long_banner9.jpg

Percorsi

Poster Lettere al direttore
Dite la vostra
Poster Forum
Dialogo con i lettori
Poster La mia finlandia
Foto, racconti, memorie
Poster Fin Ciak
Video, clip, interviste
Poster Teatro Finlandese
Testi in traduzione italiana
Poster Guida
Indirizzi utili in italiano

Pubblicità

 

Corrivo

Museo Sinebrychoff – Helsinki

Image

Fantasie veneziane dei Tiepolo
La collezione Pieraccini

Grande occasione al Museo Sinebrychoff di ammirare splendide opere firmate Tiepolo: non solo di Giovanni Battista, ma anche dei figli Giovanni Domenico e Lorenzo. Si tratta di disegni e grafiche che fanno parte della Collezione di Rolando e Siv Pieraccini.
Giovanni Battista Tiepolo, il grande artista veneziano che con la sua grazia pittorica e la sua forza immaginativa divenne protagonista delle corti del '700, aveva uno spiccato talento anche nel creare "in piccolo" e rigorosamente in bianco e nero. Proprio nell'arte dell'incisione, Giovanni Battista Tiepolo (1696 - 1770), raggiunse livelli di altissima qualità tecnica ed espressiva, codificando una sua personale originalità.
L'incisione fu per Giambattista un'arte coltivata in maniera molto riservata, anche se vi infuse un grande impegno, arrivando a una serie d'opere di straordinario interesse iconografico. Si tratta di una produzione non destinata al mercato: fu, infatti, il figlio Giandomenico a pubblicare per la prima volta l'opera incisoria del padre dopo la sua scomparsa. Unanime è stato il riconoscimento critico della straordinaria felicità tecnica del Tiepolo: "L'artista sembra non conoscere indecisione e traduce in una sorta di diagramma lineare l'impulso creativo più intimo e profondo, tale da esaltare gli effetti di una luminosità vibrante che pervade scenari misteriosi" (C. Tonini).
Caratteristiche che vengono testimoniate dai Capricci, divertissements con suggestioni letterario-filosofiche e un repertorio di figure misteriose ed inquietanti. Alla mostra contribuiscono i figli Giandomenico e Lorenzo. La levità del tocco grafico di Giambattista lascia posto nell'opera del figlio Giandomenico ad un uso sapiente della tecnica dell'acquaforte, che talvolta sfiora effetti virtuosistici, mentre Lorenzo mostra di aver raggiunto un alto magistero tecnico nell'uso del chiaroscuro a traduzione dei valori cromatici.

Museo Sinebrychoff-
2 giugno - 4 settembre

sinebrychoffintaidemuseo.fi/en/

 

La Rondine - RSS Feed

La Rondine

Rondine
La Rondine

Cari lettori, stiamo rinnovando il nostro sito. Pertanto nelle prossime settimane La Rondine non sarà sempre accessibile e potra' presentare delle anomalie grafiche o di funzionamento. Ci scusiamo per gli inconvenienti.

Ultime notizie
Dai confini dell'impero 51
di Luigi G. de Anna   

Image

Il burkini e il pendolo della morale

Il tormentone della fine di questa estate è rappresentato dal “burkini sì, burkini no”. Tutto è cominciato in Costa Azzurra, a Cannes, dove il sindaco ha emanato un’ordinanza con cui si proibisce di indossare questo nuovo tipo di costume da bagno. Dopo Cannes, è stata la volta di Villeneuve-Loulet, Leucate e di Sisco in Corsica, ma la proibizione si è oramai estesa anche alle spiagge del nord della Francia, a Oye-Plage e La Touquet. In Germania, il sindaco di Neutraubling, una cittadina bavarese, ha proibito l’uso del burkini nella piscine pubbliche, giustificandosi con motivi di igiene.

Leggi tutto...
 
Caro Luigi, e son settanta
di Nicola Rainò   

Image

Intervista a Luigi G. de Anna in occasione del suo compleanno

Luigi de Anna ha appena compiuto settanta anni. Studioso di Storia, con interessi amplissimi, autore e curatore di libri che hanno fatto da ponte per decenni tra Italia e Finlandia, direttore della bella (e unica) rivista di Studi italo-finlandesi che sia durata nel tempo, "Settentrione", Luigi ha fatto del suo Istituto a Turku un luogo di osservazione e di ospitalità da cui sono passate tante belle intelligenze. Il suo caparbio lavoro e la sua passione di studioso hanno dato un'immagine dell'Italia in Finlandia meno provinciale di quanto spesso qui sia stata data. Lo ringrazio sinceramente per tanti anni di generosa collaborazione, e gli faccio qualche domanda, qualcuna non necessariamente generosa. Son settanta. Il primo pensiero quando ti sei svegliato?
Dove ho dimenticato il cellulare.

Leggi tutto...
 
Finnair migliore compagnia aerea del Nord Europa
di Gianfranco Nitti   

Image

Riconoscimento di Skytrax per il settimo anno consecutivo

La compagnia di bandiere finlandese Finnair è stata riconosciuta per il 7° anno consecutivo come la migliore compagnia aerea del Nord Europa in sede di Skytrax World Airline Awards. Organizzato da Skytrax, il riconoscimento si basa su un sondaggio indipendente di 19 milioni di viaggiatori provenienti da oltre 100 paesi.

Leggi tutto...
 
Dai confini dell'impero 50
di Luigi G. de Anna   

Image The Killing Fields

Morto Sydney Schanberg: con Terzani, vide passare la Storia

Sul Bangkok Post del dieci luglio ho letto che a New York è morto Sydney Schanberg, Premio Pulitzer del giornalismo, uno degli ultimi grandi corrispondenti di guerra della nostra epoca. La sua fama risale alla guerra del Vietnam, la stessa che rese celebre Tiziano Terzani.

Leggi tutto...
 
"Finnskogarnas magi" di Anna Fält
di Vesa Matteo Piludu   

Image (Foto J.Pedersen)

A Kuhmo risuona la voce dei Finni delle foreste

Giovedì 30 giugno alle 17 al festival Sommelo di Kuhmo è di scena Finnskogarnas magi, l’affascinante concerto solista di Anna Fält, che ha già conquistato il cuore del pubblico di Stoccolma e Helsinki nel 2015. A dire il vero, Finnskogarnas magi è piu di un concerto: si tratta di un viaggio teatrale sui sentieri della memoria perduta dei Finni delle foreste (metsäsuomalaiset in finlandese, skogsfinnar in svedese, skogfinner in norvegese); la Fält presenterà i loro canti, runi, incantesimi, riti di guarigione e aspetti delle tradizioni quotidiane.

Leggi tutto...
 
Dai confini dell'impero 49
di Luigi G. de Anna   

Image

L'Asia in casa: la moglie tailandese e il "farang"

Come fa da qualche estate a questa parte, il Corrispondente della Rondine dai confini dell’impero si sposta nelle Terre del Sud-est asiatico. Certo, lasciare l’estate finlandese, la più bella del mondo (se non piove troppo) per quella dei Tropici, con la sua calura asfissiante e le sue piogge torrenziali non è forse una buona idea, ma i ritmi familiari hanno una loro logica che va rispettata. La ”mia Thailandia” non ha però per fortuna molto a che fare con quella del turismo che approda nelle località di mare.

Leggi tutto...
 
Dai confini dell'impero 48
di Luigi G. de Anna   

Image La Suomen Joutsen

Stefano Benazzo porta l’Amerigo Vespucci a Turku

A volte si rischia di fare delle gaffe. Pensavo che alla mia non più tenera età non corressi più il rischio, avendo già bbastanza imparato. Ma le sorprese non finiscono mai. Qualche giorno fa ricevo un invito da Marcello Matera, direttore dell’Istituto italiano di cultura di Helsinki. Si tratta dell’inaugurazione della mostra Merestä ja kohtalosta. Tuuleen vanavedessä (Del mare e del destino. Portati dal vento) del fotografo e artista figurativo Stefano Benazzo, organizzata appunto dall’IIC, dall’Ambasciata d’Italia e dal museo Forum Marinum di Turku.

Leggi tutto...
 
"Toscana": un libro di storie di cucina
di Nicola Rainò   

Image

Quanto sa di parmigiano il buon tempo antico di Toscana

“Una cucina da poveri che può stare sulla tavola di un re”, esclamò un importante uomo di stato al seguito di Vittorio Emanuele II, esaltando la scoperta della gastronomia toscana a un piemontese di gusti notoriamente "popolari". Ecco, eleganza senza fronzoli, il marchio di quella Toscana non a caso patria di Caterina de' Medici. Che, come è noto, portò alla corte francese i suoi cuochi dal Mugello i quali, secondo Pierre de Brantôme, “sapevano molto bene accoppiare le leccornie alla lubricità e a quanto e più la scienza medica conoscesse”.

Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Pross. > Fine >>

Risultati 1 - 13 di 267

Pubblicità

Image

Viaggi frizzanti, assaggi inebrianti

 

Eventi

Image

Inari: Festival della notte senza notte

Inari, nella Lapponia finlandese, sulle sponde dell’omonimo lago, ospita la 13a edizione del Festival multiculturale “Ijahis Idja”; il nome del Festival, nella lingua Sámi del Nord, vuol dire ‘notte senza notte’. Qui nel mese di agosto ila magia della breve notte può ancora essere percepita nella “Ijahis Idja” con il meglio della musica Sámi, così come con esempi di musica di altri nativi di queste zone artiche.
Ma questa edizione di un evento unico del suo genere in Europa non si limita alla sola musica in varie sue forme, ma si estende ad una molteplicità di eventi culturali, come dibattiti, seminari, attività per ragazzi e bambini.
L'evento inizia il 19 agosto con programma per bambini e per giovani. Nel corso della giornata, previsto un concerto, proiezionedi film Sámi e concerti di giovani promesse.
In serata, si svolge nell’auditorium Sajos una rappresentazione del Giron Sámi Teáhter con il lavoro, "Doala Dolat Heakkas": un viaggio nella vita e arte di un artista poliedrico Sámi e sciamano, Ailo Gaup.
L'artista più attesa del festival è la cantautrice Sofia Jannok, Sámi svedese, che ha recentemente pubblicato un nuovo disco, "ORDA - Questa è la mia terra". A parte la sua musica, Sofia è nota come attivista e e promotrice dei diritti dei Sámi. Questo suo umpegno civile è rispecchiato anche nella sua musica, per esempio in canzoni come "Siamo ancora qui" e "Questa è la mia terra (Lapponia)". La sua musica è una combinazione di pop e poweryoik. La Jannok stessa ha detto che la musica è un suo modo di contribuire al cambiamento. Lei e il suo gruppo si esibiranno sul palco esterno a Sajos. Sofia Jannok ha già una lunga carriera nella musica Sámi e sta girando il mondo da molti anni.
Sempre venerdì appuntamento col gruppo di musica elettronica Ylva e il rapper AMOC con la sua band.
Il 20 inizia con un seminario di musica che si svolge nel vicino museo Sámi Siida. Nel seminario si intende conoscere giovani musicisti Sámi e la loro arte. Tra i relatori ospiti del seminario l’eclettico artista Sámi Niillas Holmberg.
La giornata prosegue con la Yle Sápmi Arena, che è prodotto da Yle Sápmi. Si tratta di un'arena di discussione con i temi caldi del giorno e si terrà in tutte le lingue Sámi  parlate in Finlandia.
Nel pomeriggio, Ulla Pirttijärvi & Ulda e Ánnámáret Ensemble si esibiranno nell’auditorium Sajos con un concerto a base di canti tradizionali Sámi yoik, leu'dd e livđe.
Altra musica tradizionale yoik sarà eseguita da Johan Anders Baer con il gruppo Dronefolk, seguiti dal gruppo etno rock Irdon. Ed ancora il gruppo di musica elettronics Agy per chiudere con la leggendaria band del festival, Felgen Orkester. (G. Nitti)

Image

http://www.ijahisidja.fi/en/artists-2016/programme-2016.php
http://www.sogku.fi/live/
https://www.youtube.com/watch?v=riXVuhlMNQA

 

 

Pubblicità

 

Eventi