bann_case1.jpg

Percorsi

Poster Lettere al direttore
Dite la vostra
Poster Forum
Dialogo con i lettori
Poster La mia finlandia
Foto, racconti, memorie
Poster Fin Ciak
Video, clip, interviste
Poster Teatro Finlandese
Testi in traduzione italiana
Poster Guida
Indirizzi utili in italiano

Pubblicità

Advertisement

Corrivo

Image

Nokia in Italia

115 licenziamenti!

Riceviamo da un gruppo di lavoratori di Nokia Solutions Networks e pubblichiamo volentieri

Dal 3 ottobre 2014, data in cui Nokia ha mandato 115 lettere di licenziamento, nessun lavoratore è più entrato in azienda.
Il blocco dei lavoratori licenziati sostenuti da pochi loro colleghi attivi ha costretto la dirigenza italiana e tutti i dipendenti ad un esilio forzato causato dalla scellerata decisione di Nokia.
Una dirigenza italiana che in questi 7 anni dalla nascita di Nokia Solutions Networks (NSN, prima era Nokia Siemens Networks) ha fatto ben poco o quasi nulla per opporsi alla decisione delle 2 multinzionali: distruggere l’esperienza nelle telecomunicazioni in Italia costruita con oltre 40 anni di lavoro, studi, progetti, produzione, assistenza e tutto il resto che era presente nel nostro paese.
Da 15 giorni questa dirigenza non si presenta in azienda e da quasi 10 non ha voluto ne saputo comunicare con i propri dipendenti di fronte ad un gesto che mai si era visto in NSN e nelle aziende precedenti che l’hanno formata.
Per la 1° volta Nokia ha deciso di non intraprendere un percorso basato sulla condivisione delle scelte adducendo come motivazione che i risultati ottenuti negli ultimi anni non erano stati soddisfacenti.
Dal 2007 ad oggi pur non essendoci mai stati licenziamenti, si sono persi 2600 posti di lavoro su 3000!
Se considerano un risultato insoddisfacente perdere quasi il 90% della forza lavoro in 7 anni cosa dovevamo fare di più noi lavoratori?
Loro invece hanno firmato accordi al Ministero dello Sviluppo Economico che non sono stati rispettati, rilancio della Ricerca Radio Mobile e del Service in Italia, il settore dei Ponti Radio centro mondiale per Nokia.
E cosa è successo ? Ricerca Radio Mobile dismessa, Service ridotto ai minimi termini, Ponti Radio svenduti ad un’azienda canadese senza cedere 1 solo lavoratore !
COSA POTEVANO FARE DI PIU’ I LAVORATORI ?
A questo punto vogliamo delle risposte certe anche dalla politica, dalle istituzioni, dai mezzi di informazione, ma soprattutto dall’azienda :
come possiamo risolvere il problema dei licenziamenti in Nokia?
Rivolgiamo questa domanda Al Presidente del Consiglio Renzi, al Ministro del Lavoro Poletti, al Ministro dello Sviluppo Economico Guidi, al Governatore della Lombardia Maroni, all’Assessore regionale alle Attività produttive, Ricerca e Innovazione Melazzini, ai partiti presenti al Consiglio Regionale Lombardo , al Prefetto di Milano Tronca, al Vescovo della Diocesi di Milano Scola, al management di Nokia Italia, a tutti i lavoratori di Nokia Italia, alle Organizzazioni Sindacali confederali e di base.
C’E’ SOLO UNA RISPOSTA : NOKIA RITIRI I LICENZIAMENTI E SI RIPRENDA LA TRATTATIVA!
Noi le proposte ce le abbiamo per cambiare rotta rispetto ai licenziamenti :
1. rientro delle attività svolte da aziende esterne, come fanno tutte le aziende se vogliono tutelare i propri dipendenti;
2. contatti con una azienda italiana che produce i Ponti Radio per cercare di non disperdere il patrimonio tecnico tutto italiano di oltre 40 anni;
3. contratti di solidarietà in tutti i reparti dove sia possibile inserire da subito i lavoratori;
4. Cassa integrazione per formare tutti gli altri lavoratori da inserire nelle attività rimaste in Italia;
5. assegnazione all’Italia delle attività legate ai Ponti Radio che stanno per o sono state già assegnate in paesi dove non c’è questa competenza;
6. percorsi per tutela delle famiglie e di tutti i lavoratori con problemi economici o di salute.

La nostra non è certo una sterile e non sostenibile opposizione a questo piano di ristrutturazione che porterà solo a lungo andare alla cancellazione della presenza in Italia.
Le nostre richieste daranno una speranza anche ai lavoratori che attualmente non si sentono attaccati dalle decisioni aziendali ma che temono i prossimi tagli, visto la periodicità delle richieste di Nokia.
Invitiamo pertanto TUTTI I LAVORATORI NOKIA a dare il loro sostegno ai loro colleghi licenziati partecipando al presidio che è sempre attivo a Cassina Plaza.
Alla politica chiediamo di fare rispettare gli accordi ministeriali e di promulgare leggi che permettano di premiare le aziende virtuose che promuovono occupazione e sanzionare quelle che la distruggono dopo avere ottenuto aiuti per risolvere i problemi interni ed aiutare la ristrutturazione.
ASPETTIAMO RISPOSTE DA TUTTI, POSITIVE SOPRATTUTTO, MA ANCHE NEGATIVE, IN MODO DA CAPIRE A CHI DOBBIAMO QUESTA SITUAZIONE DI FINTA CRISI, ALMENO NEL SETTORE DELLE TELECOMUNICAZIONI CHE IN TUTTI GLI ALTRI PAESI SVILUPPATI E’ ANCORA UN SETTORE STRATEGICO.

13 ottobre 2014

 

Pubblicità

 

La Rondine - RSS Feed

La Rondine

Rondine
La Rondine

Cari lettori, stiamo rinnovando il nostro sito. Pertanto nelle prossime settimane La Rondine non sarà sempre accessibile e potra' presentare delle anomalie grafiche o di funzionamento. Ci scusiamo per gli inconvenienti.

Ultime notizie
Il discorso di Capodanno del presidente della Finlandia
di Gianfranco Nitti   

Image

Le questioni della pace, della democrazia e dell’Europa

Il Presidente della Finlandia Sauli Niinistö ha incentrato il tradizionale discorso di Capodanno alla Nazione sulla materia europea ed economica. Niinistö ha richiamato l'attenzione sulle tematiche sociali e ambientali più ampie: "Il mondo che cambia ci presenta grandi sfide. Per questo motivo, dobbiamo porci nuove domande: dove porterà la ridistribuzione del potere, quanti avranno abbastanza cibo e acqua, dove troveremo le nostre materie prime in futuro? "

Leggi tutto...
 
Dai confini dell'impero 6
di Luigi G. de Anna   
Image
 
'Piccolo Natale' in Finlandia: memorie pagane, si beve anche per dimenticare
 
Dicembre, tempo di Pikkujoulu. Gioa e dolori (di testa) dei finlandesi. Indubbiamente la Finlandia è l'ambiente ideale per il Natale. Babbo Natale infatti, stando almeno proprio ai finlandesi, abita a Korvatunturi, una solitaria montagna della Lapponia. Le renne pascolano nella tundra e pare che non risentano più degli effetti della nube radioattiva di Cernobyl, che inquinò i licheni di cui si nutrono.
Leggi tutto...
 
Soita Paranoid!
di Giacomo Bottà   

Image

 
Intervista a Luca ‘Lucafly’ Sturniolo, un rocker ligure a Nokia
 
Dall’Italia non fuggono solo i cervelli, quelli per dire con in tasca dottorati in informatica e brevetti biotecnologici, ci sono anche fughe di corde vocali, dita e talento. Un fenomeno non nuovo, una volta qui erano approdati Robertino e Umberto Marcato. Oggi la nuova migrazione musicante si chiama Luca Sturniolo, cantante, chitarrista e bassista che da Genova approdato ai palchi e agli studi televisivi della Finlandia.
Leggi tutto...
 
Se vi piace il presepe...
di Gianfranco Nitti   

Image Presepio di Roberto Vanadia

Arte e tradizione del presepio italiano in mostra in Finlandia

Un pezzo di Natale italiano arriva in Finlandia. In occasione del Natale 2013 l’Istituto Italiano di Cultura e l’Ambasciata d’Italia a Helsinki hanno organizzato una grande mostra sulla tradizione del presepio con il Patrocinio del Ministero degli Affari Esteri italiano. È visibile una selezione di opere di grande pregio artistico, presentate secondo un itinerario geografico che ripercorre storia e stili tipici delle regioni di più antica tradizione, realizzate da alcuni tra i più rappresentativi artisti contemporanei.
Leggi tutto...
 
Dai confini dell'impero 5
di Luigi G. de Anna   

Image

Navi italiane in Finlandia: dai MAS del Ladoga alla Caio Duilio


Dal 13 al 18 novembre la nave della Marina militare italiana Caio Duilio, comandata dal Capitano di vascello Fabio Agostini, è stata ormeggiata nel Länsisatama di Helsinki, una visita fortemente voluta dall’ambasciatore d’Italia Giorgio Visetti. Aperta alla visita del pubblico per alcuni giorni, ha suscitato la curiosità e l’interesse dei finlandesi e della comunità italiana, per la quale era stata riservata la mattina del 16.

Leggi tutto...
 
Big Deal on a Helsinki Street
di Giacomo Bottà   

Image

Intervista a Nick Triani, che mangia respira e dorme musica

Nick Triani è da anni un’istituzione per chi segue la musica indipendente in Finlandia: produttore (tra gli altri) degli Apulanta e cantante dei Treeball negli anni novanta, oggi è l’unica voce radiofonica anglofona della defunta e risorta Radio Helsinki con il programma domenicale 8 1/2. Pochi sanno che Nick, nonostante l’aplomb e l’accento indiscutibilmente britannico, nasconde sangue italiano.

Leggi tutto...
 
Tsunami Bollani a Helsinki
di Nicola Rainò   

Image

Serata evento al Kapsäkki del funambolico artista italiano. Tutti travolti

Tutti da Stefano, sabato sera. Gremita la platea del Kapsäkki, già sala cinematografica degli anni '50 riadattata minimalisticamente per ospitare concerti ed eventi. Stavolta era il turno del terzo festival del jazz "Kansi auki", creatura del mobilissimo Iiro Rantala, pianista e animatore e impresario di se stesso e di qualsiasi cosa faccia vita. Siamo tra Vallila e Sörnäinen, ai margini del centro di Helsinki, e alle 18 di sera di un sabato di novembre regna definitivo il coprifuoco dell'inverno che, più che fuori (è quasi una tarda primavera) impera dentro di noi.

Leggi tutto...
 
Dai confini dell'impero 4
di Luigi G. de Anna   

Image

Quando un Reality aiuta a capire gli altri

Chiedo venia. Oggi ai confini dell’impero si va sul frivolo. Un po’ per caso, un po’ per la complicità della gentile moglie di un caro amico di Helsinki, sono caduto anch’io nella trappola del Reality. Il Reality è una delle più abiette invenzioni dei manipolatori televisivi del villaggio globale. Quando, anni fa, dilagò il Grande fratello nelle varie edizioni italiana e finlandese pensai che peggio di così non poteva andare. Il fondo dell’idiozia umana era stato toccato.

Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Pross. > Fine >>

Risultati 40 - 52 di 250

Eventi

Banca di Finlandia

Image

Mario Draghi in visita a Helsinki

Mario Draghi, presidente della Banca Centrale Europea, ha in programma una visita alla Banca di Finlandia, a Helsinki, dal 26 al 27 novembre a seguito di un invito da parte del Governatore Erkki Liikanen. La visita rientra nell’ambito della regolare cooperazione tra la BCE e la Banca di Finlandia.
Nel corso della sua visita, il presidente Draghi incontrerà il primo ministro Alexander Stubb ed il ministro delle finanze Antti Rinne. In programma anche una visita al Parlamento finlandese. Il presidente Draghi terrà inoltre un discorso all'Università di Helsinki il 27 novembre nell’ambito di un seminario ivi previsto; è possibile iscriversi a questo evento tramite il sito web della Banca di Finlandia. Il discorso verterà sull'economia europea, e, al suo termine, il pubblico avrà la possibilità di porre domande. L'evento si terrà in lingua inglese.
La pre-registrazione per tutti i partecipanti è richiesta entro e non oltre giovedì, 20 novembre 2014, collegandosi a www.lyyti.in/draghikutsu
Le porte saranno aperte dalle 12:45, mentre il discorso comincerà dalle 13,30 per concludersi alle 14,30.
Le prenotazioni per levento sono esaurite. È possibile aggiungere il proprio indirizzo ad una lista d’attesa, lasciando il proprio indirizzo e-mail tramite il modulo di registrazione al link sopra indicato. In caso di posti disponibili, si riceverà una notifica via e-mail. (Gianfranco Nitti)

 

 

Pubblicità

Advertisement

Eventi

Eventi

Pubblicità

Advertisement