bann_case2.jpg

Percorsi

Poster Lettere al direttore
Dite la vostra
Poster Forum
Dialogo con i lettori
Poster La mia finlandia
Foto, racconti, memorie
Poster Fin Ciak
Video, clip, interviste
Poster Teatro Finlandese
Testi in traduzione italiana
Poster Guida
Indirizzi utili in italiano

Pubblicità

Advertisement

Corrivo

Image

Nokia in Italia

115 licenziamenti!

Riceviamo da un gruppo di lavoratori di Nokia Solutions Networks e pubblichiamo volentieri

Dal 3 ottobre 2014, data in cui Nokia ha mandato 115 lettere di licenziamento, nessun lavoratore è più entrato in azienda.
Il blocco dei lavoratori licenziati sostenuti da pochi loro colleghi attivi ha costretto la dirigenza italiana e tutti i dipendenti ad un esilio forzato causato dalla scellerata decisione di Nokia.
Una dirigenza italiana che in questi 7 anni dalla nascita di Nokia Solutions Networks (NSN, prima era Nokia Siemens Networks) ha fatto ben poco o quasi nulla per opporsi alla decisione delle 2 multinzionali: distruggere l’esperienza nelle telecomunicazioni in Italia costruita con oltre 40 anni di lavoro, studi, progetti, produzione, assistenza e tutto il resto che era presente nel nostro paese.
Da 15 giorni questa dirigenza non si presenta in azienda e da quasi 10 non ha voluto ne saputo comunicare con i propri dipendenti di fronte ad un gesto che mai si era visto in NSN e nelle aziende precedenti che l’hanno formata.
Per la 1° volta Nokia ha deciso di non intraprendere un percorso basato sulla condivisione delle scelte adducendo come motivazione che i risultati ottenuti negli ultimi anni non erano stati soddisfacenti.
Dal 2007 ad oggi pur non essendoci mai stati licenziamenti, si sono persi 2600 posti di lavoro su 3000!
Se considerano un risultato insoddisfacente perdere quasi il 90% della forza lavoro in 7 anni cosa dovevamo fare di più noi lavoratori?
Loro invece hanno firmato accordi al Ministero dello Sviluppo Economico che non sono stati rispettati, rilancio della Ricerca Radio Mobile e del Service in Italia, il settore dei Ponti Radio centro mondiale per Nokia.
E cosa è successo ? Ricerca Radio Mobile dismessa, Service ridotto ai minimi termini, Ponti Radio svenduti ad un’azienda canadese senza cedere 1 solo lavoratore !
COSA POTEVANO FARE DI PIU’ I LAVORATORI ?
A questo punto vogliamo delle risposte certe anche dalla politica, dalle istituzioni, dai mezzi di informazione, ma soprattutto dall’azienda :
come possiamo risolvere il problema dei licenziamenti in Nokia?
Rivolgiamo questa domanda Al Presidente del Consiglio Renzi, al Ministro del Lavoro Poletti, al Ministro dello Sviluppo Economico Guidi, al Governatore della Lombardia Maroni, all’Assessore regionale alle Attività produttive, Ricerca e Innovazione Melazzini, ai partiti presenti al Consiglio Regionale Lombardo , al Prefetto di Milano Tronca, al Vescovo della Diocesi di Milano Scola, al management di Nokia Italia, a tutti i lavoratori di Nokia Italia, alle Organizzazioni Sindacali confederali e di base.
C’E’ SOLO UNA RISPOSTA : NOKIA RITIRI I LICENZIAMENTI E SI RIPRENDA LA TRATTATIVA!
Noi le proposte ce le abbiamo per cambiare rotta rispetto ai licenziamenti :
1. rientro delle attività svolte da aziende esterne, come fanno tutte le aziende se vogliono tutelare i propri dipendenti;
2. contatti con una azienda italiana che produce i Ponti Radio per cercare di non disperdere il patrimonio tecnico tutto italiano di oltre 40 anni;
3. contratti di solidarietà in tutti i reparti dove sia possibile inserire da subito i lavoratori;
4. Cassa integrazione per formare tutti gli altri lavoratori da inserire nelle attività rimaste in Italia;
5. assegnazione all’Italia delle attività legate ai Ponti Radio che stanno per o sono state già assegnate in paesi dove non c’è questa competenza;
6. percorsi per tutela delle famiglie e di tutti i lavoratori con problemi economici o di salute.

La nostra non è certo una sterile e non sostenibile opposizione a questo piano di ristrutturazione che porterà solo a lungo andare alla cancellazione della presenza in Italia.
Le nostre richieste daranno una speranza anche ai lavoratori che attualmente non si sentono attaccati dalle decisioni aziendali ma che temono i prossimi tagli, visto la periodicità delle richieste di Nokia.
Invitiamo pertanto TUTTI I LAVORATORI NOKIA a dare il loro sostegno ai loro colleghi licenziati partecipando al presidio che è sempre attivo a Cassina Plaza.
Alla politica chiediamo di fare rispettare gli accordi ministeriali e di promulgare leggi che permettano di premiare le aziende virtuose che promuovono occupazione e sanzionare quelle che la distruggono dopo avere ottenuto aiuti per risolvere i problemi interni ed aiutare la ristrutturazione.
ASPETTIAMO RISPOSTE DA TUTTI, POSITIVE SOPRATTUTTO, MA ANCHE NEGATIVE, IN MODO DA CAPIRE A CHI DOBBIAMO QUESTA SITUAZIONE DI FINTA CRISI, ALMENO NEL SETTORE DELLE TELECOMUNICAZIONI CHE IN TUTTI GLI ALTRI PAESI SVILUPPATI E’ ANCORA UN SETTORE STRATEGICO.

13 ottobre 2014

 

Pubblicità

 

La Rondine - RSS Feed

La Rondine

Rondine
La Rondine

Cari lettori, stiamo rinnovando il nostro sito. Pertanto nelle prossime settimane La Rondine non sarà sempre accessibile e potra' presentare delle anomalie grafiche o di funzionamento. Ci scusiamo per gli inconvenienti.

Ultime notizie
Se vi piace il presepe...
di Gianfranco Nitti   

Image Presepio di Roberto Vanadia

Arte e tradizione del presepio italiano in mostra in Finlandia

Un pezzo di Natale italiano arriva in Finlandia. In occasione del Natale 2013 l’Istituto Italiano di Cultura e l’Ambasciata d’Italia a Helsinki hanno organizzato una grande mostra sulla tradizione del presepio con il Patrocinio del Ministero degli Affari Esteri italiano. È visibile una selezione di opere di grande pregio artistico, presentate secondo un itinerario geografico che ripercorre storia e stili tipici delle regioni di più antica tradizione, realizzate da alcuni tra i più rappresentativi artisti contemporanei.
Leggi tutto...
 
Dai confini dell'impero 5
di Luigi G. de Anna   

Image

Navi italiane in Finlandia: dai MAS del Ladoga alla Caio Duilio


Dal 13 al 18 novembre la nave della Marina militare italiana Caio Duilio, comandata dal Capitano di vascello Fabio Agostini, è stata ormeggiata nel Länsisatama di Helsinki, una visita fortemente voluta dall’ambasciatore d’Italia Giorgio Visetti. Aperta alla visita del pubblico per alcuni giorni, ha suscitato la curiosità e l’interesse dei finlandesi e della comunità italiana, per la quale era stata riservata la mattina del 16.

Leggi tutto...
 
Iittala in Italia
di Gianfranco Nitti   

Image

L'icona del design nordico apre a Milano il suo primo punto vendita in Italia

Iittala, lo storico marchio di design finlandese del Gruppo Fiskars, ha inaugurato a Milano, in Corso Monforte 19, il suo primo punto vendita e showroom in Italia. La superficie si estende su due piani dove trovano spazio l’area di vendita monomarca Iittala e lo spazio espositivo dedicato all’intera collezione del marchio.

Leggi tutto...
 
Big Deal on a Helsinki Street
di Giacomo Bottà   

Image

Intervista a Nick Triani, che mangia respira e dorme musica

Nick Triani è da anni un’istituzione per chi segue la musica indipendente in Finlandia: produttore (tra gli altri) degli Apulanta e cantante dei Treeball negli anni novanta, oggi è l’unica voce radiofonica anglofona della defunta e risorta Radio Helsinki con il programma domenicale 8 1/2. Pochi sanno che Nick, nonostante l’aplomb e l’accento indiscutibilmente britannico, nasconde sangue italiano.

Leggi tutto...
 
Tsunami Bollani a Helsinki
di Nicola Rainò   

Image

Serata evento al Kapsäkki del funambolico artista italiano. Tutti travolti

Tutti da Stefano, sabato sera. Gremita la platea del Kapsäkki, già sala cinematografica degli anni '50 riadattata minimalisticamente per ospitare concerti ed eventi. Stavolta era il turno del terzo festival del jazz "Kansi auki", creatura del mobilissimo Iiro Rantala, pianista e animatore e impresario di se stesso e di qualsiasi cosa faccia vita. Siamo tra Vallila e Sörnäinen, ai margini del centro di Helsinki, e alle 18 di sera di un sabato di novembre regna definitivo il coprifuoco dell'inverno che, più che fuori (è quasi una tarda primavera) impera dentro di noi.

Leggi tutto...
 
Dai confini dell'impero 4
di Luigi G. de Anna   

Image

Quando un Reality aiuta a capire gli altri

Chiedo venia. Oggi ai confini dell’impero si va sul frivolo. Un po’ per caso, un po’ per la complicità della gentile moglie di un caro amico di Helsinki, sono caduto anch’io nella trappola del Reality. Il Reality è una delle più abiette invenzioni dei manipolatori televisivi del villaggio globale. Quando, anni fa, dilagò il Grande fratello nelle varie edizioni italiana e finlandese pensai che peggio di così non poteva andare. Il fondo dell’idiozia umana era stato toccato.

Leggi tutto...
 
Dal Savo all'haiku
di Antonio Parente   

Image

Memorie in versi di Jukka Itkonen: "e poi più nulla"

“Non c'è bisogno di dire molto delle mie poesie. Le scrivo in luoghi e circostanze diversi”, afferma Jukka Itkonen (1951) scrittore, poeta, paroliere, traduttore, musicista, artista finlandese a tutto tondo, pluripremiato. Memorie d'infanzia in stile amarcord, la poetica degli interni, la metafisica della quotidianità, le descrizioni di paesaggi, fauna e flora nel tipico stile minimalista modernista.

Leggi tutto...
 
La Finlandia partecipa al controllo del Mediterraneo
di Gianfranco Nitti   

Image

A Lampedusa un distaccamento della Guardia di Frontiera finlandese

Tenendo fede ad un impegno espresso durante la sua recente visita a Roma lo scorso ottobre dal primo ministro finlandese Jyrki Katainen al suo collega italiano, Enrico Letta, sulla disponibilità per una concreta collaborazione con le autorità italiane per un pattugliamento nel mar Mediterraneo e sui confini marittimi intorno all’area di Lampedusa, da alcuni giorni è presente nell’isola un nucleo composto da 6 unità della guardia di frontiera provenienti dalla Finlandia, giunti con un velivolo Dornier DO-228 della stessa Guardia finnica.

Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Pross. > Fine >>

Risultati 40 - 52 di 255

Eventi

Helsinki, 23-26 ottobre

Image

Fiera del libro 2014

Quattro giorni di furori libreschi al Messukeskus di Helsinki per la Fiera del libro 2014. Più di 1100 ospiti, tra cui 60 scrittori da 11 paesi.
Ospite d'onore, quest'anno, l'Italia, con una ventina di invitati. Difficile da interpretare la scelta del pacchetto, con figure pop più che cult, dal giornalista Franco di Mare (Rai Uno Mattina) al figlio di Piero Angela, Alberto, all'eterno Beppe Severgnini. Tra gli scrittori, Silvia Avallone e Francesco Piccolo sono le figure più interessanti, insieme con uno stuolo di giovani promesse, che fanno ovviamente sperare. Immancabile chi, in omaggio alla Finlandia mitopoietica, ha scritto un'opera prima su Helsinki. Già visto, lo fanno tutti gli italiani di passaggio...
Subito dopo, per impegno e presenze, la Svezia, con ben 18 scrittori, tra cui Mark Levengood e Boel Westin.

Image

Più interessanti le figure di scrittori da altri mondi che raccontano storie di rifugiati e tragedie alla periferia del pianeta gobale, come l'iracheno Hassan Blasim. Attesa per Zinaida Lindén, di origine russa, per l'americano David J. Cord, e per il giornalista inglese Michael Booth. Il suo libro The Almost Nearly Perfect People: The Truth About the Nordic Miracle, da poco pubblicato, porge uno sguardo critico sul presunto benessere scandinavo, e sulle sue tragedie in parte celate da un sistema di welfare scricchiolante.

Image

Per la Finlandia, oltre a Sofi Oksanen, che torna carica di onori e polemiche dalla Fiera di Francoforte, le presenze di richiamo sono Salla Simukka, Leena Lehtolainen, Mauri Kunnas e Timo Parvela.

https://fi-fi.facebook.com/HelsinginKirjamessut

 

Pubblicità

Advertisement

Eventi

Eventi

Pubblicità

Advertisement