long_banner9.jpg

Percorsi

Poster Lettere al direttore
Dite la vostra
Poster Forum
Dialogo con i lettori
Poster La mia finlandia
Foto, racconti, memorie
Poster Fin Ciak
Video, clip, interviste
Poster Teatro Finlandese
Testi in traduzione italiana
Poster Guida
Indirizzi utili in italiano

Pubblicità

 

Corrivo

Image

Una App per mezzi pubblici, taxi e car sharing: a Helsinki non serve più l’auto

Le app per trovare la strada più veloce per arrivare in qualsiasi luogo, per cercare e pagare i mezzi pubblici o per usare un’auto del car sharing sono ormai di uso comune per moltissimi utenti di smartphone, anche nelle città italiane. Helsinki, ora, fa un’ulteriore passo avanti: la capitale finlandese è infatti la prima a integrare in un’unica app mappe, trasporti pubblici urbani, treni, taxi, car sharing e autonoleggio tradizionale, realizzando un vero esempio di mobilità integrata.
Lanciato in modalità test lo scorso ottobre per un numero limitato di utenti, il servizio Whim è stato realizzato dal Comune di Helsinki in collaborazione con l’Autorità regionale per i trasporti. Digitando una destinazione nell’app, si ricevono suggerimenti sul percorso ottimale per raggiungerla utilizzando un mix di sistemi di trasporto, con la possibilità di rielaborare la richiesta escludendo i mezzi che non si vogliono o non si possono utilizzare (ad esempio, il car sharing se non si ha la patente). E soprattutto, una volta selezionato il percorso preferito, Whim provvede automaticamente a pagare tutti i mezzi necessari: sui mezzi pubblici la stessa app avrà la funzione di biglietto.
Ogni utente, sulla base delle proprie esigenze di utilizzo del traporto pubblico e/o condiviso, può scegliere la modalità di pagamento preferita fra il “pay per use” (con addebito delle tariffe per i vari mezzi utilizzati) o un forfait mensile di 249 euro che offre accesso illimitato ai trasporti pubblici e 5.500 “punti Whim” per l’uso di taxi e car sharing, equivalenti a due giorni di noleggio di un’auto o otto corse di dieci chilometri in taxi. In base al test condotto in questi mesi sui primi 100 utenti, il pacchetto da 249 euro è sufficiente a coprire le necessità di trasporto della maggioranza degli utenti urbani. Ed è comunque più economico rispetto ai costi di proprietà e utilizzo di un’auto.
L’ambizione di Whim, oltre che di semplificare la vita agli attuali utenti dei mezzi pubblici, è infatti quella di offrire una reale alternativa all’auto privata, al punto da convincere molti abitanti di Helsinki a rinunciare a possederne una (lo slogan dell´iniziativa è "meglio che avere un´auto"). In futuro, con l’estensione a tutti i cittadini della possibilità di accedere al servizio, i responsabili di Whim assicurano che saranno disponibili anche altre opzioni, con pacchetti tariffari più contenuti o ancora più estesi (quindi con un numero maggiore di “punti Whim”) per soddisfare le esigenze del maggior numero possibile di utenti.
L’esperimento di Helsinki rappresenta un’esperienza importante alla quale guardano con interesse gli amministratori di molte grandi città europee e mondiali: in Italia, in particolare, il Comune e la Città metropolitana di Milano stanno lavorando da tempo a un progetto di mobilità integrata per molti aspetti simile a Whim, ma ancora non si hanno notizie sui possibili tempi di avvio di una fase sperimentale. (www.swzone.it, 23.12.16, Stefano Fossati)

 
Mac ergo sum! Stampa E-mail
di Alessandro Buoni   
Indice articolo
Mac ergo sum!
Pagina 2

Image

Steve Jobs morto? Questo lo dite voi, figli di un Windows qualsiasi

Quando ho comperato il mio Mac pro ho provato una sensazione meravigliosa. E’ bastato un attimo, appena messo piede fuori dal negozio e immediatamente un giovane possessore di Mac, riconoscibile dal tipico abbigliamento mac (pantaloni a quadri e borsa per Mac a tracolla) mi ha lanciato uno sguardo settario e ha proseguito il suo cammino e la sua missione di cambiare il Mondo.

Avete presente quei film di vampiri e licantropi o di alieni con sembianze umane che di giorno si incontrano e si scambiano segni che solo loro sanno riconoscere?
Ero stato accettato dalla massoneria Apple.
Potrei addurre infinite motivazioni al mio acquisto, estetiche, funzionali, erotico-tattili, ma la verità è un’altra. Avete presente da piccoli quando volete comperarvi la bici, la racchetta da tennis, gli sci e voi sbavate sul modello più bello, ma i vostri genitori vi dicono… intanto ti comperiamo questo, poi quando sei grande ti comperiamo (= ti comperi) il modello superfichissimo.
E’ una legge dell’educazione cattolica. Più il bambino è sinceramente interessato alla disciplina più va mortificato. Più è imbecille, capriccioso e quindi più alta è la probabilità che abbandoni l’attività, collezionando una serie infinita di oggetti in granaio, più va accontentato. Lo scopo è creare persone senza interessi, ovvero perfetti noiosi ingegneri che si rotolano come cinghiali nel fango della società tecnocratica, dove a contare è solo l’efficienza che deve creare utile, mentre la cultura, gli interessi più strampalati sono un intralcio a questo disegno.
Comperare un Mac è vendicare tutti bambini del secondo tipo, un gesto di raffinata ignoranza. Un gesto cioè che ignora il fine del gesto. Un’ignoranza che non vuole essere esibita al bar, perché tutti lo sappiano, ma che vuole essere riconosciuta da una minoranza di adepti.
La vanità esclusiva di possedere un oggetto di culto.
Il possessore di Mac è come il ducatista. La moto vibra, costa di più della concorrenza, gli dicono i possessori di giapponesi. Allo stesso modo parlano i servi di Windows.
Essendo un utilizzatore ibrido mi sono sforzato di capire gli estimatori di Windows e di conseguenza detrattori di Mac. All’obiezione sui numerosi crash e rallentamenti di Windows, l’idealtipo ingegnere risponde: beh, basta formattare e installarlo di nuovo!


 
< Prec.   Pros. >

Pubblicità

Image

Viaggi frizzanti, assaggi inebrianti

 

Eventi

ROMA - Villa Lante al Gianicolo
Giovedì 4 maggio

Image

Musiche di Francesco Paolo Tosti

Giovedì 4 maggio, alle ore 20, a Villa Lante al Gianicolo, omaggio a Francesco Paolo Tosti (1846-1916) con tre artisti “ambasciatori tostiani” a livello internazionale, raffinati interpreti del genere musicale della romanza da salotto e membri dell’Istituto Nazionale Tostiano di Ortona: il soprano Donata D'Annunzio Lombardi, riconosciuta come una delle principali interpreti pucciniane, Leonardo Caimi, tenore apprezzato nei teatri di tutto il mondo, Isabella Crisante, affermata pianista e consulente artistico dell’Istituto Tostiano.
Il concerto è preceduto, alle ore 18, da una presentazione multimediale ed esposizione di materiali provenienti dal museo dell’Istituto Tostiano, a cura di Gianfranco Miscia, responsabile del museo e della biblioteca dell’Istituto stesso.

Image

info: 328.6294500
Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo

 

Pubblicità

 

Eventi

Università di Napoli - L'Orientale

12 maggio, ore 12.30 -14

Image

Markku Kaskela e il centenario della Finlandia


Lo scrittore e poeta finlandese terrà una conferenza su “Finlandia: 100 anni dall’indipendenza”.

Partecipano all'incontro la prof.ssa Pirjo Nummenaho e la dott.ssa Riikka Lindholm.

Dipartimento di Studi Letterari, Linguistici e Comparati

Palazzo Santa Maria Porta Coeli, via Duomo 219

Primo piano, aula 116.