bann_case2.jpg

Percorsi

Poster Lettere al direttore
Dite la vostra
Poster Forum
Dialogo con i lettori
Poster La mia finlandia
Foto, racconti, memorie
Poster Fin Ciak
Video, clip, interviste
Poster Teatro Finlandese
Testi in traduzione italiana
Poster Guida
Indirizzi utili in italiano

Pubblicità

Advertisement

Corrivo

Ateneum - Helsinki

Image

Tove Jansson

Al museo d'arte Ateneum è un grande successo la mostra commemorativa dei 100 anni dalla nascita di Tove Jansson (1914-2001). L'esposizione riunisce un gran numero di opere, dai primi dipinti degli anni '30, alle copertine della rivista Garm, fino ai Moomin.
Nata nel 1914 a Helsinki, da una famiglia della minoranza di lingua svedese, Tove Jansson studia arte prima alla Tekniska Skolen di Stoccolma, poi alla Suomen Taideyhteys di Helsinki e all'École d'Adrien Horly a Parigi. Nel 1943, durante la Seconda Guerra Mondiale, tiene la prima mostra personale.
Conosciuta in tutto il mondo come la “madre” dei Moomin, le creature fantastiche che popolano le fiabe per bambini, Tove Jansson è soprattutto una grande artista dalle mille sfaccettature. La sua produzione va dalla pittura surrealista all'astrattismo, per non dire della satira politica, delle illustrazioni e dei dipinti murali.

Image

La mostra, curata da Tuula Karjalainen (autrice della biografia Tove Jansson - tee työtä ja rakasta), è allestita al secondo piano del museo.
Si parte dalle sale 6-7-8 che ospitano souvenirs della vita di Tove Jansson e le prime opere pittoriche dell'artista. Nei suoi primi lavori si nota già una vena surrealista: i paesaggi sono caratterizzati da vene di misticismo e da forti contrasti.
Nelle sale 9-10 si trovano i lavori risalenti agli anni della guerra, tra cui le illustrazioni pubblicate sulla rivista satirica, di lingua svedese, Garm. Le sale 12-13 raccolgono i lavori degli anni 1940-1960: paesaggi di città, nature morte e dipinti murali. La Jansson trovava ispirazione nei suoi viaggi all'estero ma, soprattutto, nel suo ambiente naturale: la città di Helsinki.
La sala 15 ospita le opere di arte astratta a cui, la Jansson, si è dedicata tra gli anni 1960 e '70.
Le sale 16-17 portano il visitatore nel magico mondo dei Moomin, creature fantastiche legate alla loro terra e alla famiglia. Non a caso, i personaggi dei Moomin sono stati ispirati dai membri della famiglia di Tove Jansson. La mostra si conclude nelle sale 18-19 con le illustrazioni di Liisa Ihmemaassa. (Myriam D'Onofrio)

Image

La mostra è aperta fino al 7.09.2014.
Il programma completo per la celebrazione del centenario di Tove Jansson è sul sito: www.tove100.fi

 

Pubblicità

 

La Rondine - RSS Feed

La Rondine

Rondine
La Rondine

Cari lettori, stiamo rinnovando il nostro sito. Pertanto nelle prossime settimane La Rondine non sarà sempre accessibile e potra' presentare delle anomalie grafiche o di funzionamento. Ci scusiamo per gli inconvenienti.

Ultime notizie
La Finlandia partecipa al controllo del Mediterraneo
di Gianfranco Nitti   

Image

A Lampedusa un distaccamento della Guardia di Frontiera finlandese

Tenendo fede ad un impegno espresso durante la sua recente visita a Roma lo scorso ottobre dal primo ministro finlandese Jyrki Katainen al suo collega italiano, Enrico Letta, sulla disponibilità per una concreta collaborazione con le autorità italiane per un pattugliamento nel mar Mediterraneo e sui confini marittimi intorno all’area di Lampedusa, da alcuni giorni è presente nell’isola un nucleo composto da 6 unità della guardia di frontiera provenienti dalla Finlandia, giunti con un velivolo Dornier DO-228 della stessa Guardia finnica.

Leggi tutto...
 
Dai confini dell'impero 3
di Luigi G. de Anna   

Image

Perché il tango si addice ai finlandesi

La Finlandia è il Paese del tango. Lento, malinconico, un po’ legnoso rispetto al suo eponimo argentino, è la passione degli abitanti di Suomi, che, notoriamente, non è una repubblica, ma una monarchia elettiva (come la Malesia), tanto che ogni anno elegge un suo re e una sua regina, del tango appunto.

Leggi tutto...
 
Dai confini dell'impero 2
di Luigi G. de Anna   

Image disegno di Beppe Giacobbe

XIII settimana della lingua italiana. Ma sopravviverà, l’italiano?

Si è da poco tenuta in Finlandia la settimana della lingua italiana che, dal 2001, si celebra in tutto il mondo nella seconda metà di ottobre. Si tratta di un'ottima iniziativa, propagandata dalla direzione generale delle relazioni culturali del ministero degli esteri per diffondere la lingua italiana all'estero, realizzata in Finlandia dall’Istituto italiano di cultura, spesso in collaborazione con i locali comitati della benemerita Dante Alighieri e con le università.

Leggi tutto...
 
Nostra intervista a Jyrki Katainen
di Gianfranco Nitti   

Image

Finlandia impegnata nella lotta alla disoccupazione giovanile

Per non ripetere gli errori del passato e sostenere i giovani. Proprio su questa tematica abbiamo chiesto al primo ministro finlandese Jyrki Katainen, durante la sua recente visita a Roma ed in occasione della conferenza stampa congiunta col suo collega italiano Enrico Letta, quali siano le misure adottate in Finlandia dal suo governo per contrastare il problema, che ha dimensioni europee, e riguarda l'Italia quanto la Finlandia.

Leggi tutto...
 
La mitologia del Kalevala
di Vesa Matteo Piludu   

Image

Esce in traduzione italiana il noto saggio di Juha Pentikäinen

Juha Pentikänen, Docente di Etnografia Nordica presso l’Università di Rovaniemi, è ben conosciuto in Italia dopo il grande successo della sua mostra “Orsi e Sciamani”, che ha appassionato il pubblico in molte città italiane. È stato anche uno dei più attivi protagonisti dei festival Findandia e Kalevala a Cividale del Friuli.

Leggi tutto...
 
Noi fummo la Nokia
di Alessandro Maccari   

Image

La storia recente del colosso finlandese vista dal suo interno

Fu il dicembre del 1996 quando mi avvicinai alla Nokia. Ero stato in Finlandia l’estate precedente, e l’avevo inserita (soprattutto per simpatia verso il luogo) tra le aziende papabili per trascorrere qualche mese all’interno e laurearmi con una tesi sperimentale. Scrissi anche ad altre tre multinazionali europee, inviando il mio curriculum e una lettera di presentazione abbastanza standard, da cui traspariva che avrei accettato quasi ogni lavoro, purché interessante e pagato decentemente.

Leggi tutto...
 
C’era una volta una stazione
di Giorgio Tricarico   

Image

A Milano come a Helsinki, il pensiero unico del consumismo divora i luoghi, fuori e dentro

I gomiti appoggiati sulla piazza Duca D’Aosta, la Stazione Centrale osserva la città distesa davanti a sé, sin dal 1931, anno della sua inaugurazione. La “M” di Milano sembra divertirsi a ricorrere negli aggettivi che solitamente la descrivono: mastodontica, massiccia, monumentale, talvolta minacciosa, nella sua imponente mole marmorea.

Leggi tutto...
 
I mass media italiani ad un bivio: evoluzione o agonia?
di Redazione   

Image
 
Il sistema dell'informazione italiana sotto i riflettori finlandesi
 
“I mass media italiani ad un bivio: evoluzione o agonia?” è stato il tema di una relazione tenuta a Helsinki dal giornalista e corrispondente da circa 25 anni della stampa estera dall'Italia, Gianfranco Nitti, esperto, in particolare, in materie che riguardano la Finlandia e i rapporti con l'Italia.
Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Pross. > Fine >>

Risultati 40 - 52 di 248

Eventi

Image

Mika Waltari

Gli amanti di Bisanzio

Pubblicato da Iperborea il romanzo di Mika Waltari che era stato dato alle stampe in finlandese nel 1952 col titolo Johannes Angelos. Ora esce, nella traduzione integrale di Nicola Rainò, col titolo Gli amanti di Bisanzio.

È un grande romanzo storico sugli ultimi giorni di Costantinopoli, in cui una storia d’amore si fa racconto e simbolo dell’eroica resistenza di una città, prima della caduta dell’Impero Romano d’Oriente. È il 1452 quando Johannes Angelos arriva a Costantinopoli. Letterato, mistico, avventuriero, la sua vita è un perenne errare, dal Palazzo dei Papi di Avignone al Concilio di Basilea, dalla ricca Firenze all’ultima crociata, fino a un posto d’onore alla corte di Maometto II. Ma rispondendo al richiamo del destino e delle sue segrete origini, rinuncia a tutto per andare a difendere Bisanzio dai turchi. È lui stesso a raccontare nel suo diario l’epocale assedio, l’impotenza di un popolo che assiste al crollo delle sue mura millenarie, l’agonia di un impero ormai snaturato dagli intrighi di potere tra greci e latini, la timorata lealtà di Costantino XI contro l’astuzia machiavellica del Sultano. Pronto ad affrontare la morte certa, l’ultima cosa che Angelos si aspetta è di trovare l’amore tra le braccia di Anna Notaras, l’intoccabile figlia del temuto megaduca. Un amore tempestoso come la battaglia che imperversa sui bastioni e impossibile come il futuro dell’ultima Roma.

Gli amanti di Bisanzio è il monumentale affresco del tramonto di un’epoca. Racchiudendo in sé la fede, gli ideali e gli universali di un’antichità che ha saputo conciliare Oriente e Occidente, Angelos è destinato a soccombere a un nuovo tempo in cui la materia ha il sopravvento sullo spirito, la legge economica su quella morale, il calcolo sulla passione.

Image

http://iperborea.com/titolo/384/

 

Pubblicità

Advertisement

Eventi

Eventi

Pubblicità

Advertisement