecia e Italia si lavori molto di più. Un altro dato dice come in Grecia e Italia la percentuale del lavoratori autonomi è il doppio della media europea. Se vogliamo semmai trovare una contrapposizione tra i due modelli non è sull’operosità che dobbiamo battere il chiodo, ma su certi miti culturali e il rapporto individuo e istituzioni.

Semplificando molto un paese dove per ottenere il successo sociale bisogna farsi da sé, produce valori diversi da chi invece trova soddisfazione in altre dimensioni. La presunta onestà nordica, ho sottolineato più volte, non va ricercata usando motivazioni antropologica, ma nell’avversione per l’arte dell’intrallazzo, attività che implica una forte propensione ai rapporti umani, una sbattimento nel tessere rapporti sociali, tutti “valori” contrari alla pigrizia nordica.

Lo Stato sociale è forte dove al calore umano della babysitter in nero preferisco la fredda efficenza dell’asilo pubblico. Da questo punto di vista i pigri sono loro, ma questo c’entra relativamente con un altro tema importante per capire l’accanimento dei paesi nordici (Germania e Finlandia in particolare) a guida conservatrice nel ribadire certi stereotipi. Questo accanimento a poco a che vedere sulle indubbie colpe di Grecia e Italia nella gestione creativa dei propri conti pubblici, ma nasconde interessi di altra natura. Cerchiamo allora di vedere cosa nasconde sotto la divisa il poliziotto interiore luterano.

ImagePer fare questo poniamo una domanda secca all’economista Ronny Mazzocchi. Lo studioso insegna economia monetaria e finanziaria all' Università di Trento, collabora con la Fondazione Italiani Europei e con l'Istituto Enciclopedia Treccani, ed è editorialista de L'Unità.

In questi anni i governi conservatori europei e in particolare quello tedesco hanno spesso usato lo stereotipo del mediterraneo pigro e inaffidabile, come causa del rallentamento delle loro virtuose economie. Quanto c’è di vero in questa visione e quanto invece i virtuosi governi nordici ci stanno guadagnando nell’avere un’Europa a due velocità?


 
< Prec.   Pros. >

Pubblicità

Image

Viaggi frizzanti, assaggi inebrianti

 

Eventi

ROMA - Villa Lante al Gianicolo
Giovedì 4 maggio

Image

Musiche di Francesco Paolo Tosti

Giovedì 4 maggio, alle ore 20, a Villa Lante al Gianicolo, omaggio a Francesco Paolo Tosti (1846-1916) con tre artisti “ambasciatori tostiani” a livello internazionale, raffinati interpreti del genere musicale della romanza da salotto e membri dell’Istituto Nazionale Tostiano di Ortona: il soprano Donata D'Annunzio Lombardi, riconosciuta come una delle principali interpreti pucciniane, Leonardo Caimi, tenore apprezzato nei teatri di tutto il mondo, Isabella Crisante, affermata pianista e consulente artistico dell’Istituto Tostiano.
Il concerto è preceduto, alle ore 18, da una presentazione multimediale ed esposizione di materiali provenienti dal museo dell’Istituto Tostiano, a cura di Gianfranco Miscia, responsabile del museo e della biblioteca dell’Istituto stesso.

Image

info: 328.6294500
Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo

 

Pubblicità

 

Eventi

Università di Napoli - L'Orientale

12 maggio, ore 12.30 -14

Image

Markku Kaskela e il centenario della Finlandia


Lo scrittore e poeta finlandese terrà una conferenza su “Finlandia: 100 anni dall’indipendenza”.

Partecipano all'incontro la prof.ssa Pirjo Nummenaho e la dott.ssa Riikka Lindholm.

Dipartimento di Studi Letterari, Linguistici e Comparati

Palazzo Santa Maria Porta Coeli, via Duomo 219

Primo piano, aula 116.